Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie » Reddito di cittadinanza / Reddito di cittadinanza o disoccupazione: cosa devi sapere

Reddito di cittadinanza o disoccupazione: cosa devi sapere

Reddito di cittadinanza o disoccupazione? Scopri se le due misure sono compatibili e quali sono le differenze.

di Chiara Del Monaco

Marzo 2023

Spesso capita che alcune persone si chiedano se sia meglio il Reddito di cittadinanza o disoccupazione. La buona notizia è che le due misure possono essere percepite entrambe allo stesso momento, ma solo se si rispettano determinate condizioni (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sul Reddito di Cittadinanza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Anche se per qualcuno può sembrare strano, quando si parla di Reddito di cittadinanza o disoccupazione non bisogna pensare che l’una esclude l’altra. Se si rientra in condizioni specifiche previste dalla legge, è possibile fruire di tutte e due le prestazioni economiche.

Tuttavia, anche se sono compatibli. si tratta di misure molto diverse tra loro, che sono nate per raggiumgere obiettivi differenti. Per fare chiarezza sull’argomento, nei prossimi paragrafi illustriamo la possibilità di compatibilità di Rdc e Naspi e le loro principali differenze.

In questo approfondimento chiariamo la possibilità di cumulare le due prestazioni e le loro differenze principali.

Indice

Reddito di cittadinanza o disoccupazione: sono compatibili?

Prima di addentrarci nei dettagli del Reddito di cittadinanza o disoccupazione, rispondiamo alla domanda principale del nostro approfondimento: Naspi e Rdc sono compatibili?

La risposta è sì, sono compatibili e quindi possono essere percepite insieme, a patto che si rispettino i requisiti previsti da entrambe le misure.

A confermare la compatibilità delle due prestazioni economiche è proprio il portale online dedicato al Reddito di cittadinanza, dove si legge che il Rdc è compatibile sia con la Naspi (Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego) sia con la Dis-Coll (cioè l’indennità di disoccupazione per i lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata) sia con altri strumenti di sostegno al reddito per la disoccupazione involontaria previsti dal nostro ordinamento.

Quindi, chi percepisce l’indennità di disoccupazione Naspi, per esempio, può fare domanda di Reddito di cittadinanza e viceversa. Ovviamente, nel momento in cui si percepiscono entrambe le misure, l’importo erogato sul Reddito di cittadinanza non sarà quello intero previsto dal dl 4/2019, ma si baserà sulla somma riconosciuta mensilmente con la disoccupazione.

Per fare maggiore luce sulle due prestazioni economiche, nel prossimo paragrafo evidenziamo le differenze principali tra il Reddito di cittadinanza e la Naspi.

Scopri la pagina dedicata al Reddito di cittadinanza: pagamenti, diritti e bonus compatibili.

In questo video scoprirai le ultime novità sui pagamenti di Naspi, Rdc, Bonus 150 euro e Assegno Unico.

Aggiungiti al gruppo Telegram sul Reddito di Cittadinanza ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Reddito di cittadinanza o disoccupazione: differenze principali

Nel paragrafo precedente abbiamo visto che non bisogna per forza scegliere tra Reddito di cittadinanza o disoccupazione, in quanto è possibile percepire entrambi i sussidi, a patto che si rispettino i requisiti previsti dalle rispettive normative.

Tuttavia, per sapere se si ha diritto a entrambe le prestazioni è necessario conoscere bene le differenze che distinguono il Reddito di cittadinanza e la Naspi.

In particolare, la Naspi è un’indennità di disoccupazione che viene erogata ai cittadini che perdono il lavoro involontariamente (quindi vengono licenziati o si dimettono per giusta causa) e hanno bisogno di un supporto economico mentre cercano un altro impiego. Per avere diritto a questo sussidio è necessario aver versato una certa quantità di contributi previdenziali all’INPS prima del periodo di disoccupazione.

A tal proposito, leggi quali documenti sono necessari per la disoccupazione.

Dall’altro lato, il Reddito di cittadinanza è una forma di assistenza economica che viene concessa ai cittadini che versano in condizioni di povertà. Per accedere al sussidio, infatti, è necessario avere un reddito massimo definito dalla legge e rientrare nei requisiti di residenza e cittadinanza previsti. A differenza della Naspi, non sono richiesti contributi versati.

Inoltre, il Rdc non è solo un modo per supportare economicamente i destinatari, ma anche per reinserirli nel mondo lavorativo. Infatti, i beneficiari sono tenuti a firmare un Patto per il Lavoro o per l’inclusione Sociale e farsi assistere dal Centro per l’Impiego locale per trovare lavoro. Quest’ultimo, dal canto suo, deve proporre dei corsi di formazione o delle vere e proprie offerte di lavoro.

Quindi, la differenza sostanziale tra la Naspi e il Reddito di cittadinanza è lo scopo: la disoccupazione è un mero aiuto economico, che prevede solo l’erogazione di una somma di denaro ogni mese, mentre il Rdc è uno strumento di reinserimento lavorativo e reintegrazione sociale che aiuta i beneficiari nella ricerca del lavoro o della riqualificazione professionale.

Un’altra differenza importante tra le due misure è anche la durata. L’indennità di disoccupazione Naspi, infatti, ha una durata massima di due anni, mentre il Reddito di cittadinanza finora aveva una durata massima di 18 mesi (un anno e mezzo), ma nel 2023 può essere erogato per un massimo di 12 mesi e solo ad alcune categorie di cittadini.

Leggi quali sono le somme previste con l’Rdc, i limiti di prelievo in contanti e le spese vietate con i contributi economici, i motivi che causano la sospensione del reddito di cittadinanza e i reati che fanno perdere l’Rdc.

Reddito di cittadinanza o disoccupazione? In foto, due mani che contengono ciascuna una pallina con un punto interrogativo, ma di due colori diversi.

Reddito di cittadinanza o disoccupazione: requisiti

Se ci hai seguito fino a questo punto dell’articolo, hai scoperto che il Reddito di cittadinanza e l’indennità di disoccupazione Naspi sono compatibili e quali sono le principali differenze tra le due misure.

Il caso più comune in cui una persona si chiede se può percepire sia l’una che l’altra prestazione economica si ha quando si sta già percependo la disoccupazione ma si ha bisogno di un supporto economico maggiore.

Quindi, se al momento sei titolare di Naspi e vorresti richiedere il Reddito di cittadinanza, è importante verificare se rientri nei requisiti previsti dalla normativa relativa al Rdc. Nello specifico, decreto legge che ha introdotto il sussidio anti-povertà stabilisce che per accedere al Rdc è necessario possedere questi requisiti economici, di residenza e di cittadinanza:

A proposito del requisito di residenza richiesto dalla legge, potrebbe interessarti l’attacco dell’Unione europea al Reddito di cittadinanza.

Se rientri nei requisiti descritti sopra, puoi presentare la domanda del Reddito di cittadinanza senza problemi, assicurandoti di avere tutti i documenti necessari per farlo.

Infine, ricordiamo che se ti viene concesso il Reddito di cittadinanza insieme alla Naspi, non avrai diritto all’importo pieno del Rdc, ma questo sarà basato sull’importo della Naspi che ricevi ogni mese.

Leggi quali sono le somme previste con l’Rdc, i limiti di prelievo in contanti e le spese vietate con i contributi economici, i motivi che causano la sospensione del reddito di cittadinanza e i reati che fanno perdere l’Rdc.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp