Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Reddito di cittadinanza / Reddito di cittadinanza di gennaio: entro quando va speso?

Reddito di cittadinanza di gennaio: entro quando va speso?

Reddito di cittadinanza di gennaio. Scopri entro quando va speso e come funziona con le decurtazioni mensili e semestrali.

di Antonio Dello Iaco

Gennaio 2022

Reddito di cittadinanza di gennaio: entro quando va speso? Scopriamolo insieme in questo articolo (aggiungiti al gruppo Telegram sul Reddito di Cittadinanza ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Nei prossimi paragrafi vedremo cosa prevede la legge anche per il credito che avanza ogni sei mesi dagli accrediti del Rdc.

Se sei interessato/a all’argomento e vuoi saperne di più, continua a leggere l’articolo.

Reddito di cittadinanza entro quando spendere

La legge, come chiarito anche dall’Inps, prevede che il reddito di cittadinanza venga speso entro il mese solare successivo dall’avvenuto accredito.

Questo significa che, il reddito di cittadinanza di gennaio, per esempio, va speso entro il mese di febbraio.

Bisogna prestare attenzione alla definizione di “mese solare”. Questo infatti non vuol dire che bisogna spendere l’accredito entro il giorno corrispondente del mese successivo al pagamento (esempio pagamento 27 gennaio e scadenza 27 febbraio).

Per mese solare si intende semplicemente il mese successivo. Quindi i soldi accreditati di gennaio, per intenderci, dovrai spenderli entro la fine di febbraio e quindi entro il 28, al di là del giorno di pagamento dell’incentivo.

Leggi su Telegram tutte le news sul Reddito di Cittadinanza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Reddito di cittadinanza di gennaio: che succede se non spendo tutto?

La norma è molto chiara anche su questo punto.

Se non spendi tutti i soldi che ti vengono accreditati entro la scadenza prefissata, si rischia una decurtazione del 20 per cento dell’incentivo.

In sostanza il pagamento del mese successivo sarà ridotto. Una volta che spenderai tutti i soldi erogati entro i tempi stabiliti, l’assegno di cittadinanza tornerà allo stesso valore di prima.

Reddito di cittadinanza di gennaio: tagli dopo sei mesi
Reddito di cittadinanza di gennaio: tagli dopo sei mesi

Entro quando spendere il reddito di cittadinanza: taglio dopo sei mesi

Dopo aver visto come funziona con gli accrediti mensili, prendendo in esame il reddito di cittadinanza di gennaio, chiariamo anche la questione della decurtazione dopo sei mesi.

Ogni semestre, la pubblica amministrazione fa delle verifiche sui conti Rdc dei beneficiari. Se restano soldi non spesi, vengono ritirati fatta eccezione per una mensilità.

La decurtazione non viene effettuata se la somma da ritirare è inferiore al 20 per cento del beneficio minimo mensile.

Potrebbero interessarti anche:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp