Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Reddito di cittadinanza / Rdc, abbassare il reddito con ISEE corrente: quando si può

Rdc, abbassare il reddito con ISEE corrente: quando si può

Rdc, abbassare il reddito con ISEE corrente: scopri quando si può utilizzare l'aggiornamento dell'ISEE per abbassare il reddito e ottenere il Reddito di cittadinanza.

di Imma Duni

Febbraio 2023

Abbassare il reddito con ISEE corrente per ottenere il Reddito di cittadinanza: vediamo insieme quando è possibile (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sul Reddito di Cittadinanza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Rdc, abbassare il reddito con ISEE corrente: quando si può fare

Come abbassare il reddito con ISEE corrente? In alcuni casi può essere utile fare l’ISEE corrente per attestare la situazione economica familiare più recente e ottenere l’Rdc, oppure ottenere un Reddito di cittadinanza più alto.

L’ISEE corrente non sempre si può fare. È indispensabile soddisfare i seguenti requisiti:

Se si sono subite perdite sia reddituali che patrimoniali, nell’ISEE corrente potranno essere inserite entrambe, in questo modo la situazione economica familiare sarà fotografata correttamente dal documento.

In caso di perdita di lavoro, l’ISEE corrente può essere richiesto e presentato il 1° gennaio di ogni anno, dopo aver elaborato la DSU, e avrà una valenza di sei mesi.

Se dopo aver ottenuto il documento, la situazione economica dovesse migliorare (perché si è trovato un nuovo lavoro, per esempio) e quindi si guadagnano dei redditi utili ai fini IRPEF, è necessario presentare nuovo ISEE corrente entro due mesi dall’inizio della variazione positiva.

In caso di variazione peggiorativa del proprio patrimonio, l’ISEE corrente può essere presentato dal 1° aprile di ogni anno e ha validità fino al 31 dicembre dell’anno di sottoscrizione.

Le stesse date valgono se nell’ISEE sono inserite sia perdite reddituali che patrimoniali.

Aggiungiti al gruppo Telegram sul Reddito di Cittadinanza ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Abbassare il reddito con ISEE corrente: come fare

Come abbassare il reddito con ISEE corrente? I documenti essenziali per richiedere e ottenere l’ISEE corrente sono:

Per rispondere alla domanda su quante volte si può fare l’ISEE corrente in un anno, va da sé che durando sei mesi e potendo essere presentato dal primo gennaio in poi, si può richiedere per due volte in un anno questo documento, se necessario.

L’ISEE ordinario scade il 31 dicembre di ogni anno, mentre l’ISEE corrente vale solo per 6 mesi. 

Ricordiamo che il Reddito di cittadinanza ricevuto negli anni precedenti entra a far parte del reddito e anche del calcolo dell’ISEE, come spiega dettagliatamente questo articolo.

Si può presentare l’ISEE corrente tramite il CAF o tramite il servizio online INPS.

Scopri la pagina dedicata al Reddito di cittadinanza: pagamenti, diritti e bonus compatibili.

Rdc, abbassare il reddito con ISEE corrente: quando si può
Rdc, abbassare il reddito con ISEE corrente: in foto un ragazzo pensieroso.

Abbassare il reddito con ISEE corrente: differenza con l’ISEE ordinario

Ai fini del reddito di cittadinanza, l’ISEE ha una doppia valenza. Serve a capire se si ha diritto o meno al beneficio, ma anche a stabilire la somma che si potrà ricevere mensilmente.

Nonostante la scadenza dell’ISEE al 31 dicembre 2022, il reddito di cittadinanza continua ad essere erogato fino al 31 gennaio 2023.

Entro questa data, però, bisognerà procedere con il rinnovo dell’ISEE ordinario, altrimenti si perderà il diritto al sussidio.

L’Assegno Unico Universale è l’altra misura legata all’ISEE. L’ISEE rinnovato, in questo caso, va presentato entro febbraio 2023, perché le mensilità di gennaio e febbraio vengono erogate considerando ancora l’ISEE 2022.

Per continuare a godere dell’Assegno Unico Universale basterà rinnovare l’ISEE, perché se non ci sono variazioni reddituali, il pagamento avverrà d’ufficio.

Se non si dovesse presentare l’ISEE aggiornato entro febbraio 2023 si continuerà a ricevere l’assegno con importo minimo. L’importo verrà aggiornato solo quando si rinnoverà la certificazione.

Per poter ottenere la certificazione ISEE 2023 è necessario consegnare la documentazione riguardante la situazione economica patrimoniale e reddituale riferita al periodo 1° gennaio – 31 dicembre 2021, ovvero:

L’ISEE corrente, invece, può essere richiesto solo se si è già ottenuto l’ISEE ordinario e se sono avvenute le variazioni peggiorative sulla situazione economica familiare, descritte nel primo paragrafo.

In questo modo il reddito risulterebbe inferiore e il Reddito di cittadinanza potrebbe aumentare.

Abbiamo visto come abbassare il reddito con ISEE corrente. Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp