Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Assegno Unico » Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie / Ricalcolo Assegno Unico maggio 2023: cosa sono i conguagli

Ricalcolo Assegno Unico maggio 2023: cosa sono i conguagli

Scopri che cos’è e come funziona il ricalcolo dell’Assegno Unico a maggio 2023 e chi sono le famiglie interessate.

di Chiara Del Monaco

Maggio 2023

La scorsa settimana l’INPS ha pubblicato un messaggio in cui annuncia il ricalcolo dell’Assegno Unico a maggio 2023. In questo approfondimento vediamo cosa si intende per ricalcolo, come funziona e chi riguarda (scopri le ultime notizie e poi Leggi su Telegram tutte le news sull’Assegno Unico. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Solo pochi giorni fa l’INPS ha annunciato l’avvio del ricalcolo dell’Assegno Unico a maggio 2023 nei confronti delle famiglie che hanno percepito un importo maggiore o minore del contributo economico a partire dalla nuova annualità, ossia da marzo 2022.

Per ristabilire gli importi, l’INPS ha iniziato a procedere con i conguagli, già da aprile 2023 e continuerà anche nei prossimi mesi. Proprio i conguagli, a detta dell’Istituto, sono la causa dei ritardi dell’Assegno Unico di maggio a giugno 2023.

Nei prossimi paragrafi chiariamo cosa sono i conguagli, come funziona il ricalcolo e quando è previsto per i destinatari.

Acquista la nostra Guida Completa sull’Assegno Unico 2024. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Indice

Ricalcolo dell’Assegno Unico a maggio 2023: cosa sono i conguagli

In questi giorni molti cittadini hanno espresso dei dubbi sul messaggio 1947 dell’INPS del 26 maggio 2023, in cui l’Istituto ha spiegato il motivo dei ritardi dell’Assegno unico a maggio.

In particolare, nel messaggio l’INPS motiva le disposizioni di maggio slittate a giugno con l’elaborazione di conguagli riferiti ai mesi scorsi. Ma che cosa sono i conguagli?

Quando si parla di conguagli, si intende la differenza tra l’importo spettante di una determinata prestazione economica e quello effettivamente ricevuto dai destinatari. Per esempio, nel caso dell’Assegno Unico, i conguagli riguardano gli accrediti ricevuti a partire da marzo 2022, che per qualche ragione sono arrivati ai cittadini in una misura inferiore o superiore rispetto a quella spettante.

Generalmente, i conguagli delle varie prestazioni vengono effettuati a fine anno, ma per l’Assegno Unico Universale l’annualità va da marzo a febbraio dell’anno successivo. Di conseguenza, nel messaggio ha annunciato che l’INPS ha iniziato a elaborare il ricalcolo dell’Assegno in base alle variazioni della DSU o dell’ISEE a partire dalla mensilità di marzo 2022.

Alcuni importi ricalcolati sono stati erogati ad aprile, ma la maggior parte è prevista tra maggio e giugno 2023. Nel prossimo paragrafo vediamo nel dettaglio come funziona il ricalcolo dell’Assegno Unico a maggio 2023.

Scopri la pagina dedicata all’Assegno unico per conoscere altri diritti e agevolazioni.

Nel frattempo, ecco le ultime novità sui pagamenti sbloccati del Reddito di cittadinanza.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news sull’Assegno Unico e i bonus per famiglia ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Ricalcolo dell’Assegno Unico a maggio 2023: come funziona il ricalcolo

Il mistero dei pagamenti in ritardo dell’Assegno Unico di maggio è stato svelato: l’INPS ha spiegato tramite un apposito messaggio che il motivo si deve al rallentamento nel ricalcolo degli importi. Proprio a maggio, infatti, l’Istituto si è occupato dei conguagli, ossia somme arretrate non arrivate ai destinatari oppure importi ricevuto indebitamente da marzo 2022.

In linea di massima, il ricalcolo è dovuto alle variazioni indicate nella DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) oppure alla variazione dell’ISEE nel corso dell’anno (per esempio legata a una nuova nascita).

In seguito al ricalcolo dell’Assegno Unico a maggio 2023, l’Istituto ha quindi stabilito le compensazioni dovute ai nuclei beneficiari, determinando sia gli importi da erogare a chi non li ha ricevuti (conguagli a credito) sia le somme che sono state pagate indebitamente e che quindi devono essere recuperate (conguagli a debito).

Nello specifico, l’operazione di ricalcolo dell’Assegno Unico ha interessato circa 512.000 famiglie ed è frutto delle ultime novità della normativa sia sulle maggiorazioni sia sulla rivalutazione degli importi.

Nel frattempo, scopri chi deve presentare la domanda dell’Assegno Unico nel 2023 e di quanto aumentano gli importi con le maggiorazioni. Leggi anche quanto costa non rinnovare l’ISEE per l’Assegno Unico 2023 e l’elenco delle novità dell’Assegno Unico 2023 in breve.

Complessivamente, i conguagli a credito erogati a maggio 2023 corrispondono a un totale di 140 milioni di euro, con un conguaglio medio per nucleo familiare di 272 euro.

Invece, i conguagli a debito riguardano 378.000 nuclei familiari e corrispondono a un totale di 15 milioni di euro. In questo caso, l’INPS procede automaticamente al recupero delle somme: alle famiglie che hanno ricevuto più soldi del dovuto, la somma in eccesso viene tolta dalla mensilità di maggio.

Ma niente paura: l’INPS non recupera il debito tutto in una volta, ma lo rateizza per le successive mensilità, fino a quando non viene saldato. Infatti, per ogni mensilità ricevuta può essere sottratto al massimo 1/5 della somma dell’Assegno.

Ecco la mail dell’INPS che spiega i ritardi dell’Assegno Unico.

Ricalcolo dell’Assegno Unico a maggio 2023: in foto, una donna che fa dei calcoli con la calcolatrice.

Ricalcolo dell’Assegno Unico a maggio 2023: motivi del ricalcolo e alcuni esempi

Nei paragrafi precedenti abbiamo spiegato cosa sono i conguagli e come funziona il ricalcolo dell’Assegno Unico a maggio 2023.

A questo punto, ti interesserà sapere quali famiglie sono maggiormente interessate dal ricalcolo e quindi devono attendere un aumento o un recupero delle prossime mensilità.

Dunque, il motivo principale del ricalcolo è dovuto alle variazioni della DSU, quindi a cambiamenti del nucleo familiare come una nuova nascita o la presenza di un figlio con disabilità. Tuttavia, gli importi vengono ricalcolati anche per altri motivi, e cioè:

Inoltre, chiariamo anche che i cittadini interessati dal ricalcolo dell’Assegno Unico a maggio 2023 saranno informati dall’INPS tramite un SMS e tramite l’indirizzo email. Poi, dai primi di giugno sarà possibile visualizzare gli importi rimborsati e le somme che invece dovranno essere restituite all’INPS in una specifica sezione della procedura AUU sul sito dell’INPS.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno unico:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp