Serie Tv e il finale flop. Game of Thrones e i suoi fratelli

Serie tv: i quattro finali più odiati dai fan. Game of Thrones, How I Met Your Mother, Lost e Heroes. Produzioni scivolate proprio in dirittura d'arrivo.

Serie tv, finali odiati
Ci sono finali che vorremmo dimenticare e che invece restano impressi nella memoria per quanto li abbiamo odiati. Quali sono i più brutti secondo i fan?
7' di lettura

Ci siamo passati tutti. Abbiamo tutti una serie tv che ci ha rubato il cuore, quella che abbiamo seguito con entusiasmo sin dagli esordi, facendo congetture su trama e personaggi… per poi scottarci dolorosamente proprio con il finale. Siamo sicuri che c’è più di una storia del genere nel cassetto di ogni appassionato di serialità. Noi abbiamo scelto quattro dei finali che ci hanno deluso di più. Attenti agli spoiler! (A questo link tutte le notizie su cinema e serie Tv e qui il gruppo facebook con tutte le news)

Game of Thrones (Il Trono di Spade)

Non se ne esce: quello di Game of Thrones è uno dei finali peggiori di sempre. L’insoddisfazione è stata moltissima, forse per l’incredibile livello di epicità che la serie aveva raggiunto nel corso delle stagioni. 

Se il trauma è stato grande e non vi ricordate la conclusione della serie tv, ecco un breve recap: Jon Snow intuisce che Daenerys non è soddisfatta dalla conquista del Trono di Spade, perché ha intensione di regnare sovrana su ogni territorio conosciuto. Farà di tutto per raggiungere il suo scopo, uccidendo chiunque provi ad ostacolarla. Per questa ragione la uccide e viene imprigionato dagli Immacolati, ancora fedeli alla loro regina. Intanto il nuovo Consiglio, composto da Sam, Sansa, Arya, Bran, Davos, Tully, Arryn e Yara Geyjoy sceglie Bran come nuovo re. E Sansa chiede l’ufficiale indipendenza del NordJon viene esiliato come Guardiano della Notte e Arya parte in esplorazione dell’Ovest.

L’inconsistente sottotrama delle profezie, la ridicola fine degli Estranei, le domande sugli Immacolati, il pessimo arco narrativo di Cercei e Jaime sono tutti interrogativi che non troveranno mai risposta. E la delusione dei fan è stata così insostenibile, che è stata persino firmata una petizione per riscrivere l’intera stagione.

How I Met Your Mother (E alla fine arriva mamma)

C’è una cosa capace di far infuriare gli appassionati di serie tv trasformandoli in critici spietati: le premesse disattese. Ed è esattamente quello che è accaduto nel finale di How I Met Your Mother, una delle comedy più amate degli ultimi anni.

Il titolo stesso della serie tv parla chiaro: come ho conosciuto la mamma. E in effetti la storia racconta delle mille peripezie compiute da Ted Mosby per trovare l’amore della vita… ma della madre dei suoi figli non sappiamo assolutamente nulla fino all’ultimissima stagione. E una volta scoperto l’arcano, ecco che il personaggio muore per una malattia terminale.

I figli di Ted, che hanno ascoltato l’intero racconto, lo spingono a superare il lutto e a ritrovare l’amore con Robin. La scena finale è l’emblema del romanticismo: Ted è sotto casa di Robin e suona il famoso corno blu francese del loro primo appuntamento e corona il suo sogno d’amore con lei.

Il problema? Dopo esserci chiesti per ben 9 stagioni chi fosse la mamma dei ragazzi, tema focale della serie, ci ritroviamo con una storia d’amore sbrigativa che s’interrompe in modo brusco e drammatico. E Ted torna alla ragazza che lo aveva fatto innamorare alla primissima puntata. 

La delusione è stata così cocente che gli spettatori si sono riversati in massa sull’epilogo alternativo in cui la malattia della madre dei ragazzi viene completamente eliminata, insieme al ritorno di fiamma con Robin.

Lost

Alzi la mano chi non si è arrabbiato guardando il finale di Lost e, soprattutto, ci spieghi come ci è riuscito.

Dopo sei anni di botole, misteri, colonne di fumo, oracoli, salti temporali che ci hanno mandato in tilt le sinapsi… il finale non è riuscito nell’intento di rendere chiare tutte le sottotrame della serie tv.

Jack e Smokey sono ormai alla resa dei conti e per risolvere la vicenda calano Desmond nella pozza della Luce. Il danno è fatto: il mondo inizia ad andare in pezzi e l’unica speranza di salvarlo è trovare il nuovo guardiano che protegga il Cuore dell’Isola, la fonte di energia magnetica che risiede nella grotta. Non poteva che essere Jack ad assumersi il compito, da eroe quale è sempre stato.

Ma dopo aver riacceso la luce dell’isola, Jack muore. Mentre tutti gli altri riescono a scappare e a vivere il resto delle loro vite. La realtà alternativa che vediamo nella sesta stagione è in realtà un Paradiso in cui i protagonisti si incontrano dopo la morte. Un aspetto non facile da cogliere, che ha mandato in confusione i fan.

Il grande dilemma del finale di Lost è l’incongruenza e la mancanza di risposte riguardo ad alcuni temi focali della serie tv. Un disastro che ha commentato perfino G. R. R. Martin!

Heroes

È stata una serie tv che ci ha davvero fatto sognare. Gli episodi della prima stagione ci hanno tenuti incollati allo schermo: erano avvicenti, originali e sono riusciti a coinvolgere milioni di appassionati. Ma già alla seconda stagione la trama orizzontale ha cominciato a traballare… e il finale di serie ha dato il colpo di grazia all’intera serie tv.

Dopo aver sconfitto Samuel, portato via dalla compagnia riformata, Lauren si occupa di convincere la stampa a credere a una storia montata ad hoc per nascondere ciò che è accaduto davvero la notte della battaglia. Intanto, Claire decide di lanciarsi dalla ruota panoramica, seguita dalle telecamere, per svelare a tutti il suo potere e l’esistenza degli “heroes”, lasciando aperta la vicenda. Un finale poco entusiasmante che non è stato in grado di mantenere il pathos che aveva lanciato sul piccolo schermo questo fenomeno televisivo. 

Tra patti narrativi non rispettati, incapacità di spiegare le proprie sottotrame e perdite di intensità, questi sono quattro esempi di come non debbano concludersi le serie tv. Non bisogna dimenticare, infatti che i qui citati sono finali che ancora oggi fanno infuriare gli appassionati di serialità: un risultato davvero terribile per prodotti che puntano tutto sulla fidelizzazione e l’affetto del pubblico.

Se volete tirarvi su di morale dopo il boccone amaro di questi brutti ricordi, il modo migliore è recuperare le 10 migliori serie tv dell’ultimo decennio.

Ti può interessare anche:

The Liberator: la nuova serie tv Netflix è una rivelazione

Love & Anarchy: recensione di una serie che voleva essere sfacciata

Bridgerton: il nuovo Downton Abbey di Shonda Rhimes

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie