Attualità

San Carlo Borromeo, il nostro futuro è nelle radici

Domani il convegno organizzato al Castello di Monteverde. Con un obiettivo preciso

0
2' di lettura

Non c’è futuro senza conoscere le proprie radici. Questo il tema e l’obiettivo del progetto promosso dall’Istituto omnicomprensivo De Sanctis di Lacedonia. Nell’ambito di queste iniziative, il convegno che si terrà domani al castello medievale di Monteverde. Si parla di San Carlo Borromeo nell’arte.

Si punta a far conoscere il territorio, in particolare ai giovani: perché il futuro possa partire dalle radici, Un progetto che si è allacciato a un altro: “L’Alta Irpinia vista attraverso un Principe del ‘500: Carlo Gesualdo”.

Era zio di Carlo Gesualdo

Il convegno, San Carlo Borromeo nell’arte, nasce in coerenza con il progetto d’Istituto, perché si parla dello zio di Carlo Gesualdo, proprio San Carlo Borromeo che era il fratello di Geronima madre di Carlo Gesualdo, protagonista dell’ultima fase del Concilio Tridentino, che ha contribuito a dettare i canoni dell’arte barocca.

Si parla di San Carlo Borromeo nell’arte, proprio per la presenza di un dipinto che raffigura il Santo lombardo in una chiesa del Borgo Irpino, ad ulteriore testimonianza della venerazione per lo zio del Principe dei Musici in Irpinia.

La figura di San Carlo e la sua iconografia

Interverranno al convegno: la professoressa Rita Solimene, Dirigente Scolastico dell’Istituto Omnicomprensivo Statale ‘F. De Sanctis’ di Lacedonia; Francesco Ricciardi, Sindaco di Monteverde che con l’Amministrazione Comunale e le Associazioni ha contribuito alla realizzazione dell’evento nel Castello Medievale che con la sua imponenza, sovrasta ‘il borgo più bello d’Italia 2015’; Erminio Petecca, Presidente dell’Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Avellino.

A parlare della figura di San Carlo Borromeo e della sua iconografia: il Mons. Pasquale Cascio, Arcivescovo di Sant’Angelo dei Lombardi; Camillo De Lisio, Touring Club Napoli; la Dott.ssa Paola Apuzza, Storica dell’Arte Soprintendenza; il Dott. Martino Del Mastro, Restauratore di Dipinti; a moderare l’evento, Giovanni Casparriello, referente del progetto.

Alle ore 9.00 presso la Rotonda di Monteverde, gli alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado di Monteverde e del Liceo Classico di Lacedonia, accoglieranno gli ospiti facendo visitare ai presenti, il Borgo Medioevale.La mattinata sarà arricchita dalla presenza dell’Orchestra del Liceo Musicale ‘Carlo Gesualdo’ di Gesualdo.

Tentata rapina in Irpinia: ladro in fuga, ecco i numeri a Lotto

Articolo precedente

Dottoressa investita in centro ad Avellino: muore in ospedale

Articolo successivo

Commenti

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe piacerti anche