Quel finto pieno di benzina con il reddito di cittadinanza

2' di lettura

E’ diventata una prassi, segnalata da alcuni benzinai di Avellino e dell’immediato hinterland. Persone con la card del reddito di cittadinanza che chiedono soldi in cambio di un fittizio rifornimento di carburante. Magari rimettendoci, ma avendo in questo modo del denaro in contante da non dover spendere necessariamente in beni di prima necessità.

Siamo stati testimoni di uno di questi tentativi. In un distributore di Torrette di Mercogliano. L’addetto al rifornimento ha detto di no, nonostante le insistenze del titolare del rdc. Che ripeteva: ma altri benzinai lo fanno, fai risultare che hai fatto 50 euro di carburante e me ne dai 40.

L’addetto ci ha poi spiegato che scene di questo tipo accadono ogni giorno. Lui non si presta allo scambio, ma non è sicuro che altri non lo facciano. Ha saputo che le stesse richieste sono arrivate anche ad altri colleghi, non solo della zona.

Nulla ci impedisce di pensare che un “mercato” di questo tipo possa essere esteso anche ad altri esercizi commerciali. Ma non l’abbiamo visto, e non possiamo certo confermarlo.

Che potesse accadere una situazione del genere era prevedibile. E non solo per una questione di malafede o illegalità. Chi non ha il denaro necessario neppure per garantirsi il minimo, grazie al reddito di cittadinanza e in attesa di un lavoro, aspirerebbe ogni tanto a concedersi il superfluo. Magari una giornata in piscina. E con la card non è consentito.

Francamente non ci sentiamo di giudicare. Molto spesso il superfluo assume la stessa rilevanza del necessario. E portare un giorno i figli al cinema o al mare, può avere per un genitore che non può permetterselo un valore più rilevante di altre incombenze.

Un comportamento che non pregiudica il valore sociale del reddito di cittadinanza (che esiste in quasi tutta l’Europa più evoluta, ma che più correttamente si chiama sussidio di disoccupazione). Su questa misura l’unico dubbio che ci rimane è la capacità di garantire ai beneficiari la possibilità di accedere in tempi decenti a un lavoro dignitoso. Ma questa è un’altra storia.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie