Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Edilizia sociale / Sfratto case popolari: quando è possibile e quando è vietato

Sfratto case popolari: quando è possibile e quando è vietato

Sfratto dalle case popolari: in quali casi può accadere questo evento spiacevole? Scopriamoli nell'approfondimento.

di Imma Duni

Gennaio 2023

Sfratto dalle case popolari: quando è possibile? Scopriamolo in questo approfondimento. (scopri le ultime notizie su agevolazioni economiche e diritti per la famiglia. Leggi su Telegram le novità su educazione, cura e salute dei figli, gravidanza, consigli per neo-mamme e relazioni familiari. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Sfratto dalle case popolari: in quali casi avviene?

Quando si diventa assegnatari di una casa popolare, come abbiamo avuto modo di precisare in questo articolo, bisogna pagare un canone di locazione, di importo inferiore ai canoni privati.

È un obbligo a cui l’assegnatario deve adempiere. Se questo non dovesse avvenire, la famiglia può essere sfrattata dall’alloggio popolare.

I motivi per cui si può incorrere in uno sfratto dalle case popolari sono anche altri, come:

In questi casi il contratto tra l’assegnatario e l’Istituto Case Popolari o l’Ente pubblico che ha emanato il bando, si risolve e l‘assegnatario deve lasciare l’edificio.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

Nel caso di sfratto per morosità, l’Ente pubblico dovrà rivolgersi al Tribunale, dichiarando che l’assegnatario non ha pagato il canone, allegando tutta la documentazione che dimostra la morosità.

Il Tribunale emanerà un decreto ingiuntivo nei confronti dell’inquilino che avrà 40 giorni per sistemare la situazione e saldare il suo debito. Lo sfratto diventa esecutivo se l’assegnatario non provvederà al pagamento entro questo termine.

Le copie del ricorso presentato dall’Ente e le copie dell’ingiunzione devono essere inviate anche all’inquilino.

Il termine di 40 giorni serve a pagare e sistemare la situazione debitoria, ma anche per presentare opposizione; questa non blocca l‘esecuzione dello sfratto. A meno che non lo decida il giudice per motivi molto gravi.

Le modalità e i termini dello sfratto variano da Regione a Regione.

Nel caso in cui doveste ritrovarvi in una situazione del genere, consigliamo di rivolgervi ad un legale esperto in alloggi popolari e sfratti. In questo modo potrete intraprendere la strada migliore per risolvere il problema.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news sulla famiglia ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Sfratto dalle case popolari: come evitarlo?

Per evitare lo sfratto, l’assegnatario deve rispettare determinati oneri:

Lo sfratto può avvenire anche per mancanza di requisiti nella domanda, come:

Sfratto case popolari: quando è possibile e quando è vietato
Sfratto dalle case popolari, quando è possibile? Nella foto due palazzi.

Sfratto dalle case popolari: come fare domanda di casa popolare?

Le case popolari sono immobili pubblici realizzati dallo Stato per combattere l’emergenza abitativa dei cittadini in difficoltà economica:

L’assegnazione di queste case avviene tramite un bando pubblico, a cui possono partecipare solo coloro che soddisfano i requisiti previsti dalla legge e dal bando stesso.

Il canone richiesto è proporzionato alla situazione reddituale dell’inquilino. L’Istituto Autonomo Case Popolari è un ente pubblico che si occupa della gestione dell’edilizia pubblica per l’assegnazione di case ai meno abbienti.

Essi sono presenti su tutto il territorio regionale e hanno una competenza provinciale. La procedura per ottenere una casa popolare si basa su un bando di partecipazione pubblico e su una domanda.

In base al punteggio (calcolato tenendo conto di diversi fattori), si potrà ottenere o meno l’abitazione.

La procedura è la seguente:

La domanda va inoltrata all’ente che ha emesso il bando, che può essere:

La domanda, se corredata di tutti i requisiti richiesti dal bando, permetterà di essere inseriti in una graduatoria e, se si hanno abbastanza punti, quando verranno costruiti nuovi alloggi oppure quando si libereranno quelli esistenti, l’ente pubblico provvederà ad assegnare una casa alla famiglia che ne ha diritto.

I documenti necessari da allegare sono i seguenti:

L’ISEE ERP viene calcolato nel modo seguente:

Abbiamo visto come avviene lo sfratto dalle case popolari. Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul bonus 150 euro:


Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp