Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Reddito di cittadinanza / Reddito di cittadinanza: perché il mio importo è diminuito?

Reddito di cittadinanza: perché il mio importo è diminuito?

Perché l'importo del reddito di cittadinanza è diminuito rispetto ai mesi precedenti? Leggi i casi più comuni.

di The Wam

Febbraio 2022

“Perché l’importo del mio reddito di cittadinanza è più basso del mese scorso“? Abbiamo ricevuto tante domande simili. Prima di rispondere, una doverosa premessa: l’aggiornamento dell’ISEE non c’entra con la riduzione dell’Rdc di gennaio 2022 (aggiungiti al gruppo Telegram sul Reddito di Cittadinanza ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Reddito di cittadinanza: perché il mio è importo diminuito rispetto all’ultimo mese?

Ogni beneficiario del reddito di cittadinanza può trovare un importo più basso, rispetto a quello del mese precedente, per ragioni differenti, ma di solito i motivi della riduzione sono riconducibili a questi casi:

A questi esempi può aggiungersi una variazione dell’importo dell’Rdc dovuta all’aggiornamento dell’ISEE, rispetto al momento della prima domanda inoltrata per ottenere il sussidio. Questi cambiamenti si applicano dal mese di febbraio di ogni anno.

Leggi su Telegram tutte le news sul Reddito di Cittadinanza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

reddito di cittadinanza perche il mio importo e diminuito

Reddito di cittadinanza diminuito per il nuovo ISEE: come funziona?

Ne parliamo in dettaglio nel prossimo paragrafo. L’importo del reddito di cittadinanza è legato a doppio filo con l’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente), che fotografa la situazione patrimoniale e reddituale di una famiglia. Il rinnovo dell’ISEE, con l’aggiornamento della DSU (Dichiarazione sostitutiva unica), va effettuato prima del 31 gennaio di ogni anno per non perdere il diritto a percepire l’Rdc.

Proprio le variazioni dell’ISEE, rispetto agli anni precedenti, possono determinare un cambiamento nell’importo del sussidio. Ecco cosa può succedere:

Reddito di Cittadinanza: come verificare i pagamenti

Per verificare i pagamenti del reddito o delle pensione di cittadinanza è possibile utilizzare l’area riservata del sito dell’INPS, accessibile con le credenziali personali usate in fase di registrazione sul portale (SPID, Carta di Identità elettronica o Carta Nazionale dei servizi).

Bisogna cliccare su Gestione domande – liste domande ed esiti – quindi esito in azioni, per verificare: data della rendicontazione di Poste, importo della ricarica (cliccando sulla sezione importo), requisiti economici e data di invio di disposizione a Poste, da parte dell’INPS.

La verifica del saldo dell’Rdc può anche avvenire:

Cos’è il reddito di cittadinanza?

Il Reddito di Cittadinanza erogato dall’Inps è una misura di sostegno, approvata dal governo italiano, in favore di famiglie in difficoltà economica, che si propone di favorire il reinserimento nel mondo del lavoro e di promuovere l’inclusione sociale. Il beneficio economico è accredito ogni mese su una carta prepagata, rilasciata da Poste Italiane, chiamata “Carta Rdc”.

Il pagamento del sussidio avviene una sola volta al mese e l’importo erogato sulla Carta Rdc va speso entro la fine del mese successivo, altrimenti le altre ricariche potrebbero subire una decurtazione fino al 20% della cifra accreditata.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp