Reddito di cittadinanza oggi 25 novembre, 150 euro e Auf?

Scopri le ultime novità sui pagamenti del reddito di cittadinanza del 25 novembre, il bonus 150 euro e l'assegno unico.

5' di lettura

Il reddito di cittadinanza di novembre arriverà dalle 13.30 di oggi, venerdì 25 novembre 2022. Vediamo a chi spetta la ricarica, quali sono gli importi previsti e quando verrà accreditato il bonus 150 euro. (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sul Reddito di Cittadinanza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Quando arriva il reddito di cittadinanza di novembre 2022?

Il pagamento del reddito di cittadinanza di novembre 2022 arriverà oggi, venerdì 25 novembre 2022. Poste Italiane ha tempo fino all’ultimo giorno del mese, quindi il 30 novembre 2022, per terminare tutte le ricariche; per questo ci sono nuclei familiari che potrebbero ricevere l’Rdc prima e altri solo in un secondo momento e anche diversi giorni dopo il 25.

Purtroppo ci sono alcuni cittadini che ci hanno segnalato di non vedere ancora le lavorazioni dell’Rdc di novembre 2022 sul sito dell’INPS.

Abbiamo parlato degli accrediti dell’Rdc di novembre e del bonus 150 euro nel video “RDC OGGI, MA NON PER TUTTI! BUGIE 150 EURO“.

Aggiungiti al gruppo Telegram sul Reddito di Cittadinanza ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

reddito-di-cittadinanza-novembre-150-euro-assegno-unico
Il reddito di cittadinanza sarà pagato dal 25 novembre 2022, il bonus 150 euro e l’assegno unico su Rdc di ottobre arriveranno successivamente.

Quando arrivano i 150 euro sul reddito di cittadinanza?

Il pagamento del bonus 150 euro era atteso in contemporanea alla ricarica dell’Rdc di novembre 2022, quindi da venerdì 25 novembre 2022. Purtroppo le elaborazioni non sono ancora iniziate e, molto probabilmente, i pagamenti arriveranno entro il 30 novembre, disattendendo quanto era stato anticipato nella Circolare INPS numero 127 del 16 novembre 2022.

Quando arriva l’assegno unico sul reddito di cittadinanza di novembre 2022?

Il pagamento dell’assegno unico di ottobre 2022 sul reddito di cittadinanza arriverà dopo la ricarica Rdc di novembre 2022, quindi fra il 26 e il 30 novembre 2022, con le date che cambiano da beneficiario a beneficiario e vanno perciò controllate sul fascicolo previdenziale del cittadino, area riservata del sito INPS accessibile con le credenziali personali: SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), CNS (Carta Nazionale dei Servizi) o CIE (Carta di Identità Elettronica).

Quando dura il reddito di cittadinanza nel 2022?

Il Reddito di Cittadinanza viene erogato per 18 mesi. Dopo questo periodo sono previsti 30 giorni di stop per il pagamento, ma è possibile rinnovare il sussidio. Se si mantengono i requisiti per l’Rdc, infatti, è possibile presentare una nuova domanda a partire dal mese successivo a quello della scadenza. Le cose cambieranno dal 2023 quando, con la nuova Legge di Bilancio, la durata dell’Rdc verrà ridotta.

Con le novità introdotte dal governo Meloni, infatti, l’Rdc verrà erogato per dodici mesi a chi ha a carico persone con disabilità, figli minori o almeno un familiare con 60 anni di età. Tutti gli altri, se hanno fra i 18 e i 59 anni e non rispettano i requisiti precedentemente elencati, riceveranno il reddito di cittadinanza per un massimo di otto mesi.

Nel video di seguito, “RDC 2023: 8 MESI PER CHI? OBBLIGO SCOLASTICO E… LIVE!“, abbiamo illustrato le principali novità attese in Legge di Bilancio per i percettori del sussidio nel 2023 e nel 2024.

Oltre alle pensioni da 2100 euro tagliate per 2 anni, sulla Legge di Bilancio 2023 leggi anche:

Fin quando ci sarà il reddito di cittadinanza?

Il reddito di cittadinanza sarà abolito dal primo gennaio 2024, dopo l’approvazione della Legge di Bilancio 2023 da parte del governo guidato dalla presidente del consiglio, Giorgia Meloni. L’esecutivo avrebbe voluto interrompere l’erogazione del beneficio alle persone ritenute occupabili già a partire da gennaio 2023, ma ha poi posticipato la decisione al 2024 per il timore di rivolte sociali.

Chi è esonerato dal Patto per il Lavoro Rdc?

Sono esclusi dall’obbligo di sottoscrivere il Patto per il Lavoro i pensionati o chi ha un’età superiore a 65 anni, le persone con disabilità, chi assiste bambini fino a tre anni di età o persone con disabilità gravi o non autosufficienti appartenenti al nucleo familiare, chi frequenta corsi di occupazione, tirocini formativi o di inclusione sociale e gli occupati con basso reddito, giudicati disoccupati, ossia i dipendenti con redditi da lavoro inferiori a € 8.000 e i lavoratori autonomi con redditi inferiori €4.800.

Che lavori si fanno con il reddito di cittadinanza?

Chi percepisce l’Rdc è obbligato a svolgere lavori di pubblica utilità, quindi occupazioni socialmente utili per il proprio Comune, per esempio attività che includono la manutenzione del verde o l’assistenza di persone anziani o disabili. Inoltre, chi sottoscrive il patto per il Lavoro, dal 2023 non potrà rifiutare neppure un’offerta di lavoro arrivata attraverso i centri per l’impiego, altrimenti perderà il diritto a percepire l’Rdc.

Chi ha il reddito di cittadinanza deve fare il 730?

Chi riceve l’Rdc non è obbligato a inviare la dichiarazione dei redditi, attraverso il modello 730/2022 o il modello Redditi Pf, se l’unico reddito percepito è rappresentato dall’Rdc poiché si tratta di un contributo economico esentasse.

Chi trova un lavoro perde il reddito di cittadinanza?

Il Rdc è compatibile con l’attività lavorativa svolta da una o più persone del nucleo familiare, se si continuano a soddisfare i requisiti di reddito fissati dal Decreto legge n. 4 del 28 gennaio 2019 che regola l’erogazione del contributo economico. Se la variazione dell’attività lavorativa avviene dopo la domanda Rdc, dal 2022 bisogna comunicarlo all’INPS entro il giorno precedente l’inizio del lavoro, attraverso la compilazione del modulo “Rdc/Pdc – Com esteso”.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Rdc:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie