Reddito di emergenza: l’Inps annuncia il pagamento

Reddito di emergenza: l'Inps ha annunciato l'elaborazione delle domande e le date entro cui dovrebbe essere effettuato il pagamento della terza rata di Rem.

3' di lettura

Reddito di emergenza: l’Inps finalmente parla dei pagamenti non ancora versati relativi alla terza rata di ottobre. Vediamo i dettagli ed entro quanto dovrebbe arrivare l’atteso accredito.

(Leggi anche la nostra pagina speciale sui bonus). (Nel gruppo Telegram contenuti speciali su offerte di lavoro e bonus) (Nel gruppo whatsapp offerte di lavoro, incentivi e concorsi sempre aggiornati) (Qui la pagina riservata ai concorsi) (Qui il link al nostro canale youtube con le video-guide)

Reddito di emergenza

Il rem è un sussidio che varia dai 400 agli 800 euro, nato per dare una mano a famiglie e lavoratori in difficoltà durante l’emergenza Coronavirus. Inizialmente la misura di sostegno doveva durare due mesi, poi è stata aumentata per ulteriori 30 giorni e infine estesa ancora fino a dicembre.

Pagamento

L’Inps, finalmente, ha fornito una comunicazione ufficiale sugli accrediti della terza rata del Rem: “Le elaborazioni dei recuperi rem sono terminate. Delle 31.557 domande lavorate, 20.871 hanno avuto esito positivo. Gli esiti delle elaborazioni sono disponibili all’interno della procedura e le richieste di pagamento sono state inviate. Entro la metà di novembre: saranno erogate le seconde mensilità di Rem appena sbloccate e verranno elaborate le domande della proroga di Reddito di emergenza ad ottobre”.

Nuovo Rem: accredito senza domanda?

I due mesi di sussidio, inseriti nel Decreto Ristori, dovrebbero essere versati in automatico a chi lo ha già ricevuto gli scorsi mesi. Per gli altri, invece, c’è tempo per presentare la domanda fino al 30 novembre 2020. Per avere ulteriori dettagli, comunque, si dovrà attendere la comunicazione ufficiale dell’Inps.

L’importo del reddito di emergenza:

Per stabilire la soglia del reddito familiare, precisa l’Inps, bisogna moltiplicare il valore della scala di equivalenza per 400 euro.

Tale valore è pari a 1 per il primo componente del nucleo familiare ed è incrementato di:

  • 0,4 per ogni ulteriore componente di età maggiore di 18 anni;

  • 0,2, per ogni ulteriore componente minorenne, fino ad un massimo di 2, ovvero fino ad un massimo di 2,1 nel caso in cui nel nucleo familiare siano presenti componenti in condizioni di disabilità grave o non autosufficienza come definite per il calcolo ISEE

Reddito di emergenza. Domanda entro il 30 novembre per la quarta rata (Foto di William Potter per Shutterstock)
Reddito di emergenza. Domanda entro il 30 novembre per la quarta rata (Foto di William Potter per Shutterstock)

Domande reddito di emergenza

In questo periodo di emergenza sono tante le famiglie che, a causa delle perdite economiche causate anche dalle nuove restrizioni, hanno deciso di chiedere per la prima volta il Rem. Già, ma come fare? Fondamentale è conoscere i requisiti, ecco i principali:

  • residenza in Italia di chi chiede il beneficio;

  • un Isee fino a 15 mila euro

  • importo del reddito familiare, riferito a settembre 2020, inferiore all’ammontare mensile del beneficio spettante (da €400 a €800)

  • patrimonio mobiliare familiare nell’anno 2019 inferiore a 10 mila euro, soglia che aumenta di 5 mila euro per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di 20 mila euro. Altri 5 mila euro sono previsti per ogni persona disabile o non autosufficiente nel nucleo familiare.

Reddito di emergenza rinnovato nel Decreto Ristori
Reddito di emergenza rinnovato nel Decreto Ristori

Il reddito di emergenza, come per altro già chiarito negli scorsi mesi, è incompatibile con il reddito di cittadinanza e con le indennità indicate nell’articolo 15 del decreto legge. E, quindi, i bonus per i lavoratori stagionali del turismo, degli stabilimenti termali e dello spettacolo. (A questo link spieghiamo come controllare lo stato della domanda).

Potrebbero interessarti:



Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie