Reddito di emergenza, Rdc, Naspi: che farà il nuovo ministro

Reddito di emergenza con Naspi e nuovo rdc. Le idee del ministro Orlando per bonus e Decreto Ristori 5. Decisioni in vista anche sul blocco dei licenziamenti.

7' di lettura

Il nuovo Ministro del Lavoro Andrea Orlando deve pensare al futuro del reddito di emergenza, della proroga Naspi, del blocco dei licenziamenti senza dimenticare il lifting al reddito di cittadinanza.

In questo articolo ti parliamo dei temi più caldi e ti offriamo un calendario delle nuove scadenze per capire quando arriveranno i nuovi aiuti e i cambiamenti che aspettano i sussidi.

Nello specifico parleremo:

  • Futuro del Decreto Ristori 5

  • Futuro del reddito di emergenza e della Naspi. A chi spetteranno?

  • Cambiamenti del reddito di cittadinanza e rischi

  • Futuro del blocco dei licenziamenti

Indice:


Reddito di emergenza e terza proroga Naspi

Ieri il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, ha incontrato i sindacati. Fra i temi più importanti c’è il futuro degli ammortizzatori sociali e dei sussidi. A partire da quelli contenuti nel Decreto Ristori 5.

Di cosa parliamo?

La terza proroga Naspi è fondamentale per in sindacati. Vogliono assicurarsi che sia confermata (molto scontato) ed estesa al maggior numero di lavoratori (più difficile).

Le indiscrezioni, circolate fino a oggi, fanno riferimento a una Naspi valida solo per chi è andato in disoccupazione a dicembre 2020 o a gennaio 2021.

Insomma, tanti lavoratori rischiano di restare a mani vuote.

Senza alternative concrete.

L’altro tema è quello del reddito di emergenza. Preziosissimo per centinaia di migliaia di famiglie.

Introdotto dal Decreto Rilancio è stato prorogato più volte. Sarà così anche stavolta? Il predecessore di Orlando, il ministro Nunzia Catalfo, era ottimista. Due rate del reddito di emergenza sono attese nel decreto Ristori 5.

Quando arriva il Ristori 5 con reddito di emergenza, Naspi e altri aiuti.
Quando arriva il Ristori 5 con reddito di emergenza, Naspi e altri aiuti.

Forse ti chiedi: “Come le potrò ottenere?”

Probabilmente il il reddito di emergenza arriverà senza domanda a chi lo ha già ricevuto. Tutti gli altri dovranno fare richiesta online attraverso il sito dell’Inps.

Quando sarà pronto il Decreto Ristori 5?

Molto probabilmente si dovrà aspettare metà mese. Ora Orlando, a metà settimana, incontrerà i rappresentanti delle aziende.

Il Decreto deve poi essere inserito in Gazzetta e quindi ci saranno le circolari da realizzare. Documenti che spiegano come funzionerà ogni sussidio e aiuto.

Inoltre, se ci fossero cambiamenti da fare (emendamenti), il testo dovrebbe ripassare fra Camera e Senato.

Insomma, il pagamento di nuove rate del reddito di emergenza e della Naspi, molto probabilmente, sarà rimandate a marzo.

Il paragrafo in breve:

  • I sindacati vogliono la terza proroga Naspi per tutti i settori

  • L’ipotesi è garantire la Naspi a chi era in disoccupazione a dicembre 2020 e gennaio 2021. I sindacati si oppongono: Naspi per tutti

  • Reddito di emergenza automatico per chi lo ha già avuto e con domanda per tutti gli altri

  • Il Decreto Ristori 5 è atteso per fine marzo. Reddito di emergenza e Naspi non prima di metà marzo

Reddito di cittadinanza 2021

Non solo reddito di emergenza. Il reddito di cittadinanza è un altro tema caldo sul tavolo del Ministro del Lavoro.

Cosa succederà al sussidio introdotto nel 2019?

Non è prevista una abolizione. Questa è un’ottima notizia. L’Rdc è stato rifinanziato fino al 2029.

Dovrà, però, cambiare. Gli appuntamenti importanti sono due: fino marzo e fine aprile.

La prima data coincide col termine entro cui far partire il progetto Gol, un piano per l’occupazione.

La Garanzia di occupabilità, finanziata con 223 milioni di euro nel 2021, è composta da una serie di iniziative per favorire l’inserimento e il re-inserimento lavorativo.

I controlli, legati all’Rdc, saranno molto più stringenti. E avrà sempre più importanza la volontà di trovare un lavoro.

Non rispondere alle chiamate dei centri dell’impiego, potrà far perdere il sussidio.

Inoltre è prevista una stretta sui così detti “furbetti”. Chi prende l’Rdc senza averne diritto.

Nel video di seguito ti ho spiegato, velocemente, gli obblighi da rispettare per non perdere il sussidio. Se li violi, rischi anche la denuncia penale.

Forse lo avrai sentito dire. In questo periodo, si parla di “sdoppiare” il reddito di cittadinanza.

E’ una proposta arrivata, qualche mese fa, anche dall’Inps.

In sostanza l’Rdc sarebbe diviso in due sussidi: uno per chi ha un Isee molto basso o reddito zero e l’altro per tutti gli altri.

Nel primo caso sarebbe un aiuto contro la povertà, slegato da tutti gli obblighi legati alla ricerca del lavoro.

Nel secondo caso, invece, spetterebbero meno soldi e ci sarebbero divieti più stringenti legati all’occupazione.

L’altro mese chiave, per il futuro dell’Rdc, sarà aprile. Quando si saprà se verranno rinnovati i contratti ai Navigator.

Figure che dovevano aiutare, chi riceve il reddito di cittadinanza, a trovare un lavoro.

Purtroppo i dati, in questo senso, sono impietosi. A fine luglio 2020 su 1,23 milioni di persone tenute al patto di servizio, solo 710mila sono state convocate dai Centri per l’impiego e in 318mila hanno firmato.

E’ chiaro, comunque, che non dipende solo dai Navigator. Molti settori lavorativi sono sempre più specializzati, la formazione dei Navigator in molti casi non è stata adeguata, la crisi economica è stata acuita dal Covid.

Orlando avrà perciò due strade: potenziare la struttura esistente con centri dell’impiego, utilizzo dei navigator e piattaforma Anpal. Oppure riorganizzare un nuovo sistema che riesca a rispondere all’esigenza di trovare un’occupazione.

Ma quali sono le 7 novità più importanti per l’Rdc nel 2021? Ne ho parlato nel video di seguito.

Se sei arrivato fin qui, probabilmente, hai trovato l’articolo utile. Se davvero è così e vuoi leggere altri contenuti di valore, ti chiedo un minuto per aiutare il nostro progetto a crescere.

Per farlo entra nei gruppi esclusivi di Telegram e Whatsapp per ricevere tutte le ultime notizie sui bonus, i concorsi e le offerte di lavoro. Sarai sempre aggiornato e senza costi: è tutto gratis.

Iscriviti anche al nostro canale youtube. Oltre 32mila persone lo hanno già fatto e ricevono ogni giorno, sul cellulare, le nostre video-guide sui bonus. Il servizio è gratuito.

Ecco la nostra nuova pagina aggiornata su tutti i bonus e le misure fiscali. Probabilmente hai voglia di saperne di più sugli incentivi e quella pagina potrebbe fare al caso tuo.

Il paragrafo in breve:

  • Reddito di cittadinanza 2021 con obblighi più stringenti per il lavoro

  • Il nuovo ministro dovrà decidere il futuro dei Navigator e del piano Gol per l’occupazione

  • Il reddito di cittadinanza può sdoppiarsi: contro la povertà per chi ha reddito zero o Isee molto basso e legato alle politiche del lavoro pe tutti gli altri

Blocco licenziamenti: fino a quando?

L’ultimo capitolo è legato al blocco dei licenziamenti oggi valido fino a marzo. I sindacati spingono per estenderlo fino alla fine dello stato di emergenza.

Vogliono che sia confermato per tutti i lavoratori, senza distinzioni. Un sistema, in Europa, adottato solo da Italia e Spagna.

In tutti gli altri Stati, infatti, come ricorda l’edizione di oggi de Il Sole 24 Ore, le tutele non prevedevano un blocco dei licenziamenti complessivo.

Orlando dovrà decidere se diversificarlo per settori oppure se andare avanti con il “vecchio” modello che ha ormai compiuto tredici mesi.

Uno step importante è previsto domani, 16 febbraio 2021, quando il Ministro incontrerà i rappresentanti delle aziende.

Il paragrafo in breve:

  • Blocco dei licenziamenti fino a fine marzo

  • I sindacati spingono per estenderlo

  • Le aziende vogliono che sia diversificato a seconda dei settori

Ps. restiamo in contatto:

Se vuoi farci delle domande sul futuro del reddito di emergenza, del reddito di cittadinanza, della Naspi o sul progetto, entra nella comunità facebook di TheWam. Scegli a seconda dei tuoi interessi: tutti i bonusofferte di lavoropensioni.

Se preferisci una mail, invece, puoi scrivere a bonuselavorothewam@gmail.com

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie