Saturimetro. Conosci i livelli di ossigeno nel tuo sangue?

Quali sono i livelli di ossigeno nel tuo sangue? Quando bisogna preoccuparsi e quali sintomi o disfunzioni comporta? Come leggere un saturimetro? Tutte domande che ci siamo posti con una certa frequenza in quest'anno di pandemia da coronavirus. Le risposte e come bisogna comportarsi quando l'ossigenazione scende sotto determinati livelli.

Quali sono i tuoi livelli di ossigeno nel tuo sangue?
Quali sono i livelli di ossigeno nel tuo sangue? Quando bisogna preoccuparsi e quali sintomi o disfunzioni comporta? Come leggere un saturimetro?
4' di lettura

In quest’anno di pandemia da coronavirus abbiamo capito l’importanza dei livelli d’ossigeno nel sangue che scorre nelle arterie del corpo e molti di noi hanno oggi a casa un saturimetro, un semplice oggetto che in pochi secondi ci fornisce tutte le indicazioni necessarie, senza la necessità di sottoporsi a un test Abg (emogasanalisi arteriosa), che prevede invece il prelievo di una piccola quantità di sangue dall’arteria radiale.

I normali livelli di ossigeno misurati da un saturimetro (o pulsossimetro), variano dal 95 al 100%.

Se il livello di ossigeno nel sangue è inferiore al 90% viene considerato basso, e si parla di ipossiemia.

Il saturimetro

Che cosa provoca l’abbassamento dei livelli di ossigeno nel sangue?

I livelli di ossigeno nel sangue possono abbassarsi fino all’ipossiemia quando si verifica uno qualsiasi di questi problemi.

Bassi livelli di ossigeno nell’aria (accade nelle regioni montuose ad altitudini particolarmente elevate: anche per questo è difficile scalare l’Everest)

Diminuzione della capacità del corpo di assorbire ossigeno: e questo può accadere a causa di una serie di patologie che includono:

Asma

Enfisema (danno delle sacche d’aria nei polmoni)

Bronchite

Polmonite

Pneumotorace (fuoriuscita di aria nello spazio tra il polmone e la parete toracica)

Sindrome da distress respiratorio acuto ( ARDS )

Edema polmonare (il polmone si gonfia a causa dell’accumulo di liquido)

Fibrosi polmonare (cicatrizzazione dei polmoni )

Malattia polmonare interstiziale (un ampio gruppo di malattie polmonari che generalmente causano cicatrici progressive dei polmoni)

Infezioni virali come il coronavirus

Poi ci sono anche altre condizioni:

Anemia

Apnea notturna (interruzione temporanea della respirazione durante il sonno )

Fumo

Diminuzione della capacità del cuore di fornire il sangue con ossigeno ai polmoni:

le cause più comuni sono le malattie cardiache congenite (difetti cardiaci che sono presenti alla nascita).

Cianosi, con la colorazione bluastra delle labbra e della pelle

Come si controllano i livelli di ossigeno nel sangue con il saturimetro?

Come detto il saturimetro è un piccolo dispositivo medico. Viene spesso usato quando i medici hanno la necessitò di conoscere in tempi rapidi i livelli di ossigeno nel sangue. E può essere usato con estrema facilità da un utente qualsiasi e senza il supporto di un professionista. Lo strumento si usa anche per controllare la risposta del corpo a determinati farmaci o ossigeno supplementare.

La procedura d’uso è semplice: basta agganciare il saturimetro tra le dita per alcuni secondi. La lettura viene visualizzata sullo schermo. È un test un po’ meno accurato dell’ABG ma è più facile da eseguire.

Quando la scarsa ossigenazione del sangue colpisce il cervello?

Il nostro cervello viene colpito quando l’ossigenazione misurata con un saturimetro è al di sotto dell’80-85%.

Sotto il 65% si sviluppa la cianosi. In quel caso la colorazione della pelle e delle mucose diventa bluastra.

Quali sono i segni e i sintomi dell’ipossiemia?

L’ipossiemia, la scarsa presenza di ossigeno nel sangue, può dare origine a molti sintomi. Dipende dalla sua gravità. Eccoli:

Mal di testa (da lieve a grave)

Fiato corto

Vertigini

Tosse

Respiro sibilante (respiro con un fischio o un tintinnio nel petto)

Confusione

Battito cardiaco accelerato

Cianosi (colore bluastro della pelle, delle unghie e delle labbra)

Una grave ipossiemia può diventare pericolosa. Se non viene curata, può influenzare il perfetto funzionamento di cervello e cuore.

Come viene trattata l’ipossiemia?

La cura dell’ipossiemia prevede tutta una serie misure che contribuiscono ad aumentare i livelli di ossigeno nel sangue fino a riportarlo ai livelli normali.

Si interviene così:

Curando le cause che provocano la disfunzione. I farmaci vengono somministrati attraverso un inalatore che consente rapidamente di respirare il medicinale nei polmoni.

Ossigenoterapia: viene somministrato ossigeno supplementare attraverso una bombola di ossigeno (anche portatile). La pressione dell’ossigeno erogato può essere controllata.

Come prevenire l’ipossiemia?

È possibile mantenere i normali livelli di ossigeno nel sangue dopo essersi ripresi dall’ipossiemia.

Ma sono necessari anche dei cambiamenti nello stile di vita.

Esercizi di respirazione profonda

Esercizio leggero come camminare o come viene consigliate da medico curante.

Yoga

Una dieta sana ed equilibrata

Bere acqua adeguatamente

Smettere di fumare

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie