Riforma delle pensioni, che beffa per i nati negli anni ’60

Riforma delle pensioni, che beffa per i nati negli anni '60: con Quota 102 e Quota 104 non si evita lo scalone per chi è nato nel 1960/1961. Una penalizzazione davvero eccessiva. Si ipotizza una Quota 103. Ma con i requisiti previsti la pensione anticipata non riguarda più di 50mila persone in due anni. Prende di nuovo corpo la proposta dell'Inps (uscita a 63/64 con penalizzazione fino a 67), ma non piace alla Lega e ai sindacati.

4' di lettura

La riforma delle pensioni proposta dal ministro dell’Economia, Daniele Franco, penalizza in modo consistente i cittadini nati tra il 1960 e 1961. Parliamo di Quota 102 (2022) e Quota 104 (2023). Una proposta spiazzante, perché molto severa e al momento non prevede aperture né per opzione donna (che non dovrebbe essere approvata) e neppure, anche questa è una sorpresa, per l’ampliamento della lista dei lavori gravosi che possono accedere all’Ape Sociale.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Il governo ha deciso di stanziare sulla riforma delle pensioni (che di fatto non c’è stata), solo 600 milioni per il prossimo anno e anche meno per quello successivo. Briciole. Almeno rispetto a quanto si era lasciato immaginare.

Riforma delle pensioni: la beffa per chi ha oggi 61 anni

I provvedimenti proposti dal ministro azzerano per tanti cittadini la possibilità di accedere alla pensione anticipata nei prossimi anni. Nel 2022 la finestra d’uscita con la pensione anticipata sarà aperta solo per poche decine di migliaia di lavoratori.

Chi esce peggio da questa proposta sono i lavoratori che hanno 61, 62 anni e 37 anni di contributi.

Con Quota 100 avrebbero potuto andare in pensione già dal prossimo anno (nel caso fosse stata prorogata la misura, che ricordiamo scade il 31 gennaio).

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Riforma delle pensioni: Quota 102 e Quota 104

Cosa accade invece con Quota 102 (64+38) e Quota 104 (66+38)? Invece di uscire nel 2022 o nel 2023, dovranno aspettare il 2026 per lasciare il lavoro. Ovvero per raggiungere la normale pensione di vecchiaia o di anzianità.

Il salto è dovuto soprattutto a Quota 104, un limite che rischia di bloccare molti lavoratori per altri 5 anni.

Riforma delle pensioni: lo Stato risparmia

Le casse dello Stato risparmiano circa due miliardi, risorse che saranno spese per estendere l’elenco dei lavori gravosi inclusi nell’Ape Sociale e l’uscita con il contratto di espansione. Che sono gli altri due sistemi per la pensione anticipata.

Al momento, comunque, con la soppressione di Quota 100 e l’introduzione delle due chance di uscita (Quota 102 e Quota 104), non si evita il tanto temuto scalone di 5 anni.

Due conti.

Riforma delle pensioni: le differenze per età

Con Quota 102 (nel 2022), potranno tagliare il traguardo della pensione le persone che sono nate nel 1958. Nel 2023 sarà la volta di chi è nato nel 1959 (e ha 38 di contributi).

Non potrà invece andarsene chi è nato nel 1960, anche se ha 41 anni di contributi.

Ma anche tra i nati nel 1959, potranno accedere alla pensione solo quelli che hanno almeno 38 anni di contributi. E quindi hanno iniziato a lavorare, senza interruzioni, a 25 anni.

Quanti sono? Pochi, non più di 50mila persone in due anni.

Riforma delle pensioni: l’alternativa Quota 103

Esiste una alternativa? Se ne sta discutendo, una sorta di Quota 103 che consente l’uscita a chi ha 64 anni e 39 di contributi.

Non sarebbe neppure una novità, è già prevista un’uscita con questi requisiti per i lavoratori che hanno iniziano a lavorare dopo il 31 dicembre del 1995 e avranno diritto a una pensione contributiva (e non retributiva).

Andare in pensione solo con il contributivo significa anche perdere qualcosa nell’assegno mensile.

Non è ancora possibile stabilire quanto questa soluzione alternativa costi per le casse dello Stato.

Riforma delle pensioni: la proposta Inps

Rispetto a tutte le proposte in campo, alle risorse a disposizione, prende corpo quella che è stata proposta dal presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, che però non piace né alla Lega (sostenitori di Quota 100) e neppure ai sindacati (che propongono 41 anni di contribuiti e pensione a qualsiasi età).

Il dirigente dell’ente di previdenza ha avanzato l’ipotesi di una uscita anticipata a 63/64 anni, con una penalizzazione fino ai 67 anni.

Funziona così: i lavoratori del sistema misto (contributivo/retributivo), andranno in pensione con un importo che è uguale alla quota contributiva maturata in quel momento. La prestazione verrà poi adeguata quando si compiranno 67 anni, cioè l’età che consente di raggiungere la pensione di vecchiaia (con la Legge Fornero).

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie