Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Reddito di cittadinanza / Reddito di cittadinanza chiesto a marzo: quando scade?

Reddito di cittadinanza chiesto a marzo: quando scade?

Rispondiamo alla domanda di alcuni utenti che chiedono quando scade il Reddito di cittadinanza chiesto a marzo 2023.

di Chiara Del Monaco

Marzo 2023

Quando scade il Reddito di cittadinanza chiesto a marzo 2023? Molte persone se lo stanno chiedendo e in questo approfondimento cercheremo di fare chiarezza sulla durata del Rdc nel 2023 (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sul Reddito di Cittadinanza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Con l’inizio del nuovo anno e le novità che riguardano il futuro del Reddito di cittadinanza, molte famiglie che stanno per finire le mensilità o che hanno appena fatto domanda si chiedono come funzionerà nei prossimi mesi.

In particolare, alcuni nuclei familiari si stanno chiedendo quando scade il Reddito di cittadinanza chiesto a marzo 2023 e cosa succede se entra in vigore una nuova misura economica, come la Mia.

Nei prossimi paragrafi cerchiamo di rispondere alle perplessità degli utenti, sulla base delle informazioni disponibili al momento.

Indice

Quando scade il Reddito di cittadinanza chiesto a marzo 2023?

Negli ultimi giorni abbiamo ricevuto diverse domande da parte dei nostri utenti in merito al futuro del Reddito di cittadinanza. In particolare, il dubbio che sta coinvolgendo la maggior parte delle famiglie in questo periodo è legato a chi ha appena fatto domanda del contributo economico.

I nuovi beneficiari, infatti, si chiedono quando scade il Reddito di cittadinanza chiesto a marzo 2023, quindi nel corso di questo mese.

Innanzitutto, chiariamo che con la legge di bilancio 2023 sono state apportate diverse modifiche alla misura anti-povertà introdotta con il dl 4/2019. Una delle più significative riguarda proprio la durata. A tal proposito, ricordiamo che la scadenza del Reddito di cittadinanza nel 2023 dipende dalle categorie di percettori.

Nello specifico, il sussidio per famiglie spetta per una durata massima di 7 mesi per i nuclei familiari occupabili, cioè in cui non sono presenti persone con disabilità, anziani con più di 60 anni o figli minori a carico. Ciò vuol dire che se un nucleo occupabile, e quindi considerato in grado di lavorare, ha fatto domanda a marzo, il Rdc sarà erogato fino a ottobre 2023.

Al contrario, per le famiglie non occupabili, ossia con componenti over 60 o minorenni a carico o persone con disabilità, il sussidio è garantito fino alla fine del 2023. Di conseguenza, chi ha fatto domanda a marzo riceverà le mensilità del Reddito di cittadinanza fino al 31 dicembre 2023.

Dal 2024, invece, il Reddito di cittadinanza sarà ufficialmente abolito, per poi essere sostituito da una misura che secondo il governo è più efficace e utile. Una delle proposte in merito è per esempio la Mia, ossia la Misura di Inclusione Attiva.

Nel prossimo paragrafo vediamo cosa succederebbe ai percettori del Rdc se la nuova misura fosse introdotta prima di dicembre 2023.

Scopri la pagina dedicata al Reddito di cittadinanza: pagamenti, diritti e bonus compatibili.

Aggiungiti al gruppo Telegram sul Reddito di Cittadinanza ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Quando scade il Reddito di cittadinanza chiesto a marzo 2023 e cosa succede con la Mia?

Nel paragrafo precedente abbiamo chiarito ai nostri utenti quando scade il Reddito di cittadinanza chiesto a marzo 2023, spiegando che la scadenza è a ottobre 2023 per i nuclei familiari occupabili, mentre è fissata a dicembre 2023 per i nuclei non occupabili.

A questo punto, però, viene da porsi anche un’altra domanda: cosa succede se da settembre 2023 entra in vigore una nuova misura per sostituire il Reddito di cittadinanza?

In effetti, a questa domanda non c’è ancora una risposta chiara, anche perché al momento esiste solo la possibilità di una misura sostitutiva dal prossimo settembre, ma non è ancora stata presa alcuna decisione ufficiale.

In teoria, l’ipotesi più probabile è che da settembre sarà introdotta la Mia, ossia la Misura di inclusione attiva, proposta alcune settimane fa dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, che riprende alcuni elementi dal Rdc.

Quindi, se questo nuovo contributo entrasse in vigore proprio a settembre 2023, ci troveremmo davanti a due scenari: da un lato, la Mia potrebbe assorbire le mensilità restanti del Reddito di cittadinanza per chi ne ha diritto; dall’altro, le famiglie che hanno il Rdc ancora in corso potrebbero terminare i mesi spettanti e poi cominciare a percepire la Mia.

Ovviamente queste sono solo ipotesi, così come è un’ipotesi l’idea della Mia, che di fatto deve essere ancora delineata e confermata.

A proposito della nuova misura, ecco i possibili importi della Mia, leggi come funzionerà con la quota affitto della Mia al posto del Rdc e scopri anche chi sono gli esclusi dalla Mia e le alternative.

Quando scade il Reddito di cittadinanza chiesto a marzo 2023: in foto, una donna e tanti punti interrogativi.

Quando scade il Reddito di cittadinanza chiesto a marzo 2023: novità del Rdc

Se ci hai letto fin qui, avrai scoperto che il futuro del Reddito di cittadinanza è ancora un’incognita. Per esempio, non è sicuro cosa succederà se una nuova misura, come la Mia, sarà introdotta mentre è ancora in vigore il Rdc.

Visto che a differenza della Mia, le novità sul Reddito di cittadinanza 2023 sono state annunciate in via ufficiale a inizio anno, potrebbe essere utile fare un riepilogo per chi ha appena inviato la domanda. Ecco di seguito, i punti principali sul sussidio anti-povertà nel 2023:

In merito a questi cambiamenti appena elencati, si attendono ancora chiarimenti su Rdc e formazione nel 2023.

Quando scade il Reddito di cittadinanza chiesto a marzo 2023: come restare aggiornati

Per qualsiasi informazione relativa al Reddito di cittadinanza o ad altre misure a sostegno della famiglia e dei figli (per esempio l’Assegno Unico Universale) invitiamo i nostri lettori a consultare la sezione Ultime Notizie della pagina TheWam.net. In questo modo, sarete sempre aggiornati sulle ultime novità.

Inoltre, ogni giorno condividiamo gli aggiornamenti sui pagamenti e sul welfare in generale anche sul nostro canale YouTube Redazione TheWam.

Infine, è possibile restare sempre al passo con le comunicazioni ufficiali entrando nella chat Telegram dedicata al Reddito di cittadinanza.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp