Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Assegno Unico » Reddito di cittadinanza / Rdc e assegno unico più alti con ISEE 2023: come controllare

Rdc e assegno unico più alti con ISEE 2023: come controllare

Scopri perché potresti avere il Rdc e Assegno Unico più alti con l’ISEE 2023. Ecco alcuni esempi pratici.

di Chiara Del Monaco

Gennaio 2023

Dal prossimo febbraio alcune famiglie potrebbero avere il Rdc e Assegno Unico più alti con l’ISEE 2023. In questo articolo spieghiamo perché e forniamo alcuni esempi in base a redditi e tipi di nucleo familiare (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sul Reddito di Cittadinanza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Che vuol dire Rdc e Assegno Unico più alti con l’ISEE 2023, è possibile? In effetti sì, in quanto sia il Reddito di cittadinanza sia l’Assegno Unico sono collegati al reddito dei beneficiari.

Quindi, se l’ISEE 2023 è più basso di quello dell’anno scorso, l’importo delle due misure sarà più alto per il 2023. Per dare un’idea più chiara ai nostri lettori, nei prossimi paragrafi forniamo alcuni esempi utili.

Indice

Acquista la nostra Guida Completa sull’Assegno Unico 2024. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Rdc e Assegno Unico più alti con l’ISEE 2023: in quali casi

A partire da febbraio 2023 gli importi del Reddito di cittadinanza e dell’Assegno Unico potrebbero cambiare perché l’INPS acquisirà i nuovi dati reddituali dei beneficiari riferiti al periodo 1° gennaio 2021 – 31 dicembre 2021.

Di conseguenza, dal mese di febbraio alcuni nuclei familiari si ritroveranno con Rdc e Assegno Unico più alti con l’ISEE 2023, mentre altri avranno un importo più basso, e altri ancora non subiranno variazioni nelle cifre erogate. Nello specifico, chi ha un ISEE 2023 più basso, avrà un importo del Rdc o dell’Assegno Unico più elevato; al contrario, chi ha un ISEE 2023 più alto rispetto agli anni precedenti, allora riceverà meno soldi.

A cosa si deve questo?

Il motivo è che sia il Reddito di cittadinanza sia l’Assegno Unico sono misure collegate all’ISEE, ossia l’indicatore della situazione economica equivalente. Questo documento va aggiornato ogni anno entro il 31 gennaio.

Da un lato, il Reddito di cittadinanza è un’integrazione del reddito familiare, e per avere diritto a questo sussidio è obbligatorio aggiornare l’ISEE. In questo modo, l’INPS si accerta che vengano rispettati i requisiti di reddito (un reddito ISEE massimo di 9.360 euro).

Dall’altro lato, per ottenere l’Assegno Unico non è obbligatorio fare l’ISEE, ma è molto consigliato. Infatti, l’importo erogato dell’Assegno Unico cambia in base alla fascia ISEE di appartenenza. Quindi, le famiglie con redditi superiori a 40mila euro all’anno ricevono l’importo più basso previsto, invece le famiglie con redditi inferiori a 15mila euro, ricevono l’importo più alto.

Nei prossimi paragrafi forniamo alcuni esempi concreti dei casi di Rdc e Assegno Unico più alti con l’ISEE 2023.

Leggi come utilizzare il modello ISEE precompilato e quando presentare l’ISEE per l’assegno universale.

Scopri la pagina dedicata al Reddito di cittadinanza: pagamenti, diritti e bonus compatibili.

Aggiungiti al gruppo Telegram sul Reddito di Cittadinanza ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Rdc e Assegno Unico più alti con l’ISEE 2023: esempi Assegno Unico

Come dicevamo nel paragrafo precedente, il Rdc e Assegno Unico più alti con l’ISEE 2023 sono legati alla variazione del reddito dei beneficiari.

Nel caso dell’Assegno Unico, più è alto il reddito ISEE e più è basso l’importo che si riceve. Al contrario, se il reddito dell’ISEE 2023 risulta più basso, allora si riceverà un importo dell’Assgeno Unico più alto.

Proprio per questo motivo, aggiornare l’attestazione ISEE 2023 entro il 31 gennaio è fondamentale: solo in questo modo le famiglie con redditi bassi possono ricevere un importo adeguato per i loro figli.

Inoltre, da febbraio 2023 l’importo dell’Assegno Unico aumenterà per alcune famiglie, per effetto delle maggiorazioni confermate dalla legge di bilancio 2023. In particolare, è previsto un aumento del 50% sull’importo base per queste famniglie:

In attesa di ricevere i nuovi accrediti, facciamo qualche esempio di come potrebbe aumentare l’importo dell’Assegno Unico con il nuovo ISEE 2023. Ci teniamo a specificare, però, che nei prossimi esempi non si tengono in considerazione le diverse maggiorazioni previste dalla normativa (per esempio la maggiorazione per genitori lavoratori):

Per dare un’idea ancora più chiara, ecco una tabella con gli importi previsti dell’Assegno Unico in base all’età dei figli e alla fascia ISEE di appartenenza.

IseePer ogni figlio menorenne oltre 1 anno di etàPer ogni figlio entro un anno di età (12 mesi)Per famiglie con tre o più figli, fino a 3 anniPer famiglie con tre o più figli minorenni oltre i 3 anni di età
FasceImporti mensili
Da 0 a 15.000  175 euro262,50 euro262,50 euro175 euro
Da 15.000 a 20.000159,5 euro239,25 euro239,25 euro159,5 euro
Da 20.000 a 25.000 149,5 euro224,25 euro224,25 euro149,5 euro
Da 25.000 a 30.000139,5 euro209,25209,25 euro139,5 euro
Da 30.000 a 35.000129,5 euro194,25194,25 euro129,5 euro
Da 35.000 a 40.00074,5 euro111,75 euro111,75 euro74,5 euro
Oltre 40.00050 euro75 euro050 euro
Esempi di aumento con l’assegno unico 2023

La tabella qui sopra prende in considerazione anche le maggiorazioni per figli entro un anno o entro i 3 anni in caso di famiglie numerose. Invece, non tiene conto della rivalutazione che sarà confermata entro la metà di gennaio 2023.

In foto, una serie di banconoe da 5, 10, 200 o 100 euro per contare il Rdc e Assegno unico più alti con l’ISEE 2023

Rdc e Assegno Unico più alti con l’ISEE 2023: esempi Reddito di cittadinanza

Ora che abbiamo visto qualche esempio di aumento dell’Assegno Unico se l’ISEE 2023 diventa più basso rispetto all’ISEE 2022, forniamo degli esempi pratici anche per quanto riguarda il Reddito di cittadinanza.

Prima di farlo, però, bisogna ricordare che l’importo del Reddito di cittadinanza dipende da vari fattori, e in particolare dal reddito ISEE percepito e dalla scala di equivalenza, la quale indica la composizione del nucleo familiare.

Gli importi previsti in base alla scala di equivalenza sono riportati nella tabella qui sotto.

Composizione nucleo familiareScala di equivalenzaBeneficio massimo annuale
1 adulto16.000,00€
1 adulto e 1 minore1,27.200,00€
2 adulti1,48.400,00€
2 adulti e 1 minore1,69.600,00€
2 adulti e 2 minori1,810.800,00€
2 adulti e 3 minori2,012.000,00€
3 adulti e 2 minori2,112.600,00€
4 adulti2,112.600,00€
4 adulti (o 3 adulti e 2 minori) tra cui una persona in condizione di disabilità grave o non autosufficiente2,213.200,00€
Tabella importi Rdc per scala di equivalenza

Per calcolare l’importo preciso del Reddito di cittadinanza bisogna seguire questi passaggi:

Sulla base di questi passaggi, è possibile fornire alcuni esempi di importo del Reddito di cittadinanza:

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp