Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Fisco e tasse / Rimborso 730 non arrivato, perché e cosa fare

Rimborso 730 non arrivato, perché e cosa fare

Scopri perché il rimborso del 730 non è ancora arrivato e cosa fare per risolvere il problema. Analizziamo le cause principali dei ritardi, inclusi errori nella dichiarazione e verifiche dell'Agenzia delle Entrate, e forniamo soluzioni pratiche per monitorare lo stato del rimborso e aggiornare i dati bancari.

di The Wam

Luglio 2024

Quando arriverà il rimborso del 730 dall’Agenzia delle Entrate? Non sempre il rimborso arriva nei tempi previsti, generando dubbi e preoccupazioni. Quali sono le possibili ragioni del ritardo? Vediamolo insieme, analizzando le principali cause e le possibili soluzioni (scopri le ultime notizie su bonus, Adi e assegno unico, su Invalidità e Legge 104, sui mutui, sul fisco, sulle offerte di lavoro e i concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Perché non mi è ancora arrivato il rimborso del 730?

Esistono diverse ragioni per cui il rimborso del 730 potrebbe non essere ancora arrivato. Di seguito, elenchiamo le principali cause e come affrontarle.

Ritardi nell’elaborazione della dichiarazione

Una delle cause più comuni è un ritardo nell’elaborazione della dichiarazione da parte dell’Agenzia delle Entrate. Questo può accadere per una serie di motivi, inclusi i picchi di lavoro stagionali e la necessità di ulteriori verifiche sulla dichiarazione presentata​​.

Errori o incongruenze nella dichiarazione

Un altro possibile motivo è la presenza di errori o incongruenze nella dichiarazione stessa, che richiedono ulteriori controlli e chiarimenti. Inoltre, ritardi possono essere dovuti a problemi con i dati bancari forniti per il rimborso.

In questi casi, l’Agenzia delle Entrate potrebbe dover richiedere ulteriori informazioni per completare il processo​​​​.

Importo del rimborso

L’importo del rimborso può influire sui tempi di erogazione. Per i rimborsi IRPEF di importo superiore a 4.000 euro, l’Agenzia delle Entrate ha infatti la possibilità di effettuare controlli preventivi, con conseguenti ritardi nei tempi per l’accredito​​.

Modifiche al modello 730 precompilato

Le modifiche al modello 730 precompilato possono causare ritardi nell’erogazione del rimborso. In tali casi, l’Agenzia delle Entrate ha la possibilità di avviare controlli preventivi in via automatizzata o attraverso la verifica dei documenti di spesa entro quattro mesi dalla scadenza della dichiarazione dei redditi​​.

Rimborso 730, date di pagamento previste

I rimborsi del 730 iniziano a essere erogati tra giugno e luglio per chi ha presentato la dichiarazione entro il termine ordinario di maggio.

Tuttavia, per coloro che presentano la dichiarazione con un po’ di ritardo o tramite un intermediario, i tempi potrebbero allungarsi fino a settembre o ottobre​​.

Date specifiche per il 2024

Per sapere quando arriveranno i soldi del 730 è possibile monitorare lo stato del rimborso attraverso il sito dell’Agenzia delle Entrate.

Rimborso 730 senza sostituto d’imposta

Quando non si ha un sostituto d’imposta, il rimborso del 730 avviene direttamente tramite l’Agenzia delle Entrate.

Questo significa che il contribuente deve assicurarsi di fornire correttamente i propri dati bancari per l’accredito del rimborso. Se i dati bancari non sono corretti o non sono stati forniti, il rimborso non potrà essere effettuato fino a quando il problema non sarà risolto​​​​.

Rimborso 730 non arrivato, perché e cosa fare
Rimborso 730 non arrivato, perché e cosa fare – In foto una donna che allarga le mani.

Cosa fare se il rimborso 730 non arriva

Ecco alcune azioni che è possibile intraprendere se il rimborso del 730 non è ancora arrivato:

Verificare lo stato della dichiarazione

Controllare online lo stato della dichiarazione tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate è il primo passo per capire se ci sono stati problemi nell’elaborazione o se sono necessari ulteriori documenti.

Contattare l’Agenzia delle Entrate

Per eventuali chiarimenti o problemi, è possibile contattare direttamente l’Agenzia delle Entrate tramite il servizio di assistenza telefonica o recandosi presso gli sportelli territoriali.

Verificare e aggiornare i dati bancari

Assicurarsi che i dati bancari forniti siano corretti e aggiornati è fondamentale per evitare ritardi nell’accredito del rimborso. In caso di problemi, è possibile aggiornare i propri dati bancari accedendo all’area riservata del sito dell’Agenzia delle Entrate.

Presentare un’istanza di sollecito

Se il rimborso è in ritardo senza un motivo apparente, è possibile presentare un’istanza di sollecito all’Agenzia delle Entrate per richiedere una verifica della situazione e accelerare l’erogazione del rimborso.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp