Riaperture, dal 19 aprile è zona gialla: ok ristoranti e bar

Sempre più probabili le riaperture dal prossimo 19 aprile, quando gran parte dell'Italia dovrebbe essere in zona gialla e riapriranno molte attività. Sarà decisivo il report di venerdì prossimo sulla diffusione del virus in Italia e l'accelerata per il vaccino agli ultra 75enni e alle persone fragili. Il governo ci crede.

4' di lettura

Le riaperture saranno possibili, ma dalle prossime settimane, forse già dal 19 aprile, quando molte Regioni passeranno in zona gialla. Lo ha ribadito il presidente del Consiglio, Mario Draghi: «Tutti vogliamo le riaperture nelle prossime settimane – ha dichiarato -. E ci saranno, perché capisco appieno il senso di disperazione e alienazione legata a una situazione di limitata mobilità».

Il premier non ha dato una data. Ma un obiettivo: «Bisogna vaccinare le fasce di età più a rischio, quelle sopra i 75 anni e i fragili». Una immunizzazione che potrebbe essere conclusa entro il 19 aprile.

Qui trovi tutte le notizia su Covid, vaccinazioni e ordinanze

Con la zona gialla riaprirebbero bar, ristoranti, cinema e teatri. Sarà dunque decisivo il report sulla curva epidemiologica che verrà analizzato venerdì prossimo dalla cabina di regia dell’Istituto superiore della Sanità e del ministero della Salute.

Nel governo c’è chi predica prudenza

Una linea condivisa da gran parte del governo. Ma non da tutti. Il ministro della salute, Roberto Speranza, e i componenti del Comitato Tecnico Scientifico invitano a una maggiore prudenza, vorrebbero rinviare di venti giorni la «verifica per le riaperture». Lanciando però anche un segnale di ottimismo: «Nelle prossime settimane ci sono le condizioni affinché, in un incrocio fra effetti delle misure messe in campo e accelerazione della campagna di vaccinazione, si possa creare un percorso graduale».

Italia quasi tutta arancione (e vicina al giallo)

L’arancione è già colore predominante in Italia: Lazio, Umbria, Veneto, Abruzzo, Basilicata, Liguria, Marche, Molise, Sicilia, e le province autonome di Trento e Bolzano, hanno già dati prossimi alla zona gialla (l’indice Rt è sotto l’1 e l’incidenza del virus è sotto lasoglia dei 250 casi ogni 100.000 abitanti.

Passeranno da lunedì in arancione anche Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte, Toscana e Calabria. Con la riapertura di molti negozi, a partire da parrucchieri e centri estetici.

Indice Rt in calo

Un quadro che è anche un segnale preciso: la situazione epidemiologica su base nazionale sta migliorando. La media dell’Rt nel nostro Paese è scesa a 0.92, l’incidenza a 185. Con questi numeri, pur con tutte le cautele possibili, non è semplice mantenere la linea del rigore.

Si afferma dunque la linea Draghi. Quella improntata sul massimo pragmatismo. Ovvero: se i dati lo permettono, e tra i dati ci sono le vaccinazioni ad anziani e fragili che abbasseranno anche l’indice di letalità del coronavirus, tra il 19 e il 26 aprile le restrizioni in Italia andranno ad allentarsi.

Riaprono bar, ristoranti, cinema e teatro

Tra le ipotesi possibili c’è la zona gialla rinforzata fino a maggio. Il che si significa bar e ristoranti aperti solo a pranzo e orario di apertura ridotto nel pomeriggio per evitare assembramenti davanti ai locali, in particolare all’ora dell’aperitivo.

La ripartenza di cinema e teatro sono a questo punto possibili e con il protocollo che era stato approvato per il 27 marzo, ma che non è stato possibile applicare per l’impennata di contagi che si è verificata proprio in quei giorni.

Piscine, palestre e coprifuoco: se ne parla a maggio

Per altri settori, un po’ più delicati, come palestre e piscine, l’attesa dovrebbe prolungarsi fino a maggio. Quello, secondo il governo e una parte degli esperti, potrebbe essere il mese del ritorno alla vita, non proprio alla “normalità”, ma qualcosa che ci consentirà di uscire dall’intrico di restrizioni e divieti. Potrebbero essere aboliti i limiti agli spostamenti delle regioni e il coprifuoco.

È chiaro che questo accadrà nelle Regioni dove il tasso di contagio e i ricoveri ospedalieri saranno scesi oltre le soglie di rischio (zona gialla), e soprattutto se non ci saranno altre sorprese da parte di nuove varianti del coronavirus.

Incrociamo le dita: la fine della pandemia sembra molto più vicina.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie