Rdc di ottobre in ritardo, va speso entro novembre?

La situazione del Rdc di ottobre in ritardo si è sbloccata, ma sorge un dubbio: quando va speso l’importo del Rdc?

6' di lettura

Ieri abbiamo visto con piacere che i pagamenti del Rdc di ottobre sono stati sbloccati. Nel frattempo, qualcuno si sta chiedendo se l’importo arrivato in ritardo andrà speso entro la fine di novembre. Scopri i dettagli in questo approfondimento (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sul Reddito di Cittadinanza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Dopo giorni di apprensione mista a rabbia, la situazione dei ritardi del Rdc di ottobre si è finalmente sbloccata. Proprio ieri, attraverso la nostra chat di Telegram sul Reddito di cittadinanza, sono arrivate delle segnalazioni da parte di alcuni destinatari che hanno visto la data di pagamento sul fascicolo previdenziale.

Alcuni vedevano la disposizione proprio nella data di ieri, mercoledì 9 novembre 2022, mentre altri nei giorni successivi, per esempio oggi e domani. Nel sollievo generale di queste persone molto preoccupate per il ritardo del sussidio, c’è chi si è posto un dubbio: il Rdc di ottobre dovrà essere speso comunque entro novembre, anche se è arrivato in ritardo?

In effetti, è una questione interessante e per questo abbiamo deciso di approfondirla nel nostro articolo. Invece, per scoprire il futuro del contributo per famiglie, ti consigliamo l’approfondimento di TheWam “Il Reddito di cittadinanza è un diritto acquisito per 18 mesi” e guardare il relativo video pubblicato su YouTube.

Indice

Rdc di ottobre in ritardo: entro quando va speso

Come anticipato in apertura dell’articolo, la scorsa settimana è stata particolarmente dura per le 70mila famiglie a cui non è stato erogato il Rdc di ottobre, previsto originariamente tra il 27 e il 31 ottobre e poi entro il 5 novembre secondo le indicazioni dell’INPS. Fortunatamente, ieri sono arrivate le prime segnalazioni da parte dei cittadini in attesa, i quali hanno iniziato a vedere le disposizioni di pagamento del sussidio per famiglie.

Nel frattempo, tra i beneficiari è sorto un dubbio piuttosto interessante, che riportiamo qui sotto:

Ma chi riceverà il reddito di ottobre in ritardo avrà il dovere di spenderlo tutto entro fine mese di novembre o può slittare anche con la nuova ricarica di novembre?

A fare questa domanda è stato un utente in un commento ai video di YouTube di Redazione TheWam e ci ha fatto subito riflettere. Considerato il forte ritardo, è lecito pensare che il limite di tempo per spendere il Reddito di cittadinanza potrebbe slittare al mese prossimo.

Tuttavia, noi riteniamo che nonostante la ricarica di ottobre sia arrivata quasi a metà mese, valgono le stesse regole dei mesi precedenti. Quindi, l’importo del Rdc di ottobre andrà speso entro il 30 novembre 2022, mentre la ricarica di novembre andrà spesa tutta entro il 31 dicembre 2022.

A tal proposito, ricordiamo che secondo la normativa non è possibile risparmiare il Reddito di cittadinanza, ma al contrario è obbligatorio spendere la cifra mensile interamente, altrimenti si rischia di essere penalizzati dall’INPS. In particolare, chi non spende tutto l’importo erogato entro i termini prestabiliti avrà una decurtazione fino a un massimo del 20% applicata alla ricarica successiva.

In ogni caso questa è solo la nostra ipotesi, per avere una certezza maggiore consigliamo di rivolgersi all’INPS andando direttamente in una sede territoriale.

Scopri la pagina dedicata al Reddito di cittadinanza: pagamenti, diritti e bonus compatibili.

Aggiungiti al gruppo Telegram sul Reddito di Cittadinanza ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Rdc di ottobre: limiti di prelievo

Nel paragrafo precedente abbiamo ricordato come funzionano le tempistiche per spendere il sussidio anti-povertà. Di fronte al forte ritardo del Rdc di ottobre, noi riteniamo che l’importo va speso ugualmente entro il 30 novembre 2022, tuttavia è bene confrontarsi con l’INPS per avere informazioni certe.

Come ricorderai, questo non è l’unico limite imposto dal dl 4/2019 che disciplina il Reddito di cittadinanza. Infatti, oltre a dover spendere tutta la cifra erogata entro il mese successivo a quello della ricarica, è anche necessario sapere che l’importo non può essere prelevato tutto.

In particolare, il decreto legge fornisce una formula (spiegata nel dettaglio in questo approfondimento di TheWam.net), in base alla quale il tetto massimo per prelevare i contanti dalla carta Rdc corrisponde a 210 euro per famiglie numerose, 220 euro in presenza di una persona con disabilità e, per i nuclei familiari composti da una sola persona, il massimo prelevabile equivale a 100 euro al mese.

Per i pagamenti con carta, invece, non ci sono limiti di spesa rispetto alla mensilità percepita. Il motivo di questi limiti è legato alla volontà di incentivare i cittadini nei pagamenti tracciabili, evitando così l’abuso di contanti, che non possono essere controllati.

Infine, c’è ancora un’altra restrizione che bisogna tenere a mente quando si utilizzano i soldi del Reddito di cittadinanza, e cioè che non è possibile acquistare tutto ciò che si desidera, ma vi sono delle spese vietate e delle spese consentite. Continua a leggere per sapere quali sono.

Rdc di ottobre in ritardo: va speso entro novembre

Rdc di ottobre: spese consentite e spese vietate

Come dicevamo, l’importo spettante del Reddito di cittadinanza può essere speso solo per determinati acquisti, mentre ci sono delle categorie di articoli che non possono essere comprate utilizzando i soldi del Rdc. Sebbene questo sussidio sia pensato per garantire ai beneficiari una vita più o meno dignitosa, ciò non significa che è possibile utilizzarlo per fare spese di lusso.

Nello specifico, tra le spese non consentite rientrano tutti gli acquisti considerati non essenziali alla vita dei beneficiari. Per esempio, ricordiamo:

  • acquisto, noleggio o leasing di navi e imbarcazioni da diporto, nonché servizi portuali;
  • armi;
  • materiale pornografico e beni e servizi per adulti;
  • servizi finanziari e creditizi;
  • servizi di trasferimento di denaro;
  • servizi assicurativi;
  • articoli di gioielleria;
  • articoli di pellicceria;
  • acquisti presso gallerie d’arte;
  • acquisti in club privati;
  • servizi di direct-marketing.

Passiamo adesso alle spese che invece sono consentite, specificando che si tratta di tutti quei beni e servizi considerati essenziali e di prima necessità per le persone con difficoltà economiche.

  • prodotti alimentari;
  • prodotti per l’igiene personale;
  • capi di abbigliamento (ma non di lusso);
  • giocattoli per bambini;
  • libri per la lettura o per lo studio;
  • materiale per la scuola;
  • abbonamenti ai mezzi pubblici;
  • ticket per il cinema e corsi di formazione di enti privati oppure quelli con finalità sportive.

A queste spese si aggiunge poi la possibilità di pagare le bollette di acqua, luce e gas, le rate del canone di locazione o del mutuo, la benzina o altro tipo di carburante. Ovviamente, è possibile anche acquistare farmaci e parafarmaci, pagare le visite mediche e gli occhiali da vista.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie