Rapper sparato a Contrada: arriveranno i primi risarcimenti

2' di lettura

Gerardo Ciuci, il 19enne accusato di aver sparato al rapper di Serino (Avellino), Federico Petrone, la sera del 9 gennaio, risarcirà tutte le parti civili del processo limitatamente alle proprie responsabilità. Poi, il aprile, si terrà l’udienza preliminare con rito abbreviato.

Il ragazzo è finito un’indagine che conta complessivamente nove imputati accusati, a vario titolo, di tentato omicidio, minacce, favoreggiamento personale, omessa custodia d’armi.

I dettagli dell’inchiesta

L’indagine ruota intorno agli accertamenti dei carabinieri della compagnia di Baiano, agli ordini del comandante Gianluca Candura, e dalle perizie redatte in fase di indagine. Affidate per la Procura all’ingegnere, Alessandro Lima, già consulente per i magistrati avellinesi nella strage del bus dell’Acqualonga, e al medico legale, Elena Picciocchi.

Durante l’indagine erano due le versioni emerse. Per Petrone, rappresentato dall’avvocato Viviano Nobile, il 19enne e altri amici avrebbero circondato la vittima, il fratello e alcuni ragazzi, minacciandoli. E poi il 19enne avrebbe ferito Petrone al braccio con un colpo di pistola. L’imputato, difeso dagli avvocati Ettore Freda ed Edoardo Fiore, ha sempre sostenuto la versione del colpo accidentale.

Alessandro Lima, ingegnere incaricato della ricostruzione balistica dalla Procura


Così la Procura aveva commissionato la consulenza all’ingegnere, Alessandro Lima, e alla dottoressa, Elena Picciocchi. Nel documento, di oltre 130 pagine, c’era la ricostruzione balistica dei fatti integrata dalle verifiche sulla ferita riportata da Petrone.

Per i consulenti della Procura il colpo sarebbe stato sparato da distanza ravvicinata da una pistola semiautomatica Glock che apparteneva al padre di Gerardo Ciuci, di qui l’accusa a carico dell’uomo di omessa custodia. Una delle consulenze di parte sosteneva invece che Petrone fosse stato colpito da un colpo di rimbalzo. Tesi smentita da Lima nelle sue controdeduzioni. Ad aprile dovrebbe arrivare il primo verdetto proprio per l’imputato che ha scelto l’abbreviato.
Gli altri imputati sono assistiti da Lorenzo Addivinola, Enrico Matarazzo, Antonio Todisco, Giuseppe Scafuro, Marina Pierro, Nello Pizza e Pasqualino Del Guercio Pasqualino Del Guercio e Giuseppe Di Gaita.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie