Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Fisco e tasse / Riforma fiscale 2023: tutte le novità in breve (+ esempi)

Riforma fiscale 2023: tutte le novità in breve (+ esempi)

Riforma fiscale 2023 in breve: approvato il disegno di legge. IRPEF, IVA, IRAP, accise: ecco cosa cambierà in futuro.

di Carmine Roca

Marzo 2023

Riforma fiscale 2023 in breve: ecco tutte le novità dopo l’approvazione del Consiglio dei Ministri (scopri le ultime notizie sul fisco e sulle tasse e poi leggi su Telegram tutte le news sui pagamenti dell’Inps. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp e nel gruppo Facebook. Seguici anche su su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Riforma fiscale 2023 in breve: via libera dal Consiglio dei Ministri

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il disegno di legge delega presentato dal governo Meloni per la riforma fiscale.

Via libera anche al disegno di legge per l’attuazione dell’Autonomia differenziata e al “decreto Ponte”, l’insieme di disposizioni urgenti per la realizzazione del collegamento stabile tra la Sicilia e la Calabria, il cosiddetto ponte sullo Stretto.

Il disegno di legge passa ora sotto la lente di ingrandimento del Parlamento per la votazione decisiva. Entro un paio di anni sarà riscritto l’intero sistema fiscale del nostro Paese.

Si va dalla riduzione degli scaglioni IRPEF all’estensione della flat tax incrementale; dal taglio delle tax expenditures alla semplificazione delle detrazioni fiscali, nell’insieme di una lotta (si spera…) all’evasione fiscale.

Scopri la pagina dedicata al fisco e alle tasse.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Riforma fiscale 2023 in breve: taglio aliquote IRPEF

Il primo intervento, quello più importante, riguarda la riduzione delle aliquote IRPEF. Si passa dalle attuali 4 fasce (23%, 25%, 35% e 43%) alle 3 fasce previste già a partire dal 2024, come confermato dal vice-ministro dell’Economia, Maurizio Leo.

L’esecutivo punta a semplificare l’intero sistema IRPEF (redditi finanziari, fabbricati, agrari, da lavoro dipendente, autonomo, d’impresa…), a garantire una minore pressione fiscale e ad aiutare i redditi medio-bassi.

Due le ipotesi attualmente al vaglio, come vi abbiamo spiegato in questo approfondimento:

La prima ipotesi prevede:

La seconda ipotesi prevede:

Riforma fiscale 2023 in breve: taglio Bonus e detrazioni

La riforma dell’IRPEF sarà possibile anche grazie al taglio delle tax expenditures: oltre 600 agevolazioni fiscali attive, per un costo di oltre 160 miliardi di euro.

Nel mirino diversi Bonus, che vi abbiamo elencato in questo approfondimento:

La riforma fiscale 2023 mira ad alleggerire il sistema di deduzioni, detrazioni e sgravi fiscali, che solo in parte sono calcolate sul reddito del beneficiario.

Si parla dell’introduzione di una “detrazione a forfait”, che varia a seconda dello scaglione di reddito di riferimento e dovrebbero essere uguali per tutte le tipologie di spese (sanità, istruzione, previdenza complementare, lavori per efficientamento energetico e mutui per la prima casa):

Riforma fiscale 2023 in breve: flat tax, IRAP, IRES e IVA

Un’altra novità riguarda l’estensione della flat tax incrementale anche ai lavoratori dipendenti.

Ci riferiamo alla tassa piatta introdotta dall’ultima legge di bilancio per i redditi dichiarati in più dai lavoratori autonomi, oltre il limite di 40mila euro annui, rispetto al triennio precedente

Passando all’IRES, l’imposta sul reddito delle imprese verrà divisa in due aliquote (15% in aggiunta all’aliquota del 24%).

L’aliquota ridotta al 15% vale per la quota di reddito destinata a investimenti qualificati e/o di nuova occupazione, per i due anni successivi.

Con questo cambio di rotta, il governo Meloni si allinea all’imposta globale minima per le multinazionali, pari al 15% (la cosiddetta Global minimum tax), in vigore dal 1° gennaio 2024 e punta ad attirare investitori esteri sul mercato italiano.

L’IRAP, invece, verrà abolita in maniera graduale. L’imposta regionale sulle attività produttive verrà sostituita da una sovrimposta con base imponibile corrispondente all’IRES.

Prevista anche la revisione dell’IVA, con un aggiornamento delle aliquote su beni e servizi, soprattutto di prima necessità. Ad oggi l’Iva più gravosa è sui beni di prima necessità: il 4% sul pane, il 10% sulla carne e sul pesce, addirittura il 22% su una bottiglia d’acqua. Il vice-ministro Leo ha spiegato che ci vorrebbe più uniformità e più buon senso.

Si pensa all’attivazione di una procedura più semplice per i rimborsi che lo Stato deve erogare alle imprese e ai cittadini.

Riforma fiscale 2023 in breve
Riforma fiscale 2023 in breve: in foto un uomo guarda con un binocolo.

Riforma fiscale 2023 in breve: accise, tributo unico e federalismo fiscale

Un altro punto cardine della riforma fiscale 2023 è la rimodulazione delle accise sui beni energetici (gas naturale, energia elettrica, energie rinnovabili). Ci si baserà sul valore dei quantitativi dei prodotti ceduti e fatturati e non sullo storico.

Il governo Meloni ha anche annunciato la futura introduzione di un tributo unico, in misura fissa, in sostituzione dell’imposta di bollo, delle imposte ipotecarie e catastali, dei tributi speciali catastali e delle tasse ipotecarie.

In arrivo l’attuazione del federalismo fiscale, che prevede, tra le altre cose, la possibilità per le Regioni di varare leggi per l’accertamento esecutivo e le sanatorie.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul fisco e sulle tasse:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp