Rdc, quante volte si può fare l’ISEE corrente?

Quante volte si può fare l'ISEE corrente per richiedere e ricevere il reddito di cittadinanza? Scopriamo i dettagli.

6' di lettura

Quante volte si può fare l’ISEE corrente? (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sul Reddito di Cittadinanza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito). Quante volte si può fare l’ISEE corrente secondo la nostra normativa? Quante volte può essere rinnovato per richiedere il reddito di cittadinanza? Scopriamolo nell’approfondimento.

Indice

Quante volte si può fare l’ISEE corrente?

L’ISEE aggiornato permette di fotografare la situazione economica delle famiglie, peggiorata rispetto a quella di due anni prima, valutata con l’ISEE ordinario.
Per poter richiedere e ottenere l’ISEE corrente, però, bisogna aver subìto alcune variazioni:

  • una variazione peggiorativa del lavoro o dipendente o autonomo, ma anche di Naspi o altri trattamenti indennitari;
  • una variazione peggiorativa del reddito familiare superiore al 25%;
  • una variazione peggiorativa del proprio matrimonio mobiliare o immobiliare superiore al 20% rispetto all’ISEE ordinario.

Se si sono subite perdite sia reddituali che patrimoniali, nell’ISEE corrente potranno essere inserite entrambe, in questo modo la situazione economica familiare sarà fotografata correttamente dal documento.

In caso di perdita di lavoro, l’ISEE corrente può essere richiesto e presentato il 1 gennaio di ogni anno, dopo aver elaborato la DSU, e avrà una valenza di sei mesi.

Se dopo aver ottenuto questo documento, la situazione economica dovesse migliorare (perché si è trovato un nuovo lavoro, per esempio) e quindi si guadagnano dei redditi utili ai fini IRPEF, è necessario presentare nuovo ISEE corrente entro due mesi dall’inizio della variazione positiva.

In caso di variazione peggiorativa del proprio patrimonio, l’ISEE corrente può essere presentato dal 1 aprile di ogni anno e ha validità fino al 31 dicembre dell’anno di sottoscrizione.

Le stesse date valgono se nell’ISEE sono inserite sia perdite reddituali che patrimoniali.

I documenti essenziali per richiedere e ottenere l’ISEE corrente sono:

  • l’ISEE ordinario di due anni prima;
  • certificazione attestante la variazione della condizione lavorativa, come la lettera di licenziamento;
  • indicazione di quanto percepito nei 12 mesi precedenti, inclusi bonus o assegni familiari;
  • documentazione del patrimonio riferita al 31 dicembre dell’anno precedente e saldo a giacenza media nel caso di perdita su conti correnti.

Per rispondere alla domanda su quante volte si può fare l’ISEE corrente in un anno, va da sé che durando sei mesi e potendo essere presentato dal primo gennaio in poi, si può richiedere per due volte in un anno questo documento, se necessario.

Aggiungiti al gruppo Telegram sul Reddito di Cittadinanza ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Nel video di seguito parliamo dei pagamenti del reddito di cittadinanza arriva in ritardo a molti cittadini e delle anomalie del sito INPS dopo l’erogazione del bonus 150 euro.

Quante volte si può fare l’ISEE corrente e quante volte si può richiedere il rinnovo del reddito di cittadinanza?

Il reddito di cittadinanza viene concesso per un massimo di 18 mesi, poi sarà necessario rinnovarlo. Non ci sono limiti al numero dei rinnovi. Fra un rinnovo e l’altro devono trascorrere almeno 30 giorni senza ricevere il sussidio.

La domanda di rinnovo si può presentare a partire dal mese successivo a quello di scadenza. Chi termina i 18 mesi dell’Rdc a dicembre, può chiedere il rinnovo a gennaio e riceverà i primi pagamenti a partire dal 15 febbraio.

Non sappiamo quali cambiamenti saranno apportati dal Governo Meloni rispetto al reddito di cittadinanza, quello che sappiamo è che sinora il legislatore non ha previsto un limite massimo di rinnovi.

Chi è ancora in stato di bisogno e difficoltà economica, quindi, potrà richiedere nuovamente il sussidio.

Per ottenere la nuova erogazione del beneficio, però, è necessario avere un ISEE aggiornato che dimostri il mantenimento dei requisiti e degli obblighi di legge.

L’ISEE ordinario scade il 31 dicembre di ogni anno, mentre l’ISEE corrente vale solo per 6 mesi. 

Scopri la pagina dedicata al Reddito di cittadinanza: pagamenti, diritti e bonus compatibili.

Quante volte si può richiedere l'Isee corrente
Quante volte si può richiedere l’Isee corrente

Quante volte si può fare l’ISEE corrente: come fare domanda per rinnovo di reddito di cittadinanza?

La domanda di rinnovo del reddito di cittadinanza non si differenzia dalla prima domanda fatta quando si è richiesto la prima volta.

Anche il modulo è lo stesso. Per conoscere tutti i dettagli e rispondere ai dubbi visita la pagina “Reddito di cittadinanza 2021” o vai sul sito redditodicittadinanza.gov.it.

Se la domanda di rinnovo viene fatta dalla stessa persona che ha chiesto il sussidio la prima volta, i soldi saranno versati dall’INPS sulla carta Rdc precedente. Se la richiesta è presentata da un altro familiare, dovrà essere ritirata una nuova card apposita dall’Ufficio Postale.

Il Sistema informativo del Reddito di cittadinanza farà automaticamente una distinzione dalle domande presentate per la prima volta e quelle di rinnovo, senza che ci sia necessità di specificarlo da parte del beneficiario.

Ricordiamo i requisiti reddituali indispensabili per ricevere l’RDC:

  1. ISEE inferiore a 9.360 euro;
  2. Patrimonio immobiliare, diverso dalla prima casa, non superiore ai 30.000 euro;
  3. Patrimonio mobiliare non superiore a 6.000 euro;
  4. Reddito familiare inferiore a 6.000 euro moltiplicato per i valori della scala di equivalenza che trovi in questo elenco:
  • Pari a 1 per il primo componente del nucleo;
  • Aumentato di 0,4 per ogni ulteriore componente di età maggiore di 18 anni;
  • Aumentato di 0,2 per ogni ulteriore componente minorenne, fino a un massimo di 2,1.

I patrimoni presi in considerazione sono quelli di due anni prima della data di presentazione della Dsu.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie