Riparte l’Italia, Draghi accelera: la mappa della ripresa

Riparte l'Italia, Draghi accelera: stabilita la road map della ripresa, dal 15 maggio al primo luglio il Paese eliminerà molte delle restrizioni anticovid. Decisiva la prossima settimana, quando verrà valutata la posticipazione o l'eliminazione del coprifuoco. Il calendario con tutte le riaperture.

4' di lettura

Riparte l’Italia. Mario Draghi vuole accelerare, è troppo importante in questa fase la ripresa economica del Paese. La riapertura ai turisti stranieri è un primo passo e la prossima settimana sarà decisiva per valutare la riduzione delle restrizioni.

Il calendario è deciso, una road map che accompagnerà il Paese, entro l’estate, alla fine, o quasi, del lungo stop per pandemia.

Vediamole queste tappe. Dai prossimi giorni al primo luglio.

Riparte l’Italia, 15 maggio

Come detto la prossima sarà una settimana importante. Il 15 maggio è stata già decisa la fine della quarantena per i turisti stranieri che arrivano in Italia da un Paese europeo. Significa il via libera al turismo, un settore chiave della nostra economia.

Molto probabile che l’addio alla quarantena sia esteso anche ai cittadini che arrivano dagli Stati Uniti.

La fine della quarantena per viaggiatori che arrivano dall’estero coincide con il “certificato verde” italiano, consegnato a chi ha la doppia vaccinazione, ha già avuto il covid o ha un tampone negativo fatto 48 ore prima di mettersi in viaggio.

Vacanze estate 2021 all’estero: dove si potrà andare?

Questo documento non sarà ancora valido per andare in altri Paesi dell’Ue (per ora bisogna rispettare i criteri dei singoli Stati), ma dal 15 giugno entrerà in vigore la green card europea (si sta ora cercando di armonizzare le misure di tutte le nazioni dell’Unione).

Sempre il 15 maggio sarà anche possibile tornare in piscina, sia pubbliche, sia private. Ma solo all’aperto.

Riparte l’Italia, 17 maggio

Quello dovrebbe essere il giorno della decisione sul coprifuoco. Sulla questione si sta innescando la più inutile delle battaglie politiche. Alcuni partiti spingono per accelerare, ovvero posticipare o eliminare il coprifuoco entro il 10 maggio.

Il premier Draghi vuole invece attendere il report sulla diffusione del virus del 15 maggio prima di decidere. E nel caso introdurre la nuova misura dal 17 maggio.

Insomma, una differenza di pochi giorni, per essere certi che la scelta sia definitiva e sulla base di dati concreti, non solo dei “desideri”.

È proprio per questo che il can can mediatico ci sembra fuori luogo. Da mesi siamo sotto coprifuoco, sette giorni in più o in meno non ci cambiano la vita.

Ci sono tante altre questioni rilevanti per il Paese. Molto più importanti di qualche giorno di coprifuoco in più o in meno.

Le ipotesi al momento sono due:

  • il coprifuoco slitta alle 23 (come hanno suggerito diverse Regioni);
  • il coprifuoco viene eliminato del tutto tra il 15 maggio e il primo giugno.

Tutto dipende dai dati sulla pandemia della prossima settima. Se tutto va bene, un altro tassello del riparte l’Italia.

Riparte l’Italia, 1 giugno

Il primo giugno sarà un’altra tappa importante del riparte l’Italia.

Riapriranno, in zona gialla, molte attività, anche al chiuso. A partire dai ristoranti (anche a cena), ma non solo.

Si torna in palestra, riprendono i corsi di danza, yoga e tante altre attività sportive al chiuso.

Sarà solo impossibile, per ore, usare gli spogliatoi interni.

Ma si potrà anche tornare ad assistere agli eventi sportivi riconosciuti dal Coni. Posti a sedere preassegnati e distanza di un metro tra gli spettatori.

Non è una normalità, ma quasi.

Riparte l’Italia, 15 giugno

Nella road map del governo per il riparte l’Italia il 15 giugno è prevista la ripresa di una dette attività più danneggiate e allo stesso tempo importanti per il Paese: il comparto fieristico.

Come per lo sport anche in quel caso ci saranno delle misure da rispettare. Ma dopo più di un anno di stop va bene anche così.

Riparte l’Italia, 1 luglio

Il primo luglio dovrebbe completarsi la fase delle riaperture estive con la graduale fine delle misure di restrizione della libertà.

Dovrebbe anche terminare la stagione dei congressi e dei convegni virtuali, quelli organizzati solo online. Riprenderanno in presenza, ma come per le fiere sarà ancora necessario rispettare delle misure di sicurezza.

Riaprono al pubblico anche i centri termali e i parchi tematici e di divertimento.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie