Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie » Reddito di cittadinanza / Rdc sospeso, nucleo ISEE da verificare: che succede?

Rdc sospeso, nucleo ISEE da verificare: che succede?

Rdc sospeso e nucleo ISEE da verificare? Grande confusione tra i cittadini. Scopri cosa sta succedendo e perché.

di Chiara Del Monaco

Marzo 2023

In queste ora si è sollevato un grande polverone dovute a tante famiglie che percepiscono il Reddito di cittadinanza e si sono ritrovate con il Rdc sospeso e nucleo ISEE da verificare da parte del proprio Comune. In questo approfondimento vediamo cosa sta succedendo e chi è coinvolto dalla sospensione (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sul Reddito di Cittadinanza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Mentre l’INPS continua con i pagamenti dell’Assegno Unico e di altre prestazioni per i cittadini, i percettori di Reddito di cittadinanza stanno attraversando un momento di grande confusione e preoccupazione.

Ciò si deve alla segnalazione del Rdc sospeso e nucleo ISEE da verificare, che ha lasciato senza soldi molte famiglie beneficiarie del sussidio anti-povertà. Ma cosa sta succedendo e cosa si deve fare per risolvere questa situazione di disagio?

Nei prossimi paragrafi spieghiamo i dettagli e vediamo i cittadini interessati dalla sospensione.

Indice

Rdc sospeso e nucleo ISEE da verificare: che succede?

Nelle ultime ora si è diffusa un’atmosfera di panico tra molti nuclei percettori del Reddito di cittadinanza. In particolare, diverse famiglie hanno segnalato che nella loro area riservata delle pratiche del Rdc, risulta il Rdc sospeso e nucleo ISEE da verificare.

Rdc sospeso e nucleo ISEE da verificare: che succede?: screen dal gruppo Facebook Reddito di cittadinanza e tanto altro.
Rdc sospeso e nucleo ISEE da verificare: che succede?: screen dal gruppo Facebook Reddito di cittadinanza e tanto altro.

Come si può notare dallo screen qui sopra, condiviso sul gruppo Facebook Reddito di cittadinanza e tanto altro, la sospensione del contributo economico fa riferimento a novembre 2022, quindi ben quattro mesi fa.

Il problema sarebbe, in questo caso, è legato alla verifica dei requisiti che molti Comuni si sono attardati a effettuare sulle famiglie. Infatti, nonostante i nuclei interessati abbiano ricevuto regolarmente il sussidio in questi mesi, la sospensione per verificare i requisiti sul nucleo ISEE è arrivata solo adesso.

Ma perché i Comuni hanno sospeso il Rdc durante la verifica? In poche parole, visto che i Comuni sono tenuti a controllare tutti i dati dei beneficiari e inviarli poi all’INPS, hanno preferito sospendere il Reddito di cittadinanza in modo preventivo. Poi, se l’esito dei controlli sarà positivo, le ricariche saranno sbloccate e riconosciute tutte, anche gli arretrati, mente in caso di esito negativo si procederà con la revoca.

In ogni caso, la procedura richiede un’attesa che varia dai 30 ai 60 giorni. Di conseguenza, l’unica cosa che possono fare le famiglie interessate è attendere.

Nel prossimo paragrafo vediamo come funzionano i controlli dei Comuni.

Scopri la pagina dedicata al Reddito di cittadinanza: pagamenti, diritti e bonus compatibili.

Aggiungiti al gruppo Telegram sul Reddito di Cittadinanza ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Nel video di seguito, le ultime novità sui pagamenti di Pdc e Rdc.

Rdc sospeso e nucleo ISEE da verificare: controlli dei Comuni

Come abbiamo visto nel paragrafo precedente, il Rdc sospeso e nucleo ISEE da verificare è dovuto al fatto che alcuni Comuni stiano effettuando dei controlli sul diritto al Reddito di cittadinanza delle famiglie beneficiarie. Visto che l’esito dei controlli deve essere inviato all’INPS per erogare il sussidio, il Comuni hanno deciso di procedere con una sospensione preventiva.

Ma in cosa consistono queste verifiche?

In breve, ogni Comune si deve assicurare che i nuclei percettori di Reddito di cittadinanza rispettino i requisiti anagrafici e di residenza previsti dal dl 4/2019. Per esempio, sappiamo che può accedere al Rdc solo chi è residente in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi due in modo continuativo.

Inoltre, devono anche verificare che tutti i documenti indicati dai cittadini in fase di domanda corrispondano e siano quindi veritieri. Per questo motivo, i controlli sui nuclei ISEE vengono gestiti dagli Uffici Anagrafe, sulla base delle disposizioni degli organi competenti, ossia Ministero del Lavoro e INPS.

Per portare a termine i controlli, gli uffici hanno tempo fino a 45 giorni (esclusi i tempi per le eventuali comunicazioni o richieste ad altri Enti Pubblici o all’interessato). Questi potrebbero prolungarsi se il Comune deve coinvolgere anche un altro Comune di precedente residenza del cittadino oppure la Questura, in caso di verifica del permesso di soggiorno.

In caso di esito positivo, il Reddito di cittadinanza viene sbloccato e la famiglia interessata, che quindi è in regola con tutta la documentazione necessaria, avrà diritto a tutte le mensilità a partire dalla data di sospensione.

Al contrario, in caso di esito negativo, il Comune deve convocare il beneficiario interessato per ricevere dei chiarimenti. Se la persona convocata non fornisce sufficienti elementi per concludere i controlli con esito positivo, il Comune dovrà confermare all’INPS l’esito negativo su quel nucleo specifico.

In seguito alla comunicazione, l’INPS ha la possibilità di interrompere immediatamente l’erogazione del Reddito di cittadinanza e chiedere la restituzione delle somme già pagate indebitamente.

In caso di falsa dichiarazione, il Comune deve comunicare l’esito anche agli uffici giudiziari per un’eventuale denuncia.

Rdc sospeso e nucleo ISEE da verificare: in foto, una donna al computer disperata.

Rdc sospeso e nucleo ISEE da verificare: requisiti

Nel paragrafo precedente abbiamo analizzato la procedura che devono svolgere i Comuni, prima di inviare l’esito dei controlli all’INPS ed eventualmente agli uffici giudiziari (in caso di dichiarazione di informazioni false).

Visto che le verifiche dei Comuni riguardano il nucleo ISEE, e quindi i requisiti relativi alla residenza e ai dati anagrafici, potrebbe essere utile ricordare brevemente quali sono questi requisiti.

Dunque, per avere diritto al Reddito di cittadinanza è necessario:

Inoltre, è obbligatorio avere la residenza in Italia da almeno dieci anni e aver vissuto nel Paese in modo continuativo negli ultimi due anni.

Per quanto riguarda i cittadini comunitari, quindi dell’Unione europea, secondo il d.Lgs. n. 30/2007 questi devono:

Invece, i cittadini extra-comunitari devono dimostrare di essere:

Quindi, tutti i cittadini stranieri titolari di altre tipologie di permessi di soggiorno non hanno diritto al Reddito di cittadinanza.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp