Scandone – De Gennaro: “Dobbiamo lavorare duramente, dobbiamo muovere la classifica”



2' di lettura

La Scandone perde contro Sant’Antino 81-70. Ennesima sconfitta in trasferta per la formazione biancoverde che si trova in ultima posizione in compagni del Cassino e di Scauri. Coach De Gennaro, al termine della gara, commenta così la sconfitta incassata: “Nei primi due quarti abbiamo mescolato un pò le carte in tavolo, cercando di cambiare il più possibile il quintetto iniziale. Loro ci hanno attaccato molto bene, anche se li abbiamo messi in difficoltà all’inizio. Nel terzo e quarto quarto c’è stata una reazione da parte dei miei giocatori. Abbiamo ruotato molto in fase di copertura aggredendo molto di più gli avversari. Ne ho ruotati 11 e tutti hanno dato il proprio contributo.”

Cosa è mancato? “Purtroppo come sempre succede in queste partite ci sta mancando la concentrazione al tiro, soprattutto nei tiri liberi, ne abbiamo sbagliati ancora una volta 13, che sono tanti per una partita punto a punto, perché il punteggio secondo me è abbastanza bugiardo: non dovrebbero essere 11 i punti di differenza, ma, nel finale, con i falli e col fatto che loro tiravano i liberi e segnavano e noi no, si è allargato il gap. Però voglio essere abbastanza contento per quello che ho visto in mezzo al campo, almeno si è vista una reazione, un po’ più di circolazione di palla. Non parlo dei singoli, perché sinceramente tutti hanno giocato bene e tutti devono essere considerati in questa partita. Dobbiamo continuare a lavorare duro, solo col lavoro si può migliorare. Qualcosa in più l’ho vista, ma dobbiamo assolutamente cercare di far salire ancora di più l’intensità negli allenamenti, soprattutto dal punto di vista difensivo, per cercare di trovare tiri facili.

Scandone ultima: “La classifica la conosciamo benissimo, sta a noi cercare di farla muovere in qualche modo, ma voglio sentirmi più o meno positivo in virtù di quello che ho visto stasera. Venire a Sant’Antimo in questo campo infuocato con una squadra, come ho detto anche in fase di preparazione della partita, aggressiva, con giocatori di esperienza di A2 (tanto è vero che hanno giocato molto di esperienza stasera e quindi noi, essendo un po’ ragazzini, abbiamo subìto un po’ la disparità da questo punto di vista) può farmi reputare parzialmente soddisfatto. Continuerò a lavorare, cercando di far migliorare ulteriormente questi ragazzi.”

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!