Concorso Scuola, piattaforma in tilt. Caos precari. Sindacati presi d’assalto

Mancano solo tre giorni e si chiuderanno i termini delle candidature per le nuove assunzioni previste dal Ministero dell'istruzione. La piattaforma digitale su cui si può fare la candidatura non ha retto l'enorme mole di domande ed è andata in crash. I sindacati sono stati sommersi dalle richieste e hanno inviato al ministro una richiesta ufficiale.

Concorso Scuola, piattaforma in tilt. Caos precari. Sindacati presi d'assalto
La piattaforma digitale per candidarsi ai posti di lavoro offerti dal Miur ha causato non pochi problemi agli aspiranti docenti.


2' di lettura

Il piano straordinario voluto dal Ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, prevede ottantamila assunzioni per spperire alla mancanza di docenti e resistere allo stress che genererà la divisione delle classi a causa del Covid.

Non ci sono così tanti candidati da concorso, quindi si è deciso che verranno assunti precari e perfino laureandi, che abbiamo però specifici requisiti. Le domande vanno fatte online. Peccato che la piattaforma non abbia retto e da giorni ci sono problemi tecnici che rendono le candidature quasi impossibili.

Scuola, piattaforma per la candidature in tilt

Gli aspiranti supplenti e i precari non sono riusciti ad accedere al sito, che risultava “momentaneamente non disponibile” o dava errore. Allora, preoccupati di non fare in tempo, hanno inondato di domande i sindacati, che si sono ritrovati subissati di lavoro.

Solo a Napoli l’altro giorno c’ernao centinaia di persone in strada in attesa per richiedere informazioni. Le guardie giurate sono dovute intervenire per placare gli animi.

Le sigle sindacali hanno quindi fatto arrivare il messaggio al ministro Azzolina, chiedendole di ripristinare il normare funzionamento del sistema il prima possibile. Dal Miur fanno sapere che la situazione è sotto controllo. I malfunzionamenti sono probabilmente dovuti all’enorme richiesta ricevuta.

Piattaforma digitale per le candidature: centinaia di migliaia di domande

Il ritmo delle richieste è impressionante. Sono già state inoltrate oltre 200 mila domande e fatto più di 2 milioni di accessi. Tutte queste connessioni in contemporanea devono aver smressato il server, che non è riuscito a gestire tutte le domande e ha dato errore.

C’è ancora tempo fino al 6 agosto per fare domanda, anche se i sindacati spingono per una proroga. Difficilmente sarà accolta, proprio per i tempi tecnici richiesti per le assunzioni. I candidati dovrebbero entrare in servizio già da settembre.

Il ministero ha fatto sapere che ora la situazione è sotto controllo. Tutto dovrebbe essere rientrato nella norma.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Entra in WhatsApp e ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Bandi, Bonus e Lavoro

  2. News dall'Italia e dal mondo

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie