Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie » Reddito di cittadinanza / Rdc marzo 2023: perché non l’ho ricevuto e cosa fare?

Rdc marzo 2023: perché non l’ho ricevuto e cosa fare?

Scopri i motivi più comuni per il mancato pagamento del Reddito di cittadinanza e come si può intervenire.

di The Wam

Marzo 2023

“Perché non ho ancora ricevuto il Reddito di cittadinanza di marzo 2023?”. Sono diversi gli utenti che si sono rivolti a thewam.net in cerca di risposte. Vediamo cosa può essere successo e come comportarsi. (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sul Reddito di Cittadinanza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Perché non ho ricevuto l’Rdc di marzo 2023?

Il pagamento del Reddito di cittadinanza può essere erogato in ritardo o venire bloccati in questi casi:

Nel prossimo paragrafo vedremo quando scatta la revoca o la sospensione dell’Rdc.

Aggiungiti al gruppo Telegram sul Reddito di Cittadinanza ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Quando scattano la revoca o la sospensione dell’Rdc?

La sospensione dell’Rdc si applica se l’ISEE non è aggiornato entro il 31 gennaio 2023 e non si è posto rimedio nei mesi successivi. Gli accrediti riprenderanno quando si rinnoverà il documento.

La revoca del Rdc avviene, invece, quando:

Come contattare l’INPS?

Per ricevere informazioni sull’Rdc è possibile contattare telefonicamente l’INPS:

Entro quando spendere l’Rdc di marzo 2023

Il Reddito di cittadinanza di marzo 2023 va utilizzato entro il 30 aprile 2023. Il contributo economico, infatti, va utilizzato entro la fine del mese successivo a quello della ricarica.

Ogni mese, infatti, l’INPS ha la possibilità di applicare tagli fino al 20% all’importo residuo sulla scheda. Ogni sei mesi, invece, è previsto l’azzeramento della cifra risparmiata sulla carta Rdc.

Quando arriva il Reddito di cittadinanza di marzo 2023?

Il pagamento dell’Rdc verrà erogato da oggi 27 marzo 2023 per chi attende la ricarica di marzo 2023.

pagamenti vengono disposti dall’INPS e sono erogati da Poste Italiane. Gli accrediti possono impiegare qualche giorno per essere pagati a tutti i beneficiari e, per questa ragione, c’è chi riceve prima il pagamento e chi in un secondo momento.

A che ora arriva l’Rdc?

Generalmente la ricarica del Reddito di cittadinanza viene erogata dopo le 13.30, ma gli accrediti, come detto, non arrivano per tutti i cittadini nello stesso momento.

Quando arriva il bonus 150 euro su Rdc

Il bonus 150 euro è destinato a chi percepiva l’Rdc a novembre 2022 e deve ancora riceverlo. Le tempistiche di questi accrediti variano e l’INPS non ha fornito istruzioni sui prossimi pagamenti.

Se ci saranno nuove elaborazioni, le condivideremo subito su thewam.net.

Quando arriva l’Assegno Unico su Rdc?

Il pagamento dell’Assegno Unico su Rdc, riferito al mese di febbraio 2023, è atteso a partire dal 28 marzo 2023.

Come controllare il saldo del Reddito di cittadinanza di marzo 2023?

Il saldo e la lista dei movimenti della carta Rdc vanno verificati online, a telefono o dallo sportello automatico, attraverso uno di questi metodi:

Il controllo del saldo avviene così:

Reddito di cittadinanza marzo 2023: spese vietate

L’Rdc può essere solo per pagare utenze, beni e servizi che non sono inseriti nell’elenco delle spese vietate:

Quanto durerà ancora il reddito di cittadinanza?

Il Reddito di cittadinanza durerà fino al 2024, quando verrà sostituito da nuovi sussidi. Fra le ipotesi al vaglio del governo, c’è la Mia: Misura per l’inclusione sociale attiva.

Cosa succede all’Rdc nel 2023?

Nel 2023 l’Rdc verrà erogato per:

Quanto durava l’Rdc fino al 2022?

Fino al 2022 il cittadino ha la possibilità di percepire il sussidio per diciotto mesi, periodo dopo il quale il contributo poteva essere rinnovato, a patto di soddisfare ancora tutti i requisiti necessari a ricevere l’Rdc.

Quante volte si può rinnovare il Reddito di cittadinanza?

Dal 2024, come detto, non è più possibile rinnovare il Reddito di cittadinanza perché è prevista l’abrogazione del sussidio e la sostituzione con nuove misure di welfare.

Come richiedere il reddito di cittadinanza?

La domanda per il Reddito di cittadinanza va presentata:

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Rdc:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp