Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Reddito di cittadinanza e lavoro part time: guida completa

Reddito di cittadinanza e lavoro part time: guida completa

Reddito di cittadinanza e lavoro part time. Ecco la guida completa per saperne di più e cosa prevede la legge.

di The Wam

Maggio 2022

Reddito di cittadinanza e lavoro part time: vediamo insieme cosa prevede la legge e se sono compatibili. In questo articolo potrai consultare una guida sui limiti Isee e reddituali e le procedure da seguire (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sul Reddito di Cittadinanza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Reddito di cittadinanza e lavoro part time: sono compatibili?

Reddito di cittadinanza e lavoro part time sono assolutamente compatibili.

Il reddito di cittadinanza non è una misura di sostegno ai disoccupati, ma è accessibile a tutti i cittadini italiani, anche lavoratori, che rispettano i requisiti reddituali richiesti.

Quindi si può lavorare part time e ricevere il Reddito di cittadinanza. L’importante è rispettare le varie norme riguardo ai parametri richiesti e alle comunicazioni da fare.

Aggiungiti al gruppo Telegram sul Reddito di Cittadinanza ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Scopri la pagina dedicata al Reddito di cittadinanza: pagamenti, diritti e bonus compatibili.

Reddito di cittadinanza e lavoro part time: occhio alle soglie

È importante prestare attenzione alle soglie di reddito e di Isee se siete beneficiari del reddito di cittadinanza e avete un lavoro part time.

Per legge, infatti, il limite reddituale per i beneficiari dell’Rdc è pari a 6.000 euro annui.

Questa soglia va moltiplicata in base alla scala di equivalenza che dipende dalla grandezza e dalla composizione del nucleo familiare (la puoi consultare qui, sul sito ufficiale governativo).

La soglia Isee massima invece è pari a 9.360 euro l’anno. Anche questo tetto massimo può aumentare in funzione alla scala di equivalenza.

ASSEGNO UNICO RDC: disastro INPS. Errori e Orrori!

Reddito di cittadinanza e lavoro part time prima della domanda

Se da prima della presentazione della domanda per il reddito di cittadinanza, lavori part-time non c’è alcun problema.

L’importante è dichiarare l’attività professionale nel quadro E del modulo di richiesta di incentivo compilando anche il modulo Rdc/Pdc – Com Ridotto.

È logico che, in presenza di un lavoro part time, l’importo dell’incentivo diminuisce anche in modo sostanziale.

Reddito di cittadinanza e lavoro part time dopo la domanda

Il discorso cambia se mentre benefici del reddito di cittadinanza dovessi trovare un lavoro part time.

In questo caso dovrai rispettare dei tempi ben definiti per comunicare alla pubblica amministrazione la tua nuova attività.

In particolare, entro trenta giorni dall’inizio del lavoro, l’INPS dovrà essere a conoscenza delle tue nuove entrate, altrimenti rischi di perdere il sussidio.

Per farlo, dovrai compilare il modulo Rdc/Pdc – Com Esteso e presentarlo presso un CAF accreditato.

L’INPS verificherà se rispetti ancora tutti i parametri per ricevere l’incentivo. In quel caso reddito di cittadinanza e lavoro part time potranno convivere senza problemi.

Reddito di cittadinanza e lavoro part time: cosa prevede la legge
Reddito di cittadinanza e lavoro part time: cosa prevede la legge

Se dovessi superare le soglie di entrate o Isee stabilite dalla legge, in automatico il sussidio ti sarà revocato.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp