Se la banca rifiuta un mutuo: diritti, doveri e risarcimenti

Se la banca rifiuta un mutuo: diritti e doveri, del cliente ma anche dell'istituto di credito o della finanziaria che ha rigettato il finanziamento. La banca ha l'obbligo di comunicare al cliente il motivo del rigetto della domanda di prestito. Quando è possibile chiedere il risarcimento per un mutuo rifiutato.

4' di lettura

Se la banca rifiuta un mutuo: diritti, doveri e risarcimenti. Come sapete la banca può dire di no a una richiesta di finanziamento. Accade spesso, per i più svariati motivi. Il cliente che ha chiesto il mutuo non viene di solito informato sulle motivazioni che hanno spinto l’istituto di credito o la finanziaria a rifiutare la concessione del prestito.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Un atteggiamento frequente non significa che sia giusto: la banca può decidere di rifiutare la concessione di un mutuo (è un ente privato), ma dovrebbe dare al cliente tutte le informazioni necessarie per capire le ragioni del no.

Ci sono diritti e doveri. Li deve rispettare il cittadino. Ma evidentemente anche la banca.

Se la banca rifiuta un mutuo: non ha l’obbligo di concederlo

Iniziamo dall’inizio. E da un presupposto che abbiamo già ripetuto in questo incipit di articolo: la banca non è obbligata a concedere un mutuo. Ha la piena autonomia nelle scelte gestionali. E quindi anche nel valutare l’effettiva capacità del cliente di rimborsare il prestito.

Anzi: il rifiuto è doveroso nel nome della prudente gestione che viene richiesta all’istituto (articolo 5 del testo unico bancario).

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Se la banca rifiuta un mutuo: i motivi del no

Quindi, in determinati casi, la banca non può semplicemente rifiutare la concessione di un mutuo, è obbligata a farlo.

Ci sono diversi fattori che incidono in questa scelta (qui li trovi nel dettaglio):

  • la valutazione degli imprevisti;
  • le ridotte capacità economiche di chi ha presentato la richiesta;
  • l’iscrizione del cliente nel registro dei cattivi pagatori;
  • la rata del mutuo che si ritiene insostenibile rispetto al reddito del cliente;
  • il cliente ha già altri prestiti da rimborsare;
  • al cliente è già stato rifiutato un prestito meno di un mese prima.

Se la banca rifiuta un mutuo deve dire perché

La banca è tenuta a comunicare il prima possibile al cliente l’eventuale rigetto della domanda di mutuo.

Ma quando la banca può essere ritenuta responsabile di un no alla richiesta di un finanziamento?

Ci spieghiamo: in quale caso il rifiuto dell’istituto di credito può essere ritenuto un danno per il cliente?

Sulla questione è piuttosto chiaro l’Arbitrato bancario finanziario.

Una banca può essere ritenuta responsabile se interrompe senza un giustificato motivo una trattativa per la concessione di un mutuo dopo che l’accordo sembrava così vicino da aver alimentato nel cliente la certezza che la stipula sul contratto fosse ormai cosa fatta.

Ora torniamo al punto iniziale: la motivazione di quel rigetto della domanda di mutuo.

La banca deve fornire una motivazione valida a supporto del no al cliente.

Si tratta di un obbligo che non è formalizzato in una normativa precisa, ma viene indicato nell’Arbitrato bancario finanziario, che è la bibbia comportamentale (anche) per tutti i funzionari di banca.

Se la banca rifiuta un mutuo: si può chiedere il risarcimento?

In questo caso il cliente può chiedere il risarcimento del danno? Sì, ma c’è la necessità di dimostrare il danno subito. E non basta, come prova, il semplice e sbagliato comportamento della banca. Serve, lo ribadiamo, la prova concreta del danno subito per quel diniego.

Se la banca rifiuta un mutuo: conclusione

In conclusione, la banca è tenuta a dire al cliente qual è la motivazione che ha portato al rigetto della richiesta di mutuo. È un sano principio. Il cliente potrebbe essere stati iscritti per una vecchia e dimenticata questione al Crif come cattivo pagatore e neppure lo sa.

O può essere insufficiente la documentazione.

E nel caso fosse un rifiuto legato a un reddito che si ritiene evidentemente basso per reggere il peso di un rimborso troppo gravoso, il cliente potrebbe agire di conseguenza, magari proponendo una diluizione maggiore o riducendo l’entità del finanziamento.

Quanto alle richiesta di risarcimento del danno nei confronti della banca per un mutuo rifiutato quando la trattativa sembrava sul punto di concludersi, ricordate bene un punto: per avviare una procedura di questo tipo servono comunque prove concrete che il danno è stato causato dal tergiversare della banca e dal suo successivo no.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie