Settecento euro al mese a chi si trasferisce nei piccoli comuni

2' di lettura

C’è uno strumento che potrebbe salvare decine di piccoli comuni irpini destinati all’inesorabile estinzione. Si chiama reddito di residenza attiva: settecento euro al mese per chi si trasferisce in paesi con meno di tremila abitanti e apre un’attività commerciale e imprenditoriale. Reddito che sarà garantito per almeno cinque anni.

Il bando sarà pubblicato il 16 settembre dalla Regione Molise. E calzerebbe alla perfezione per le zone interne della Campania. In particolare per la provincia di Avellino.

Solo per chi sarà parte attiva

La giunta molisana – a guida centrodestra – parla di “progetto in rodaggio”. Si aspettano arrivi per ripopolare i paesini anche da fuori regione. Le domande saranno attentamente vagliate. Ne beneficerà solo chi ha davvero in animo di essere parte attiva del territorio, e non intende quindi intascare sic et simpliciter un assegno mensile.

La scelta della giunta regionale molisana – oltre all’obiettivo primario di far rivivere comunità allo stremo -, è rivolta a chi ambisce a uno stile di vita semplice, genuino e lontano dagli stress degli affollati centri urbani.

In Irpinia ottanta piccoli comuni

In Irpinia i comuni al di sotto dei tremila abitanti sono una ottantina. E quasi sassanta non raggiungono i duemila abitanti. Il crollo delle nascite e la nuova ondata di emigrazione, hanno avuto effetti dirompenti, e accelerato uno spopolamento già in atto da qualche decennio.

Il reddito di residenza attiva non avrà un costo esorbitante per il Molise. Un milione di euro, ottenuto da un fondo vincolato del ministero dello sviluppo. Nei prossimi anni quella somma potrebbe essere incrementata, ma non di molto. Ma i benefici per le comunità saranno maggiori delle spese. A partire dalla riapertura di scuole, rinascita del commercio e del turismo sostenibile.

E la Regione Campania?

La Regione Campania potrebbe prendere esempio. Si tratta di noccioline rispetto al bilancio di Palazzo Santa Lucia. Noccioline anche se si dovesse arrivare a un centinaio di milioni, per intenderci. Ma in modo lineare, non banalmente assistito, potrebbe ripopolare zone in via di desertificazione e decongestione altre che sono “ai limiti della capienza”.

Un bando che si potrebbe ribattezzare reddito di sopravvivenza dei piccoli comuni. L’Irpinia ne ha bisogno. Ci pensassero un po’ su i nostri rappresentanti regionali. E – in vista delle prossime elezioni per il rinnovo del consiglio di Palazzo Santa Lucia – anche chi si candida a rappresentare questa terra.

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie