Verso le Regionali, De Magistris dice no a De Luca: niente appoggio al voto

Il sindaco di Napoli ha sfogliato la margherita e resistito all'appello di molti suoi uomini: non sosterrà il rivale di sempre



2' di lettura

De Magistris ha detto no, e sembra l’ultima parola: non appoggerà Vincenzo De Luca alle prossime elezioni regionali. I tentativi delle ultime settimane sono naufragati, così come la spinta sostenuta dai “coraggiosi” e da “Articolo 1” e dal senatore Sandro Ruotolo, che hanno provato in ogni modo a convincere il sindaco di Napoli a riporre l’antica ascia di guerra nei confronti del governatore e affiancarlo nella corsa alla ricandidatura.

De Magistris si è contrapposto a De Luca per anni e su tutto. Anche sulla gestione del Covid, dove si sono affrontati a colpi di ordinanze e di sentenze del tar.

Le sirene a sinistra di De Luca

Non è ancora chiaro se sia stato il sindaco a chiudere la porta o se sia stato il Pd nazionale a dire no a De Magistris. Nel frattempo ci sono le sirene che a sinistra del governatore spingono per la composizione di un raggruppamento che si sta formando in queste settimane e potrebbe avere un primo concreto riscontro in questi giorni. E proprio da sinistra potrebbero arrivare grattacapi al governatore uscente. O meglio: potrebbe perdere voti determinanti per la sua possibile rielezione.

Il centrodestra è vicino nei sondaggi

I sondaggi degli ultimi giorni vedono De Luca in testa rispetto alla coalizione del centrodestra del 5 per cento. Non è un margine di sicurezza, anzi. Se si considera che Lega, Fdi e Forza Italia non hanno ancora trovato un candidato comune. Non hanno quindi neppure accennato l’inizio di una campagna elettorale e rispetto al governatore non hanno l’abbrivio di una gestione molto popolare dell’emergenza Covid.

Il voto a settembre

Il voto dovrebbe slittare in autunno. In una finestra tra settembre e dicembre. Non sembra sia più praticabile l’ipotesi del voto estivo, fortemente sostenuta proprio da De Luca, che – al di là delle questioni “pratiche da lui sollevate (come l’inizio della scuola e la possibile ripresa del contagio) – ha tentato di capitalizzare, con il “voto immediato”, il riscontro ottenuto in questi mesi.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!