Napoli, scontri giovani-polizia a piazza Bellini: tre fermi. Il video e le proteste

Tre fermi dopo la tensione che si è creata durante i controlli degli agenti



1' di lettura

Tre ragazzi fermati e tensione elevatissima. E’ questo il bilancio della notte di Napoli, a piazza Bellini, che farà discutere ancora tanto. Gli agenti di Polizia, che hanno fermato tre giovani, in una nota offrono una versione netta: durante i controlli, per il rispetto delle norme anti-contagio, sarebbero stati accerchiati e minacciati da alcuni presenti.

Il centro sociale: “Uno scenario di guerra”

ll Centro sociale Insurgencia di Napoli, attraverso un comunicato pubblicato da Fanpage, ha smentito “gli insulti, le minacce, l’accerchiamento e le aggressioni di cui parla il comunicato della questura”.

Secondo questa ricostruzione, sarebbero stati gli agenti a rendersi protagonisti di spintoni e intimidazioni. “Uno scenario di guerra – si legge nella nota – mettendo in pericolo la stessa cittadinanza, così come si evince da tutti i video pubblicati. Atti gravissimi che hanno portato alcuni cittadini finanche a gettarsi contro una volante pur di ostacolare i soprusi messi in atto ed i conseguenti fermi”.

Il video pubblicato dal consigliere regionale Borrelli

Il Questore: comportamento equilibrato

Il Questore Alessandro Giuliano, con un’altra nota, sostiene i suoi agenti: “Gli operatori delle Volanti hanno gestito la situazione con equilibrio… nonostante un inaccettabile comportamento aggressivo e minaccioso di decine di persone. Verranno svolte indagini per individuare i responsabili di queste condotte”.

Una prima ricostruzione parla di un controllo dei documenti, a tre ragazzi che erano all’aperto, che avrebbe innescato l’accesa discussione e poi fatto degenerare la situazione

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!