Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie » Reddito di cittadinanza / Reddito di cittadinanza 27 novembre 2023: spese vietate

Reddito di cittadinanza 27 novembre 2023: spese vietate

Reddito di cittadinanza dal 27 novembre 2023 e spese vietate, vediamo quando arriva la ricarica e come spendere gli importi.

di Alda Moleti

Novembre 2023

Nell’articolo di oggi parleremo di Reddito di cittadinanza dal 27 novembre 2023 e spese vietate. Spiegheremo cosa si può comprare e cosa no con esempi pratici (scopri le ultime notizie sul Rdc e sui bonus attivi in italia. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Reddito di cittadinanza dal 27 novembre 2023: a chi spetta?

A partire dal 27 novembre 2023 inizieranno i versamenti mensili del Reddito di cittadinanza, seguendo il consueto calendario di erogazione.

Il pagamento del Reddito di cittadinanza è infatti suddiviso in due periodi differenti, a seconda della categoria di beneficiari. Coloro che attendono il loro primo versamento o il primo dopo il rinnovo hanno ricevuto il Rdc il 15 novembre 2023.

Il 27 novembre, invece, rappresenterà la data di accredito per tutti i beneficiari che non ricevono il loro primo pagamento.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Il calendario dei pagamenti del Reddito di cittadinanza di novembre 2023

Di seguito è riportata la tabella con le date di erogazione del Reddito di cittadinanza per il mese di novembre 2023, suddivise in base alle diverse categorie di beneficiari.

Data di pagamentoBeneficiariTipo di pagamento
dal 15 novembre 2023nuovi beneficiari o chi ha appena rinnovato il rdcprima mensilità di Rdc in assoluto o primo accredito dopo il rinnovo
27-30 novembre 2023chi aspetta il regolare pagamentoregolare ricarica mensile di Rdc
dal 28 novembre 2023chi aspetta il regolare pagamentoregolare accredito dell’Assegno Unico su Rdc

Quali sono le spese vietate con la carta del Reddito di cittadinanza?

La carta del Reddito di cittadinanza è una prepagata emessa da Poste Italiane, che funziona in modo simile a una carta PostePay e consente prelievi e pagamenti diretti per gli acquisti. Tuttavia, vi sono restrizioni sia per i prelievi che per gli acquisti.

Prima di esaminare le limitazioni riguardanti i prelievi è essenziale comprendere cosa è consentito comprare e cosa no con la carta Rdc.

Elenco delle spese vietate con il Reddito di cittadinanza

Il Decreto del 19 aprile 2019 elenca gli acquisti proibiti dal Reddito di cittadinanza, i quali includono:

Reddito-di-cittadinanza-dal-27-novembre-2023-e-spese-vietate-decreto
In foto, lo screen della nota del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sulle spese vietate con il Rdc.

In quali negozi è vietato usare la carta del Reddito di cittadinanza?

L’utilizzo della carta del Reddito di cittadinanza per l’acquisto di prodotti e servizi indicati nel paragrafo precedente è proibito. Tuttavia, ci sono negozi che vietano l’uso della carta, senza considerare la natura dell’acquisto.

Questo è chiarito nel Decreto del 19 aprile 2019 (articolo 2, comma 2), il quale specifica che:

È in ogni caso inibito, da parte del gestore del servizio, l’uso della Carta Rdc in esercizi prevalentemente o significativamente adibiti alla vendita dei beni e servizi di cui al comma 1. Con apposito atto aggiuntivo al contratto per la gestione del servizio integrato della Carta acquisti sono individuati i merchant category code (MCC) da disabilitare”.

In sintesi, se un negozio offre principalmente prodotti o servizi che rientrano tra quelli vietati dal Reddito di cittadinanza, non sarà possibile utilizzare la carta Rdc in tale esercizio, anche se si intende acquistare un prodotto normalmente consentito.

Quali sono i limiti di prelievo mensile della carta del Reddito di cittadinanza?

La carta del Reddito di cittadinanza impone dei limiti sull’importo massimo di contante che può essere prelevato mensilmente.

Secondo le attuali disposizioni, per i nuclei familiari con un solo membro, il massimo importo prelevabile al mese è di 100 euro. Se il nucleo familiare è composto da più persone, il limite di prelievo viene calcolato moltiplicando i 100 euro per il parametro della scala di equivalenza.

Il parametro della scala di equivalenza rappresenta un valore numerico che riflette la composizione del nucleo familiare. Per determinarlo si assegna 1 punto al richiedente del Reddito di cittadinanza all’interno del nucleo e poi si aggiunge:

Tabella dei limiti di prelievo della carta Rdc

La seguente tabella indica schematicamente i limiti mensili di prelievo della carta Rdc in relazione alla composizione del nucleo familiare.

Composizione del nucleo familiareParametro della scala di equivalenzaLimite di prelievo mensile
Una persona sola1100 euro
Due adulti1,4140 euro
Due adulti e un bambino1,6160 euro
Due adulti e due bambini1,8180 euro
Due adulti, due bambini e una persona disabile grave2,2220 euro

Quali sono le eccezioni ai limiti di prelievo della carta Rdc?

È importante notare che queste restrizioni sul prelievo non si applicano alla quota dell’Assegno Unico su Rdc.

In altre parole, nel caso in cui una famiglia con figli a carico riceva l’importo mensile dell’Assegno Unico sulla una carta Rdc, non ci saranno limiti di prelievo per gli importi relativi esclusivamente a questa prestazione.

FAQ: Domande frequenti sugli acquisti con la carta Rdc

Si possono comprare cosmetici con il Reddito di cittadinanza?

È un prodotto che potremmo definire a limite perché non c’è nessuna normativa che vieti esplicitamente l’acquisto di cosmetici o profumi, nonostante non siano tra i beni necessari.

Tecnicamente infatti sono prodotti che non rientrano tra i beni di prima necessità e, in linea teorica, non si dovrebbe usare il Rdc per queste spese.

Tuttavia le profumerie non vendono solo profumi e cosmetici, ma moltissimi prodotti di prima necessità, quindi in questi negozi in genere la carta del Rdc viene accettata regolarmente su tutti gli acquisti anche cosmetici e profumi. La normativa del Reddito di cittadinanza sugli acquisti ammessi è infatti meno chiara di quanto si pensi e questo è uno dei casi dubbi.

Con il Reddito di cittadinanza si può comprare un cellulare?

Si, cellulari, tablet, computer e piccoli elettrodomestici rientrano tra le spese possibili con la carta del Rdc. Ricordiamo che però non sono permessi acquisti online.

Si possono comprare le sigarette con il Reddito di cittadinanza?

Assolutamente no! Alcolici e tabacco sono spese espressamente vietate.

Con il Reddito di cittadinanza si può fare benzina?

Si! Non c’è nessun esplicito divieto che impedisca di usare la carta del Rdc per pagare il benzinaio.

Con il Reddito di cittadinanza si può pagare il parrucchiere?

No! con il Reddito di cittadinanza non si può pagare il parrucchiere, poiché si tratta di un servizio che non rientra tra i beni di prima necessità.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp