Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Reddito di cittadinanza / Reddito di cittadinanza, cambiano le regole per averlo

Reddito di cittadinanza, cambiano le regole per averlo

La legge di Bilancio 2022 introduce modifiche al Reddito di cittadinanza. Nuovi valori reddituali, nuovi criteri di “congruità” del lavoro, nuove modalità di comunicazioni all’Inps. E tanto altro. Di seguito tutti i cambiamenti.

di Valerio Pisaniello

Luglio 2022

Nuove regole in tema Reddito di cittadinanza. La nota 5824 del 5 luglio 2022 – emanata dal ministero del Lavoro e delle Politiche sociali – ha fornito i nuovi  valori reddituali di riferimento ai fini dell’esonero dagli obblighi lavorativi previsti dalla normativa sul Reddito di cittadinanza. Ma vediamo nel dettaglio cosa cambia. (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sul Reddito di Cittadinanza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE

Reddito di cittadinanza: i beneficiari

La regola generale per accedere al Reddito di cittadinanza è che tutti i componenti del nucleo familiare devono essere maggiorenni, non occupati e che non frequentano un regolare corso di studi. 

Inoltre va sottolineato che sono considerati disoccupati – come previsto dal dl 4/2019 i lavoratori  anche con reddito da lavoro compreso entro uno specifico limite. Sono esclusi  dall’obbligo di lavoro invece:

Aggiungiti al gruppo Telegram sul Reddito di Cittadinanza ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Scopri la pagina dedicata al Reddito di cittadinanza: pagamenti, diritti e bonus compatibili.

Reddito di cittadinanza: i nuovi valori economici

La legge di Bilancio 2022 ha ridisegnato gli importi  di reddito massimo   necessari a conservare lo stato di disoccupazione. Vediamoli nel dettaglio.

Prima delle modifiche per il lavoro dipendente il valore del reddito doveva essere pari o inferiore a 8.145,00 euro annui, mentre per il lavoro autonomo, il valore del reddito doveva essere pari o inferiore ad 4.800,00 euro.  Sussiste, inoltre, la possibilità di esonero quando il tempo impiegato nell’attività lavorativa sia superiore alle 20 ore settimanali, nonché quando il tempo di lavoro – addizionato al tempo impiegato per raggiungere il luogo di lavoro – sia superiore alle 25 ore settimanali.

Ora vediamo gli importi aggiornati:

Sono stati aggiornati anche i modelli  relativi alle autocertificazini connesse all’esonero dagli obblighi lavorativi  sia per i lavoratori che per gli enti interessati.

Li alleghiamo  di seguito:

Inoltre sul sito Thewam.net abbiamo anche caricato il modulo nel caso della variazione d’affitto. Ma non è finita qui. La legge di Bilancio 2022 (Legge n. 234 del 30 dicembre 2021) introduce altre modifiche ed integrazioni alla misura Rdc.

Reddito di cittadinanza: non pignorabilità del beneficio

Innanzitutto, stabilisce la non pignorabilità del Reddito di cittadinanza, che viene configurato come sussidio di sostentamento a persone comprese nell’elenco dei poveri, ai sensi dell’articolo 545 del Codice di procedura civile, per il quale «non possono essere pignorati i crediti aventi per oggetto i sussidi di grazia o di sostentamento a persone comprese nell’elenco dei poveri, oppure sussidi dovuti per maternità, malattie o funerali da casse di assicurazione, da enti di assistenza o da istituti di beneficienza».

Reddito di cittadinanza: nuove comunicazioni se si inizia a lavorare

In secondo luogo, viene stabilita una importante modifica circa le comunicazioni di variazioni della condizione di occupazione. Nel caso di avvio di un’attività d’impresa o di lavoro autonomo, svolta sia in forma individuale sia di partecipazione, da parte di uno o più componenti il nucleo familiare nel corso dell’erogazione del Rdc, la comunicazione deve essere effettuata, tramite il modello RdC/PdC-com estesoil giorno antecedente all’inizio dell’attività e non più entro trenta giorni dall’inizio della stessa. Se non viene rispettata questa nuova tempistica, si stabilisce la decadenza dal beneficio. Rimangono immutati i termini di comunicazione delle altre variazioni dell’attività lavorativa.

Il nuovo Reddito di cittadinanza
Il nuovo Reddito di cittadinanza

Reddito di cittadinanza: le offerte di lavoro

Sono rilevanti i cambiamenti in materia di obblighi dei beneficiari circa l’accettazione di offerte di lavoro “congrue”, che sono definite sulla base di quattro principi:

Nell’ambito del Patto per il lavoro, il beneficiario di Reddito di cittadinanza deve accettare almeno una di due offerte congrue (anziché tre); in caso di rinnovo del beneficio, deve essere accettata, pena decadenza dal beneficio, la prima offerta di lavoro congrua.

In relazione alla distanza del luogo di lavoro, valgono le seguenti regole:

I casi di revoca del Reddito di cittadinanza

In caso di rifiuto di un’offerta di lavoro congrua, scatta una diminuzione mensile di 5 euro per ciascun mese a partire dal mese successivo a quello in cui si è eventualmente rifiutata un’offerta congrua. Al secondo rifiuto, il sussidio sarà revocato (oggi questo accade al terzo rifiuto).

La riduzione si applica solo nei casi in cui il beneficio economico mensile, anche a seguito della rideterminazione in caso di rifiuto di un’offerta di lavoro congrua, non risulti inferiore a 300 euro.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp