Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni / Riscatto laurea e pensioni anticipate, aumentano i costi

Riscatto laurea e pensioni anticipate, aumentano i costi

Scopri come per riscatto della laurea e pensioni anticipate aumentano i costi a causa dell’inflazione.

di The Wam

Agosto 2023

Riscatto laurea e pensioni: l’inflazione alta incide sugli assegni pensionistici e sul costo per riscattare gli anni di studi. Vediamo in che modo e quali saranno gli effetti sui cittadini. (scopri le ultime notizie sulle pensioni e su Invalidità e Legge 104. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

L’inflazione e il suo impatto

Cos’è l’inflazione

L’inflazione è il tasso al quale il livello generale dei prezzi per beni e servizi sta aumentando. Quando l’inflazione è elevata, il potere d’acquisto della moneta si erode. Ogni euro che si ha oggi, in un ambiente di alta inflazione, avrà meno valore nel futuro.

L’inflazione è lievemente in calo. Oggi è al 6% rispetto al 6.4% di giugno, ma siamo sempre a livelli molto alti, gli stessi registrati nello stesso periodo dello scorso anno.

Un’inflazione così sostenuta non influenza solo il costo della vita. Ha effetti consistenti anche sugli assegni della pensione e sul riscatto della laurea. In questi casi le conseguenze peseranno a lungo sui cittadini.

Certo, la situazione è meno allarmante rispetto al picco dell’inflazione che è stato registrato lo scorso anno (più del 10%), spinto in alto dalle conseguenze della guerra in Ucraina (aumento del costo dell’energia e dei generi alimentari, soprattutto).

Nel 2023 l’inflazione media resta intorno al 5,6%, in calo rispetto all’8,1% registrato alla fine del 2022, ma questo non significa che  gli effetti non siano importanti.

Il primo ovvio problema è, come detto, la perdita del potere d’acquisto. La rivalutazione di gennaio delle pensioni non è stata sufficiente a colmare il divario. Oltretutto l’adeguamento degli importi all’inflazione non è stato applicato a tutti gli assegni pensionistici.

Le conseguenze come vedremo in questo post riguardano anche le pensioni anticipate: l’inflazione ha inciso e in modo serio. Paga dazio soprattutto chi ha iniziato a versare contributi dopo il 31 dicembre del 1995.

Inflazione: l’impatto sul riscatto della laurea e pensioni

L’inflazione ha dunque un impatto significativo sul riscatto della laurea e le pensioni anticipate. Questo avviene perché i costi associati a questi strumenti sono indicizzati all’inflazione. In altre parole, quando l’inflazione aumenta, anche i costi associati al riscatto della laurea e alle pensioni anticipate crescono.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Riscatto della laurea: un’analisi dei costi

Il riscatto della laurea permette a chi ha conseguito un titolo di studio universitario di trasformare gli anni trascorsi sui banchi di scuola in anni di contributi previdenziali. Ma questo ha un costo.

Il costo del riscatto della laurea nel 2023

Per quantificare l’impatto dell’inflazione sul riscatto della laurea, consideriamo il costo nel 2023. Il riscatto della laurea nel 2023 costa 5.776 euro per ogni anno di studio. Se si considera un corso di laurea triennale, il costo totale sarebbe 17.328 euro.

Il costo del riscatto della laurea nel 2024

Guardando al futuro, il costo del riscatto della laurea nel 2024 dovrebbe essere ancora più alto, raggiungendo i 6.100 euro per ogni anno di studio. Quindi, per un corso di laurea triennale, il costo totale del riscatto della laurea nel 2024 sarà di 18.300 euro.

Vediamo con il riscatto agevolato della laurea quanto si perde di pensione.

Quando conviene il riscatto della laurea?

Il riscatto della laurea può essere conveniente in molti casi. Può permettere di raggiungere il diritto alla pensione in anticipo o di aumentare l’importo della pensione. Ma con l’aumento dei costi, la convenienza del riscatto della laurea può diminuire. Pertanto, è essenziale fare una valutazione accurata prima di scegliere questa opzione.

Pensioni anticipate: un’analisi dei costi

Le pensioni anticipate permettono a chi ha accumulato un certo numero di anni di contributi previdenziali di andare in pensione prima dell’età pensionabile ordinaria. Ma anche qui, i costi sono soggetti all’inflazione.

La guida su pensione anticipata e riscatto della laurea.

Quanti contributi sono necessari per la pensione anticipata a 64 anni?

Per poter accedere alla pensione anticipata a 64 anni, è necessario aver maturato almeno 20 anni di contributi. Ma c’è un ulteriore requisito: l’importo della pensione deve essere pari ad almeno 2,8 volte l’assegno sociale. E qui entra in gioco l’inflazione: ogni anno, l’importo dell’assegno sociale viene rivalutato in base all’inflazione, portando ad un aumento del montante contributivo necessario per accedere alla pensione anticipata.

Come aumenteranno le pensioni nel 2024 a causa dell’inflazione.

Come l’inflazione incide sulle pensioni anticipate

L’inflazione incide significativamente sulle pensioni anticipate. Con l’aumento del costo della vita, il valore del montante contributivo necessario per raggiungere il requisito della pensione anticipata aumenta. Questo significa che, in un contesto di alta inflazione, chi ha iniziato a versare contributi più recentemente potrebbe dover attendere più a lungo per raggiungere i requisiti necessari per la pensione anticipata.

L’effetto dell’inflazione sulle fasce alte di reddito

L’effetto dell’inflazione sulle pensioni anticipate è particolarmente marcato per chi ha redditi elevati. Questo perché, a partire dal primo gennaio 1996, l’importo della pensione viene calcolato in base all’inflazione. Quindi, i lavoratori con salari elevati potrebbero dover attendere più a lungo per ottenere la pensione anticipata.

Un esempio

Facciamo un esempio. Nel 2022, un lavoratore dipendente con una contribuzione ai massimali poteva aspirare a una pensione netta di 3.912 euro all’età di 67 anni, mentre un lavoratore autonomo avrebbe potuto ottenere 2.994 euro.

Con l’inflazione del 2022 e del 2023, si prevede che nel 2024, la pensione massima aumenterebbe rispettivamente a 4.485 euro e 3.411 euro. Questo equivale a un aumento di tra 400 e 500 euro.

Nel contesto reale, l’effetto per un lavoratore può non essere così marcato, dal momento che i nuovi massimali influenzano solo il presente e il futuro, escludendo il passato. Per i lavoratori con un reddito elevato, questo è un aspetto da prendere in considerazione attentamente. Infatti, con l’aumento del reddito, le pensioni saranno proporzionalmente più basse. Pertanto, per mantenere uno stile di vita comparabile durante gli anni della longevità, sarà necessario integrare l’assegno pensionistico, nonostante l’incremento dei massimali stimolato dall’inflazione.

In pratica il montante contributivo già versato si svaluta con gli anni a causa dell’inflazione.

Tfr o pensione complementare: rischi e vantaggi

Questo scenario dovrebbe stimolare i più giovani a prendere una decisione, ricorrendo a vari meccanismi per pianificare in anticipo la propria pensione.

C’è l’ipotesi del riscatto gratuito della laurea. Ma vediamo se è possibile?

Si può prendere in considerazione, ad esempio, il Trattamento di Fine Rapporto (TFR): nel 2022, quello conservato in azienda ha prodotto un ritorno del 10% circa, mentre i fondi pensione hanno registrato perdite tra il 9,8% e l’11,5%. Tuttavia, non è garantito che questo andamento persista.

Il governo ha intenzione di imporre per tutti la pensione complementare.

A lungo termine, il beneficio di un fondo di previdenza supplementare può rivelarsi addirittura doppio rispetto alla liquidazione mantenuta in azienda. È necessario, però, investire i propri risparmi in un fondo pensione ad alto rischio, che si avvale ampiamente di azioni. I rendimenti possono essere significativi, ma esiste innegabilmente il rischio di subire anche perdite notevoli.

Su Lavoroepensioni.it c’è un post che analizza il rendimento dei fondi pensione.

Conclusioni

In conclusione, l’inflazione ha un impatto significativo sul riscatto della laurea e le pensioni anticipate. Con l’aumento dell’inflazione, i costi di questi strumenti sono in aumento, rendendo più difficile per molte persone raggiungere i requisiti per la pensione anticipata o migliorare l’importo delle loro pensioni. È essenziale essere consapevoli di queste tendenze e pianificare di conseguenza per il futuro.

Riscatto laurea e pensioni anticipate, aumentano i costi
Nella foto la rappresentazione del diploma di laurea e di un fondo pensioni.

FAQ (domande e risposte)

Quali sono gli effetti dell’inflazione su assegni pensionistici e sul riscatto della laurea?

L’inflazione ha un impatto significativo sul potere d’acquisto dei cittadini. Nel caso degli assegni pensionistici, l’inflazione può erodere il valore reale delle pensioni se l’adeguamento degli importi all’inflazione non è sufficiente. Per quanto riguarda il riscatto della laurea, l’inflazione può aumentare significativamente i costi di riscatto. Ad esempio, il costo del riscatto “light” della laurea è passato da 5.240 euro per ogni anno di studio nel 2019 a 5.776 euro attualmente, e si prevede che raggiunga i 6.100 euro nel 2024.

Cosa significa riscattare la laurea e perché potrebbe essere conveniente?

Il riscatto della laurea è un’opzione prevista dal sistema previdenziale italiano che permette di “comprare” gli anni di studio universitario per farli contare come anni di contribuzione per la pensione. Questo può essere conveniente in alcuni casi, ad esempio, per chi ha iniziato a lavorare e a studiare dal 1996 in poi, in quanto potrebbe permettere di anticipare l’età pensionabile o ottenere un assegno pensionistico più corposo.

Cosa cambia per la pensione anticipata a causa dell’inflazione?

L’inflazione influisce sulla possibilità di andare in pensione anticipata. La riforma Monti-Fornero del 2011 prevede un requisito che consente di andare in pensione tre anni prima, a patto che l’importo pensionistico sia pari ad almeno 2,8 volte l’assegno sociale. Tuttavia, l’inflazione fa aumentare il valore soglia ogni anno, seguendo l’incremento dell’assegno sociale. Questo significa che l’inflazione può rendere più difficile raggiungere la soglia necessaria per la pensione anticipata.

Come influisce l’inflazione sui contributi pensionistici per i lavoratori con redditi elevati?

Per i lavoratori con redditi elevati che hanno iniziato a lavorare a partire dal 1996, l’inflazione ha un impatto importante sui contributi pensionistici. Infatti, i contributi pensionistici sono pagati fino ad un massimale contributivo legato all’inflazione. Quando l’inflazione aumenta, i massimali contributivi aumentano, il che significa che i contributi versati devono essere più alti.

Cosa devono considerare i lavoratori con reddito elevato in relazione ai massimali contributivi?

Per i lavoratori con redditi elevati, è importante considerare che, nonostante l’aumento dei massimali contributivi dovuto all’inflazione, la pensione non potrà mai essere superiore ad un certo valore. Questo perché, al di sopra di un certo reddito, i contributi versati non influiscono sull’importo dell’assegno pensionistico.

Come l’inflazione influisce sulla decisione di lasciare il TFR in azienda o investirlo in un fondo pensione?

L’inflazione può influenzare la decisione su dove investire il TFR (Trattamento di Fine Rapporto). Ad esempio, nel 2022 il TFR lasciato in azienda ha offerto un rendimento del 10%, mentre i fondi pensione hanno generato perdite tra il 9,8% e l’11,5%. Tuttavia, guardando al lungo termine, la situazione potrebbe cambiare. Se versato in un fondo di previdenza integrativa, il TFR potrebbe raggiungere una valutazione quasi doppia rispetto alla liquidazione lasciata in azienda.

Cosa dovrebbero fare i giovani per prepararsi per la pensione in un contesto di inflazione?

I giovani dovrebbero iniziare a pensare sin da subito alla loro pensione e ai vari strumenti che hanno a disposizione per riuscire a ottenere un assegno.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp