Reddito di emergenza: prossimi pagamenti. Settimana decisiva

Il calendario dei pagamenti del reddito di emergenza. Scopri le prossime date per l'accredito del Rem e a chi spettano le nuove rate.

4' di lettura

Reddito di emergenza: quando arriva? Scopriamo le nuove date di pagamento. C’è chi ha ricevuto la terza rata di Rem e chi è fermo al primo accredito. Poi c’è chi ancora aspetta una risposta.

Ci occupiamo anche dei più sfortunati. I beneficiari della cosiddetta proroga Naspi Rem. L’Inps ha commesso un grave errore sulla valutazione dei requisiti.

Facciamo il punto anche sulle circolari per le nuove quattro rate del reddito di emergenza. E’ necessario avere chiari i requisiti per accedere alle nuove ricariche del sussidio.

A fine articolo avrai un quadro chiaro e completo della situazione. Il resto lo faranno delle guide bonus che troverai linkate. Partiamo!

INDICE:

Reddito di emergenza: quando arriva il pagamento? Prossime date per la ricarica

La prossima settimana ci saranno nuovi pagamenti per le prime rate del reddito di emergenza. Chi ancora deve ricevere la ricarica di marzo.

Martedì 15 giugno sarà una data fondamentale. E’ la data di riferimento per ricevere gli esiti delle domande per la cosiddetta proroga Naspi Rem. Le rate da 400 euro per chi era in Naspi e Dis-Coll fra luglio 2021 e febbraio 2021 e aveva un Isee inferiore a 30mila euro.

Perché questi ritardi per la proroga Naspi Rem? L’INPS ha valutato i requisiti di tutto il nucleo familiare. Grave errore. La circolare era esplicita: considerare solo i requisiti di chi faceva domanda.

Cosa è successo? L’Inps ha rigettato quelle richieste. Poi ha capito di aver sbagliato. Le ha riprese in carico. Gli esiti arriveranno proprio entro il 15 di giugno.

Per i pagamenti bisognerà aspettare qualche giorno in più. Ricapitolando:

  • Prossima settimana pagamenti della prima rata del Rem per molti beneficiari
  • Dal 15 giugno esiti per le domande relative alla Proroga Naspi Rem

Reddito di emergenza: a chi spettano le nuove rate del Rem?

Le quattro rate del Rem spettano a quelle famiglie che rispettano alcuni requisiti di residenza, patrimonio e reddito:

  • reddito familiare nel mese di aprile 2021 inferiore ad una soglia pari all’ammontare di cui all’articolo 82, comma 5, del decreto-legge n. 34 del 2020 (reddito inferiore a una soglia pari all’ammontare del Rem);

  • residenza in Italia;

  • patrimonio mobiliare inferiore a 10.000 euro riferito all’anno precedente. Questa soglia è aumentata di ulteriori 5.000 euro persona nel nucleo familiare, fino a un massimo comunque di 20.000 euro;

  • ISEE non superiore a 15.000 euro.

Requisiti di residenza

Chi fa domanda per il Rem, al momento della richiesta, deve essere essere residente in Italia. Non serve che tutta la famiglia abbia la residenza in Italia.

Requisiti economici

  1. reddito familiare nel mese di aprile 2021 inferiore ad una soglia pari all’ammontare di cui all’articolo 82, comma 5, del decreto-legge n. 34 del 2020 (reddito inferiore a una soglia pari all’ammontare del Rem);

  2. patrimonio mobiliare inferiore a 10.000 euro riferito all’anno precedente. Questa soglia è aumentata di ulteriori 5.000 euro persona nel nucleo familiare, fino a un massimo comunque di 20.000 euro;

  3. ISEE non superiore a 15.000 euro.

Requisiti di compatibilità

Il Rem non è compatibile con:

– le altre indennità COVID-19;

– le prestazioni pensionistiche;

– i redditi da lavoro dipendente;

– il Reddito e la Pensione di cittadinanza;

– il Rem per i percettori di Naspi

In breve:

  • Il Decreto Sostegni bis ha stabilito che il Rem spetti alle famiglie che rispettano alcuni requisiti di reddito, patrimonio e residenza. Stessi requisiti del Decreto Sostegni, ma il reddito familiare prenderà come mese di riferimento aprile e non più febbraio 2021


Reddito di emergenza prolungato dopo settembre?

Il governo pensa a cosa succederà dopo l’emergenza Covid. Quando i licenziamenti saranno sbloccati. Un’ipotesi è garantire il reddito di cittadinanza a tutti i nuovi disoccupati.

Non è l’unica possibilità. Un’altra idea è quella di rendere il reddito di emergenza strutturale. Una misura di sostegno permanente.

Al momento, però, siamo nel campo delle possibilità. Niente di concreto, solo idee e supposizioni. Saranno decisive le prossime settimane.

La certezza è che il Rem si è rivelato fondamentale per migliaia di famiglie italiane. Era più facile accedere al sussidio, rispetto per esempio all’Rdc. Da luglio, intanto, è atteso l’assegno unico per figli a carico.

Facci sapere se hai ricevuto le disposizioni di pagamento del reddito di emergenza, scrivendoci alla mail bonuselavorothewam@gmail.com.

Non perderti le prossime notizie sui pagamenti e il Decreto Sostegni bis: entra subito nei gruppi social per ricevere tutti gli aggiornamenti.

Aggiungiti a 73mila persone e guarda le video-guide sui bonus sul canale YouTube di TheWam.net.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie