Rapper sparato a Contrada: 3 condanne, 6 a processo

Rapper-sparato-a-Contrada-3-condanne-6-a-processo
2' di lettura

Arrivano le prime condanne per il tentato omicidio del rapper Federico Petrone (difeso dall’avvocato Nobile Viviano), ferito da un colpo di pistola a Contrada, in provincia di Avellino, lo scorso gennaio. Il gup presso il tribunale del capoluogo irpino, Paolo Cassano, al termine del rito abbreviato che si è concluso qualche minuto fa, ha stabilito 3 anni e 8 mesi per Gerardo Ciuci, 19 anni, un anno e dieci mesi per Alessandro Maglio, 19 anni, e otto mesi per Gerardo Spagnuolo, 22 anni, accusato di favoreggiamento.

La difesa di Ciuci, affidata agli avvocati Ettore Freda ed Edoardo Fiore, è riuscita a ottenere, grazie anche alla consulenza dell’esperto di balistica
Giuseppe Cristofaro e e del medico legale Emilio D’Oro, la derubricazione del reato da tentato omicidio a lesioni aggravate. Insomma, Ciuci non avrebbe provato a uccidere Petrone. Così si spiegano le pene, decisamente più miti, rispetto a quelle chieste dal pubblico ministero, Paola Galdo, che aveva proposto sei anni e quattro mesi di reclusione per Ciuci, tre anni e tre mesi per Maglio e un anno e sei mesi per Spagnuolo. Quindici giorni per conoscere le motivazioni. Poi le sentenze saranno impugnate in Appello per ottenere un ulteriore sconto di pena.

Il magistrato ha poi spedito a processo Gerardo Saldutti, 23 anni, Roberto Bucciero, 22 anni, Flavio Preziuso, 22 anni, Patryk Kowalski, 24 anni, Donato Ciuci, 46 anni e Giuseppe Del Franco, 23 anni. La prima udienza si terrà l’8 maggio.

I dettagli dell’inchiesta

Per la Procura Ciuci e alcuni amici avrebbero circondato e bloccato Petrone, prima di ferirlo con un colpo di pistola a un braccio. L’imputato – secondo quanto accertato dai carabinieri di Baiano guidati da Gianluca Candura – aveva attirato a Contrada Petrone e i suoi amici con dei messaggi.

I consulenti della Procura di Avellino, gli ingegneri Alessandro Lima e il medico legale Elena Picciocchi, in un documento di oltre 130 pagine, hanno spiegato come il colpo che ha ferito Petrone sia stato sparato da distanza ravvicinata da una pistola semiautomatica Glock che apparteneva al padre di Gerardo Ciuci, accusato perciò di omessa custodia. La difesa di Ciuci, grazie a una consulenza di parte, ha invece smentito proprio quella ricostruzione. E spiegato come si sia trattato di un colpo di rimbalzo, chiarendo come non ci fosse da parte di Ciuci la volontà di uccidere Petrone. Aspetto ribadito anche dall’imputato che aveva parlato di una colluttazione che aveva preceduto lo sparo, partito in modo accidentale.

Per gli altri imputati il processo inizierà a maggio. La difesa sarà rappresentata, fra gli altri, dagli avvocati Michele Scibelli, Lorenzo Addivinola, Enrico Matarazzo, Rolando Iorio, Marina Pierro, Nello Pizza e Pasqualino Del Guercio Pasqualino Del Guercio e Giuseppe Di Gaita.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie