Scrivere insieme è sexy? L’intimità nel processo creativo

Scrivere insieme è sexy
4' di lettura

Siamo abituati a pensare alla scrittura come a un momento solitario. L’immagine romantica dello scrittore assorto, curvo sulla scrivania in preda all’ispirazione è sempre valida… ma com’è, invece, scrivere in due

Se la solitudine davanti al foglio bianco è troppo rumorosa (come il bel libro dello scrittore Bohumil Hrabal), il processo creativo, dall’immaginazione alla necessità espressiva fino alla realizzazione dell’opera, si può  condividere 

Che si tratti di un romanzo, una canzone o una sceneggiatura, una storia può nascere dalla staffetta di pensieri e suggestioni di due coautori.

Scrivere insieme è sexy? Andrea Zorretta
© Andrea Zorretta

Scrivere insieme: e se il sodalizio intellettuale ospitasse un punto di vista maschile ed uno femminile? 

L’uomo con il suo pensiero lineare, proiettato verso l’esterno, la donna irrazionale, che attraverso la letteratura indaga stati d’animo interiori, due schemi mentali diversi, due modi differenti di pensare, di vivere le emozioni con l’esperienza di vita che determina un diverso sguardo sul mondo

E’ nella combinazione chimica di maschile e femminile lessenza della scoperta: non appiattirsi sul proprio punto di vista ma cercare la profondità che viene dalla complessità.

Un pò come quando Robin Williams, professore de L’attimo fuggente sale sulla cattedra per ricordare a sé stesso che bisogna sempre guardare le cose da angolazioni diverse (e il mondo apparirà diverso!). “È proprio quando credete di sapere qualcosa che dovete guardarla da un’altra prospettiva. Thoreau dice “molti uomini hanno vita di quieta disperazione“, non vi rassegnate a questo. Ribellatevi! Non affogatevi nella pigrizia mentale, guardatevi intorno! Osate cambiare, cercate nuove strade.”  

Aprire lo spazio mentale dove inventiamo le nostre storie, fare entrare qualcuno nel nostro sogno ed entrare nel sogno di un altro, collocare pensieri e desideri lungo lo stesso filo rosso narrativo e stilistico è una prospettiva avvincente. (Se l’articolo ti sta piacendo, condividilo con i pulsanti social. A te costa un attimo, ma ci aiuterebbe a crescere molto)

[DISPLAY_ULTIMATE_SOCIAL_ICONS]

Scrivere insieme: ma come si fa a raggiungere il giusto compromesso, a far incontrare due linguaggi così diversi?

Uno dei due vorrà tenere tutto sotto controllo, l’altro, più avventuroso, vorrà stupirsi e scoprire quello che accadrà momento dopo momento. La sfida è nella conduzione reciproca, una improvvisazione a due dove i ruoli saltano a favore dello scambio: uno influenza laltro, un pò come nel jazz!

Non è raro sentire una lettrice dire: “Trovo raramente nelle pagine scritte da uomini la potenza e l’incisività emotiva delle autrici…” o uno scrittore: “Sono interessato a capire cosa ne penserà il pubblico femminile di questo libro, l’ho scritto cercando di cogliere l’ottica delle donne…”.

Non è una questione di stereotipi sociali ma di intelligenza biologica e attitudini, una questione di natura sessuale che apre un mare di possibilità: nell’incontro con l’opposto è a portata di mano un’alterità fino a quel momento solo immaginata. (di Chiara leggi anche l’articolo sulle immagini che hanno sostituito le parole nella comunicazione)

Scrivere insieme: non bisogna smettere di entusiasmarsi, immaginare, soprattutto quello che non esiste, come sanno fare i bambini, quello che potrebbe accadere.

“Se non è capitato già” – scrive Erri De Luca – “è ben possibile che a qualcuno di voi spunterà l’urgenza di mettere un’avventura, una pena, un’allegria, una speranza assurda per iscritto. Così, aggiungerà al mondo un’altra narrazione che come tutte le altre, sarà non necessaria eppure indispensabile.”

E allora fatelo, provate a scrivere insieme, rendete le vostre fantasie una cosa concreta. It takes two to tango ( direbbe Ronald Reagan)! Avete mai visto qualcuno ballare il tango da solo?

Immagine di copertina © Miss Tic

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie