Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie » Reddito di cittadinanza / Reddito di cittadinanza e gioco online

Reddito di cittadinanza e gioco online

Reddito di cittadinanza e gioco online: cosa si rischia? Scopriamolo insieme.

di Alda Moleti

Novembre 2023

Nell’articolo di oggi parleremo di Reddito di cittadinanza e gioco online, per scoprire quali sono le spese consentite e quali quelle vietate (scopri le ultime notizie sul Rdc e sui bonus attivi in italia. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Si può usare la carta del Reddito di cittadinanza per scommettere online?

Il regolamento del Reddito di cittadinanza vieta esplicitamente di usare gli importi per giocare d’azzardo, sia on line che nei centri scommesse.

Il decreto che disciplina questa misura è molto chiaro sul divieto di utilizzo della carta del Rdc per “giochi che prevedono vincite in denaro o altre utilità”.

Elenco dei prodotti vietati dal Reddito di cittadinanza

Le spese non ammesse dal Reddito di Cittadinanza sono specificate nel Decreto del 19 aprile 2019 e comprendono le seguenti:

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Reddito di cittadinanza e gioco online: cosa si rischia?

L’uso di un conto gioco su una piattaforma online può compromettere il diritto al Reddito di cittadinanza (Cass. pen., sez. III, 29 luglio 2021, n. 29706).

Il Tribunale di Bolzano ha infatti confermato il sequestro di oltre 10.000 euro nei confronti di un individuo indagato per aver fornito informazioni false o omesse durante la richiesta di Reddito di cittadinanza.

La persona è stata indagata per false indicazioni ed omissioni di informazioni all’interno dell’autodichiarazione finalizzata all’ottenimento del Reddito di cittadinanza.

Secondo i giudici, la detenzione di un conto gioco online, collegato a una carta di credito e con transazioni significative (sia per ricariche che per prelievi di importo superiore al reddito dichiarato), compromette il diritto al Rdc.

Non dichiarare di possedere un conto di gioco è infatti un’omissione rilevante nei documenti presentati per ottenere il Reddito di cittadinanza.

Si può spendere il Reddito di cittadinanza per sigarette e gratta e vinci?

Teoricamente, non è possibile acquistare gratta e vinci con il Reddito di cittadinanza, poiché rientrano tra le spese vietate.

Tuttavia, molte persone si interrogano su come sia possibile che alcuni individui riescano comunque a comprare gratta e vinci utilizzando il Reddito di cittadinanza, nonostante le restrizioni.

La spiegazione di ciò risiede nella scelta del Governo di preservare la privacy dei beneficiari del Reddito di cittadinanza, limitando i controlli all’uso generale della carta, senza la possibilità di monitorare singoli acquisti.

Di conseguenza, questa normativa impedisce un controllo specifico sulle spese effettuate con il Rdc. La situazione può condurre a casi in cui, con il consenso del tabaccaio (che dovrebbe essere a conoscenza delle restrizioni imposte dalla legge), si effettuano acquisti di sigarette e gratta e vinci (oltre ad altri beni e servizi vietati) utilizzando la carta Rdc.

Nella pratica, tutto dipende dall’operatore. In altre parole, il terminale di pagamento del tabaccaio può accettare i pagamenti con carta Rdc perché, sostanzialmente, si tratta di una prepagata del circuito Mastercard emessa da Poste Italiane. Tuttavia, il commerciante ha il diritto di rifiutare i pagamenti con il Reddito di cittadinanza, specialmente se riguardano spese vietate, come prescritto dalla legge.

Reddito-di-cittadinanza-e-gioco-online-decreto
In foto, lo screen della nota del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sulle spese vietate con il Rdc.

Si può scommettere con il Rdc dopo aver prelevato gli importi?

In teoria, l’uso del Reddito di cittadinanza per acquisti di spese vietate non è consentito. Tuttavia si deve tenere presente che gli importi presenti sulla carta Rdc possono essere prelevati in contanti.

Dopo il prelievo, non è praticamente possibile tracciare l’uso del denaro contante, rendendo difficile impedire il suo utilizzo per acquisti vietati, ad esempio per scommettere o comprare gratta e vinci.

Quali sono i limiti di prelievo della carta del Reddito di cittadinanza?

La carta del Reddito di cittadinanza impone restrizioni anche sulle somme di denaro che è possibile prelevare mensilmente. Secondo la normativa, i nuclei familiari composti da un solo individuo possono prelevare fino a un massimo di 100 euro al mese.

Nel caso in cui il nucleo familiare includa più persone, il limite di prelievo viene calcolato moltiplicando i 100 euro per il parametro della scala di equivalenza.

La scala di equivalenza è un valore numerico utilizzato per determinare la composizione del nucleo familiare. Si attribuisce 1 punto al richiedente del Reddito di cittadinanza all’interno del nucleo e poi si aggiungono:

I limiti di prelievo si applicano anche all’Assegno Unico su Rdc?

Le famiglie che ricevono sia il Reddito di Cittadinanza sia l’Assegno Unico ottengono entrambe le prestazioni mensilmente sulla carta del Rdc. Le restrizioni sul prelievo, spiegate nel paragrafo precedente, non si applicano all’importo corrispondente alla quota dell’Assegno Unico.

In altre parole, il beneficiario ha la facoltà di prelevare l’intera somma dell’Assegno Unico accreditata sulla carta del Reddito di cittadinanza, senza essere soggetto alle limitazioni di prelievo applicate all’importo del Rdc stesso.

FAQ: domande frequenti sul Reddito di cittadinanza

Quali sono i requisiti per mantenere il Reddito di cittadinanza?

Per mantenere il Reddito di cittadinanza è necessario rispettare alcuni requisiti. Questi includono la partecipazione a percorsi di inclusione sociale e lavorativa, la ricerca attiva di lavoro e la comunicazione tempestiva di eventuali cambiamenti nella situazione familiare o economica.

Reddito di cittadinanza requisiti per i single: cosa cambia?

I single dovranno rispettare gli stessi requisiti applicati agli altri nuclei familiari per ricevere l’Rdc. Leggi come funziona l’Rdc per i single.

Reddito di cittadinanza requisiti ISEE: quale soglia non superare?

Il tetto ISEE delle famiglie beneficiarie del Reddito di cittadinanza è fissato a 9.360 euro all’anno.

Reddito di cittadinanza spese ammesse 2023: quali sono?

Con i soldi del Reddito di cittadinanza si possono comprare beni di prima necessità, pagare bollette e servizi che non rientrano fra le spese vietate con l’Rdc: per esempio alcolici, tabacco, gioco d’azzardo, articoli di pellicceria e gioielleria, armi, materiale pornografico, servizi assicurativi e di trasferimento di denaro, noleggio, acquisto o leasing di navi e imbarcazioni da di porto nonché servizi portuali.

Posso verificare il saldo della carta Rdc sul sito dell’INPS?

No, sul sito dell’INPS non è possibile controllare il saldo del Redito di cittadinanza, ma solo lo storico dei pagamenti e lo stato della domanda.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp