Reddito di cittadinanza non pagato a novembre: cosa succede?

Anche se alcuni accrediti sono partiti all’inizio della settimana, molti si ritrovano con il Reddito di cittadinanza non pagato a novembre.

6' di lettura

Ancora niente soldi del Rdc per molte famiglie in attesa del contributo riferito a novembre 2022. Sebbene alcune persone abbiano ricevuto il saldo, altre si stanno preoccupando per il Reddito di cittadinanza non pagato a novembre: si teme una replica dei ritardi di ottobre (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sul Reddito di Cittadinanza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Il Reddito di cittadinanza non pagato a novembre inizia a far preoccupare le famiglie in attesa del sussidio, in quanto non sanno a cosa si deve questo ritardo. Visto il precedente di ottobre 2022, in cui il Rdc è stato pagato in ritardo a 70mila nuclei familiari, si teme che possa esserci una replica di quella spiacevole situazione.

Nei prossimi paragrafi cerchiamo di fare il punto della questione e di capire a cosa si devono questi ritardi del Rdc di novembre.

Indice

Reddito di cittadinanza non pagato a novembre: ancora niente soldi

Anche se alcuni pagamenti del Reddito di cittadinanza di novembre sono stati erogati solo gli ultimi giorni del mese, a partire dal 29 novembre 2022, ci sono diverse famiglie che non hanno ancora ricevuto l’importo spettante e perciò stanno inziando a chiedersi perché.

In merito al Reddito di cittadinanza non pagato a novembre non ci sono risposte specifiche da parte dell’INPS. In base ai commenti al nostro canale Youtube Redazione The Wam, abbiamo riscontrato che alcuni cittadini non vedono il saldo sulla propria carta Rdc, ma non è chiaro se si tratta di categorie particolari oppure no.

Ovviamente, vivere in attesa di una prestazione a cui si ha diritto non fa altro che aumentare la tensione delle famiglie che con questo sussidio ci pagano l’affitto, le bollette e i beni alimentari. Alcune di queste possono affidarsi solo sul Rdc e sull’assegno unico in caso di figli minori a carico, e non ricevere l’importo del mese crea un forte disagio all’interno del nucleo famigliare.

In attesa di avere ulteriori aggiornamenti sulle famiglie maggiormente coinvolte, nel prossimo paragrafo cerchiamo di capire quali potrebbero essere i motivi del Reddito di cittadinanza non pagato a novembre.

Scopri la pagina dedicata al Reddito di cittadinanza: pagamenti, diritti e bonus compatibili.

Aggiungiti al gruppo Telegram sul Reddito di Cittadinanza ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Nel video di seguito (150 EURO SU RDC, DATA 1 MA NE SCALANO 200 A LORO) che si concentra sui problemi con il bonus 200 euro scalato dal Rdc ad alcuni cittadini, potrete vedere i commenti delle famiglie che non hanno ancora ricevuto il Reddito di cittadinanza.

Reddito di cittadinanza non pagato a novembre: motivi possibili

Come abbiamo anticipato nel paragrafo precedente, diversi cittadini non hanno ancora ricevuto il Reddito di cittadinanza di novembre. Visto che oggi è 1° dicembre 2022 e Poste italiane aveva tempo fino al 30 novembre per erogare il sussidio, il mancato pagamento è diventato motivo di grande apprensione.

In merito ai motivi di questo ritardo, l’Istituto di previdenza sociale non ha inviato alcuna segnalazione particolare, quindi sarebbe da escludere un’anomalìa simile a quella che si è verificata a ottobre. Allo stesso tempo, però, potremmo pensare che questo ritardo sia dovuto ad alcuni controlli supplementari non annunciati dall’INPS che stanno facendo allungare i tempi delle pratiche.

In questo caso, dal momento che alcune ricariche sono iniziate dal 29 novembre, è possibile che si vedrà un accredito nei prossimi giorni, al massimo entro la fine della settimana prossima.

Inoltre, poiché questi giorni sono rilevanti non solo per il ritardo del Reddito di cittadinanza ma anche per altri pagamenti, per esempio l’integrazione dell’assegno unico e del bonus 150 euro, consigliamo ai nostri lettori di tenere d’occhio l’area riservata del sito INPS, in modo da avere tutti gli aggiornamenti ufficiali suigli accrediti.

Nel prossimo paragrafo ricordiamo prevemente dove si controlla la data di pagamento.

Reddito di cittadinanza non pagato a novembre, cosa succede?

Reddito di cittadinanza non pagato a novembre: dove controllare il pagamento

In attesa di avere aggiornamenti da parte dell’INPS in merito al Reddito di cittadinanza non pagato a novembre, consigliamo ai nostri lettori di controllare le disposizioni di pagamento e in generale l’area personale del sito dell’INPS.

Ricordiamo che le date di accredito del Rdc e di altre prestazioni cambiano da persona a persona e vanno controllate periodicamente sul fascicolo previdenziale del cittadino, area riservata del sito INPS, accessibile tramite le credenziali digitali SPID, CIE o CNS.

In particolare, per verificare date e importi del Reddito di cittadinanza si possono utilizzare diverse modalità, tra cui:

  • chiamare il numero verde 800.666.888;
  • rivolgersi al Contact Center dell’INPS al numero 803 164 gratuitamente da rete fissa oppure al 06 164 164 a pagamento da cellulare. Al momento però il Contact Center non è disponibile. Tornerà attivo dal 5 dicembre 2022;
  • recarsi presso un Atm di Poste Italiane, inserendo la propria Rdc card e seguendo le indicazioni del sistema;
  • accedere al sito ufficiale del Reddito di cittadinanza tramite l’identità digitale SPID;
  • accedere al sito ufficiale dell’INPS, e in particolare all’area riservata MyInps tramite le credenziali SPID, CIE o CNS.

La più pratica e veloce tra queste è senza dubbio attraverso il sito dell’INPS, che adesso illustreremo.

Dunque, dopo aver effettuato l’accesso all’area personale MyINPS, bisogna scrivere Reddito di cittadinanza” nella barra di ricerca in alto alla pagina. Da qui, tra le voci che risultano dalla ricerca bisogna selezionare Servizio e Reddito di cittadinanza/Pensione di cittadinanza per accedere alla pagina dedicata.

A questo punto, nel menu a sinistra troverai le varie funzionalità offerte dal sito: dovrai quindi cliccare su Gestione domanda e, dall’elenco che si apre, su Lista domande ed esiti. Ti apparirà una tabella con tutti i dettagli delle domande presentate, come la data di presentazione, lo stato della domanda, il codice fiscale del richiedente e il suo nome e cognome, la data di acquisizione e, infine, alcune azioni che da qui puoi intraprendere.

Tra le varie azioni, puoi cliccare su Esito e accedere alla tabella con i dettagli del pagamento del Reddito di cittadinanza, ordinati secondo mensilità. Se l’accredito è stato effettuato, potrai visualizzare anche l’importo dell’ultima mensilità.

Visto che in situazioni come queste, è importante segnalare ogni aggiornamento sui pagamenti vi invitiamo a condividere la notizia con noi di TheWam. Per farlo, potete scrivere un commento sotto ai video del canale YouTube Redazione The Wam, inviarci una mail all’indirizzo [email protected] oppure comunicare la notizia nella chat di Telegram dedicata al Rdc.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie