Ragazzo sparato a San Martino: revocata misura cautelare

1' di lettura

Il Tribunale del Riesame di Napoli ha revocato la misura cautelare a carico del 32enne, Giuseppe Di Martino, accusato di essere il principale autore dei due agguati armati avvenuti in valle Caudina lo scorso ottobre. Due ragazzi, uno a Cervinara e un altro a San Martino Valle Caudina, erano stati feriti alle gambe da colpi di pistola.

La vicenda giudiziaria

Gli avvocati, Valeria Verrusio e Angelo Adamo, erano riusciti a ottenere la riqualifcazione del reato in lesioni aggravate e la non convalida del fermo. Il sostituto procuratore, Paola Galdo, dopo gli accertamenti affidati all’ingegnere ed esperto di balistica, Alessandro Lima, aveva impugnato con successo la decisione del gip. Per semplificare: il magistrato aveva di nuovo stabilito che si trattasse di tentato omicidio, perché per l’accusa la traiettoria dei sette bossoli calibro 9 per 21, rinvenuti dai carabinieri del posto, era a suo dire compatibile con un tentato omicidio.

Ma ora è arrivato un nuovo colpo di scena. Grazie a nuovi elementi di prova, i due difensori sono riusciti a ottenere una nuova riqualificazione in lesioni aggravate e ottenere la revoca della misura cautelare. Di Martino risponde anche di porto e detenzione abusiva di armi da fuoco.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie