Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie » Reddito di cittadinanza / Reddito di cittadinanza 22 dicembre 2023: spese vietate

Reddito di cittadinanza 22 dicembre 2023: spese vietate

Reddito di cittadinanza dal 22 dicembre 2023 e spese vietate: quali sono? Scopriamolo insieme.

di Alda Moleti

Dicembre 2023

Nell’articolo di oggi parleremo di Reddito di cittadinanza dal 22 dicembre 2023 e spese vietate. Vedremo quando arriva l’accredito e come è possibile spendere gli importi (scopri le ultime notizie sul Rdc e sui bonus attivi in italia. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Quando arriva il Reddito di cittadinanza di dicembre 2023?

Il pagamento del Reddito di cittadinanza si svolge in due fasi distinte, in base alla tipologia di beneficiari.

Per i beneficiari che aspettano una mensilità ordinaria, cioè nei casi non corrispondenti al primo accredito post-domanda o rinnovo, il pagamento del Rdc sarà erogato in anticipo questo mese e cioè a partire dal 22 dicembre 2023.

Diversamente, coloro che sono in attesa della loro prima mensilità o della prima mensilità successiva al rinnovo hanno già ricevuto il pagamento il 15 dicembre 2023.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Il calendario dei pagamenti del Reddito di cittadinanza di dicembre 2023

Ecco il calendario che illustra le date di erogazione del Reddito di cittadinanza di dicembre 2023, suddivise per le diverse categorie di beneficiari.

Data di pagamentoBeneficiariTipo di pagamento
dal 15 dicembre 2023nuovi beneficiari o chi ha appena rinnovato il Rdcprima mensilità di Rdc in assoluto o primo accredito dopo il rinnovo
22-23 dicembre 2023chi aspetta il regolare pagamentoregolare ricarica mensile di Rdc
dal 23 dicembre 2023chi aspetta il regolare pagamentoregolare accredito dell’Assegno Unico su Rdc
Il calendario dei pagamenti del Reddito di cittadinanza di dicembre 2023

Reddito di cittadinanza dal 22 dicembre 2023 e spese vietate: quali sono?

La carta del Reddito di cittadinanza è una prepagata emessa da Poste Italiane, che offre la possibilità sia di effettuare prelievi in contanti che di eseguire pagamenti diretti per gli acquisti, sebbene esistano alcune limitazioni.

Prima di analizzare le restrizioni relative ai prelievi è fondamentale comprendere quali tipi di acquisti sono permessi e quali sono esclusi dall’uso della carta del Reddito di cittadinanza.

Reddito-di-cittadinanza-dal-22-dicembre-2023-e-spese-vietate-decreto
In foto, lo screen della nota del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sulle spese vietate con il Rdc.

Elenco delle spese vietate con il Reddito di cittadinanza

Il Decreto del 19 aprile 2019 elenca le spese proibite con la carta del del Reddito di cittadinanza, includendo una varietà di beni e servizi specifici:

Quali negozi non accettano la carta del Reddito di cittadinanza?

L’utilizzo della carta del Reddito di cittadinanza per l’acquisto dei prodotti e servizi indicati nel capitolo precedente è vietato. In aggiunta, è rilevante sottolineare che ci sono specifici negozi dove l’uso della carta è interdetto indipendentemente dalla tipologia degli acquisti.

Ecco le disposizioni specifiche del Decreto del 19 aprile 2019 (art. 2, comma 2):

È in ogni caso vietato, da parte del gestore del servizio, l’uso della Carta Rdc in esercizi che si occupano principalmente o in modo significativo della vendita dei beni e servizi menzionati al comma 1. Tramite un atto aggiuntivo al contratto per la gestione del servizio integrato della Carta acquisti, saranno identificati i merchant category code (MCC) da disabilitare“.

In sintesi, se un negozio si dedica principalmente alla vendita di prodotti o servizi non ammessi dal Reddito di cittadinanza, non sarà possibile impiegare la carta Rdc in tale esercizio, anche per l’acquisto di un prodotto generalmente permesso.

Quali sono i limiti di prelievo mensile della carta del Reddito di cittadinanza?

La carta del Reddito di cittadinanza impone limiti massimi sui prelievi in contanti che i beneficiari possono effettuare ogni mese e questi limiti variano in base alla dimensione del nucleo familiare.

Per i nuclei familiari composti da una sola persona, il limite massimo di prelievo mensile è di 100 euro. Per le famiglie con più membri, il limite di prelievo si determina moltiplicando 100 euro per il parametro della scala di equivalenza.

Il parametro della scala di equivalenza viene definito assegnando 1 punto al richiedente del Reddito di cittadinanza e aggiungendo punti secondo il seguente criterio:

Quali sono le eccezioni ai limiti di prelievo della carta Rdc?

Le famiglie che ricevono sia il Reddito di cittadinanza che l’Assegno Unico, a causa della presenza di figli a carico, ottengono entrambe le prestazioni tramite la carta Rdc.

Tuttavia, le restrizioni sui prelievi si applicano unicamente all’importo del Reddito di cittadinanza e non hanno effetto sulla quota dell’Assegno Unico.

Questo implica che l’intera somma dell’Assegno Unico accreditata sulla carta del Reddito di cittadinanza può essere prelevata senza limitazioni.

FAQ: domande frequenti sul Reddito di cittadinanza

Quali sono i requisiti per mantenere il Reddito di cittadinanza?

Per mantenere il Reddito di cittadinanza è necessario rispettare alcuni requisiti. Questi includono la partecipazione a percorsi di inclusione sociale e lavorativa, la ricerca attiva di lavoro e la comunicazione tempestiva di eventuali cambiamenti nella situazione familiare o economica.

Reddito di cittadinanza requisiti per i single: cosa cambia?

I single dovranno rispettare gli stessi requisiti applicati agli altri nuclei familiari per ricevere l’Rdc. Leggi come funziona l’Rdc per i single.

Reddito di cittadinanza requisiti ISEE: quale soglia non superare?

Il tetto ISEE delle famiglie beneficiarie del Reddito di cittadinanza è fissato a 9.360 euro all’anno.

Reddito di cittadinanza spese ammesse 2023: quali sono?

Con i soldi del Reddito di cittadinanza si possono comprare beni di prima necessità, pagare bollette e servizi che non rientrano fra le spese vietate con l’Rdc: per esempio alcolici, tabacco, gioco d’azzardo, articoli di pellicceria e gioielleria, armi, materiale pornografico, servizi assicurativi e di trasferimento di denaro, noleggio, acquisto o leasing di navi e imbarcazioni da di porto nonché servizi portuali.

Posso verificare il saldo della carta Rdc sul sito dell’INPS?

No, sul sito dell’INPS non è possibile controllare il saldo del Redito di cittadinanza, ma solo lo storico dei pagamenti e lo stato della domanda.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp