Scrub gambe
0

Buon weekend a tutti i miei amatissimi bio-addicted! Ragazze ormai sapete che sono come una nota canzone di Biondo “Come un dejavu che si ri-pe-te!” e io sono il vostro dejavu della domenica che non vi abbandona mai! Ma, come dico io, bando alle ciance e ciancio alle bande! Nel sondaggio della settimana è stato scelto un tema che sapevo che vi sarebbe piaciuto sicuramente; quindi oggi parliamo di … scrub alle gambe! Ma cosa sto aspettando? Iniziamo!

Lo scrub alle gambe

Ormai sapete che io e lo scrub siamo una cosa sola; sperimento il più possibile (università e studio permettendo) per cercare di migliorare e di dedicare a me stessa quella mezz’ora di relax di cui ho bisogno (lo so che pensate anche voi la stessa cosa). Questa volta ho voluto superarmi e addentrami nel mondo delle gambe! Quante di noi hanno le gambe gonfie dopo una giornata di lavoro o di università? Quante le sentono così pesanti che sembra che al loro posto ci siano due martelli di Thor? (lo so, faccio molti riferimenti alla Marvel e alla Disney). Quindi…ho provato tre “scrubbini” per alleviare la pesantezza e per renderle ancora più morbide! (A proposito di rimedi naturali. Vedi questi scrub per labbra screpolate)

Scrub al caffè, zucchero e olio

Prima di dirvi in cosa consiste questo scrub devo farvi una premessa: sporca molto! Quindi…due cose: attenzione a dove lo fate e, se non volete avere problemi con le vostre mamme, cercate di pulire subito (e bene ndr) !(Immaginate la faccia di mia madre quando in vasca ha visto il caffè che colava ovunque..). Arriviamo al punto cruciale della ricettina…ah dimenticavo! Questo scrub può essere fatto anche prima della doccia (io ho fatto prima lo scrub e poi doccia utilizzando un guanto di crine).caffe

Ti serve

-1 cucchiaino di caffè

-2 cucchiaini di zucchero

-2 cucchiaini di olio

Come fare lo scrub per gambe vellutate 

Lo scrub è molto semplice da comporre; basta unire il caffè, lo zucchero e l’olio nella nostra classica ciotolina e amalgamare fino a quando il composto non si fa grumoso e compatto. Metterne un po’ sulle gambe e massaggiare per 2 minuti e risciacquare. Attenzione: Quando risciacquate state attente perché è proprio  in questa fase che sporcherete di più! Al primo impatto sentirete già la pelle liscia, fidatevi! Consiglio: questo scrub può essere fatto tranquillamente due volte a settimana e vedrete che risultati!

Scrub per gambe allo zucchero di canna e olio d’oliva

Si, se ricordate bene, lo zucchero di canna ve l’ho consigliato in un articolo precedente per i punti neri ma guardate un po’! Basta aggiungere dell’olio di oliva e voilà , avete uno scrub emolliente per le gambe! Cosa vi serve? Semplice!zucchero di canna

Ti serve

-1 cucchiaino di zucchero di canna

-1 cucchiaino di olio d’oliva

Come fare

Il procedimento è molto semplice: unite lo zucchero di canna e l’olio d’oliva in una ciotolina e amalgamate poi prendetene un po’ e mettetelo sulle vostre splendide gambe!  Attenzione: io ho utilizzato 1 solo cucchiaino di zucchero e di olio ma voi potete variare.

Scrub con miele, yogurt e zucchero di canna

Ragazze, qui andiamo sul difficile…ma che consigli sono se vi do sempre quelli semplici da fare? Premetto che per fare questo scrub ho impiegato un po’ di tempo perché mi rattristava molto utilizzare lo yogurt che volevo mangiare per merenda…ma alla fine la Nutella ha vinto (come sempre). Ma torniamo a noi…questo scrub può essere utilizzato anche come post-epilazione (avete visto che vi voglio bene?)miele

Ti serve

-3 cucchiaini di yogurt bianco

-3 cucchiaini di zucchero di canna

-3 cucchiaini di miele

– un guanto di crine ( se lo avete se no le mani vanno più che bene)

Come fare

Unite yogurt, zucchero e miele e amalgamate bene (importante è che il composto sia grumoso, mi raccomando). Mettete un po’ del vostro composto sulle gambe e, o utilizzando un guanto di crine o le sole mani, iniziate a massaggiare per 2 minuti. E voilà! Sentirete la pelle liscissima!

Detto questo, vi lascio! Lo so, questa settimana vi ho scioccate abbastanza e questo non è nulla! Come sempre, vi invito a condividere l’ hashtag #ilBiPointdiSimona , seguirmi sul mio profilo cosi da rimanere in contatto e partecipare ai sondaggi e di seguire la pagina facebook di TheWam attraverso la quale potete trovare tutti gli articoli della mia rubrica bio che vi siete persi! Vi auguro una buona domenica all’insegna del bio! Alla prossima e che il bio sia sempre con voi!

Camarillo Brillo: 10 dischi più venduti (27 gen-2feb)

Previous article

Il primo re è un film da vedere? La recensione de Il Pungiglione

Next article

You may also like