Riscatto della laurea agevolato: requisiti, importo, domanda

Riscatto della laurea agevolato: come funziona, i requisiti, la domanda, chi può accedere all'agevolazione, quanti anni si riscattano e la rateizzazione. L'agevolazione avrebbe dovuto concludersi nel 2021 ma sarà prorogata anche per il 2022. Una guida pratica per presentare la domanda.

4' di lettura

Il riscatto della laurea agevolato continua fino alla fine dell’anno. Almeno. C’è l’ipotesi, infatti di estendere ancora lo sconto.

La sperimentazione è iniziata nel 2019 e dovrebbe terminare il 31 dicembre 2021. Ma si pensa di ripeterlo nel 2022 e di renderlo poi una misura stabile.

Questa agevolazione consente di avvicinarsi in modo significativo alla pensione, una sorta di pensione anticipata grazie all’università. Negli anni precedenti il riscatto aveva costi al limite del proibitivo, le agevolazioni rendono il riscatto più alla portata. Soprattutto perché sono previste ampie dilazioni al pagamento.

Ma vediamo nel dettaglio di cosa si tratta e come può essere attivato dai contribuenti.

Il riscatto della laurea agevolato è stato introdotto con il decretone del 2019, lo stesso che ha previsto il Reddito di Cittadinanza e la Quota 100 (che invece dopo il triennio sperimentale dovrebbe essere sostituita da Quota 102 o Quota 92).

Qui trovi notizie interessanti sulle pensioni

A differenza di quota 100, che ha visto l’adesione del 50% degli aventi diritto, e può quindi definirsi, e non solo per i costi, una riforma incompiuta, il riscatto della laurea agevolato ha avuto invece una massiccia adesione. All’Inps sono pervenute, solo lo scorso anno, 55mila domande. È stato dunque accolto a dir poco bene.

La norma

Il riscatto della laurea agevolato prevede che si possano riscattare gli anni degli studi universitari per la pensione senza che ci siano dei limiti di età.

Ma con queste condizioni:

  • non devono essere stati versati contributi prima del 1996;
  • bisogna essere iscritti all’assicurazione generale obbligatoria (dipendenti, autonomi o gestione separata).
  • Non si deve essere già titolari di una pensione.
  • Sono escluse dal riscatto della laurea scontato le casse dei liberi professionisti e gli ordinamenti previdenziali stranieri.
  • La domanda può essere presentata anche da persone inoccupate.

Come funziona

Ecco cosa è possibile riscattare:

  • diplomi universitari (corsi non inferiori a due e non superiori ai tre anni)
  • diplomi di laurea (corsi non inferiori ai quattro e non superiori ai sei anni)
  • diplomi di specializzazione post laurea (non inferiori ai due anni)
  • dottorati di ricerca
  • titoli accademici conseguiti al termine di un corso di una durata biennale propedeutico alla laurea.

Rientrano anche i diplomi rilasciati dagli Istituti di Alta Formazione Artistica e Musicale che consentono di conseguire questi titoli di studio:

  • diploma accademico di primo livello
  • diploma accademico di secondo livello
  • diploma di specializzazione
  • diploma accademico di formazione alla ricerca (equiparato al dottorato di ricerca)
  • Questi sono invece i periodi che non possono essere riscattati:
  • iscrizione fuori corso
  • periodi già coperti da contribuzione obbligatoria o figurativa o da riscatto

Riscatto della laurea agevolato per persone inoccupate

Il riscatto della laurea agevolato può essere chiesto anche da persone non iscritte a nessuna forma obbligatoria di previdenza e che non abbiano iniziato attività lavorativa in Italia o all’estero.

Quanto costa

Con la normativa è possibile riscattare fino a cinque anni di università. Naturalmente il periodo varia a seconda dei corsi di laurea. E comunque i periodi che si possono recuperare a fini pensionistici dovranno essere precedenti al 20 gennaio del 2019.

Qui trovi notizie interessanti su fisco e tasse

Il costo del riscatto viene parametrato alla retribuzione (sempre comunque agevolato). Il costo medio, comunque, si attesta su 5.200 euro l’anno (poi vedremo come si calcola).

Ma attenzione, quella cifra è deducibile dalle tasse fino al 50%.

Come si calcola

Per calcolare l’importo del riscatto della laurea agevolato (quindi solo per chi rientra negli anni coperti dal sistema contributivo), si prende come riferimento il minimale degli artigiani e commercianti che vige nell’anno della presentazione della domanda e in base all’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche di quello stesso periodo.

Facciamo un esempio: per il 2021 il reddito minimo da prendere in considerazione per il calcolo del contributo (quindi il minimale per commercianti e artigiani) è di 15.953 euro.

A questo importo va applicata l’aliquota del 33%. E quindi per le domande presentate nel 2021 il costo per riscattare un anno di corso è di 5.264,49 euro.

Rateizzazione

Ma non solo. Quell’importo si può anche rateizzare per un massimo di 120 rate mensili che non possono essere inferiori a 30 euro mensili senza interessi. Naturalmente è anche possibile pagare l’importo con una sola soluzione.

Domanda

I requisiti necessari per il riscatto della laurea agevolata sono questi:

  • aver conseguito il diploma di laurea o titoli equiparati
  • I periodi per i quali si chiede il riscatto non devono essere coperti da contribuzione obbligatoria o figurativa
  • Essere titolari di contribuzione nell’ordinamento pensionistico in cui viene richiesto il riscatto. Con l’eccezione se a presentare la domanda è una persona inoccupata.

La domanda per il riscatto della laurea agevolata deve essere presentato online con il servizio dedicato (qui puoi trovare maggiori informazioni).

Il pagamento dell’onere si effettua utilizzando l’avviso di pagamento PagoPa.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie