Sidigas Avellino, incontro in tribunale fra il Pm e il commissari giudiziali

Sidigas Avellino, dopo il sequestro da 97 milioni riapplicato dal Riesame, incontro fra Procuratore aggiunto e commissari giudiziali.

tribunale avellino tre
1' di lettura

Caso Sidigas. Incontro in tribunale fra i commissari giudiziali, il procuratore aggiunto, Vincenzo D’Onofrio, e il giudice fallimentare Pasquale Russolillo. Dopo che il collegio del Riesame di Avellino ha accolto il ricorso della Procura contro il provvedimento del gip, Marcello Rotondi, e ha riapplicato i sequestri da 97 milioni di euro all’azienda. I commissari giudiziali sono scesi, dal terzo piano del tribunale, intorno alle 12.40. Erano arrivati al palazzo di giustizia circa due ore prima. Per incontrare proprio il titolare dell’indagine, sull’imprenditore Gianandrea De Cesare, il procuratore aggiunto D’Onofrio, coordinatore della sezione di criminalità economica del tribunale di Avellino. Nessuna dichiarazione ufficiale, come prevedibile, in un momento delicato per la società e con diverse questioni ancora da definire.

Vincenzo D'Onofrio
Il Procuratore aggiunto di Avellino, Vincenzo D’Onofrio

Sidigas, il Riesame conferma i sequestri

Il provvedimento del Riesame diventerà immediatamente esecutivo. Un incontro utile alla Sidigas per capire come si muoveranno gli inquirenti e chiarire alla Procura quanto già fatto dalla società rispetto al piano di rientro dei debiti. Insomma, un punto della situazione e i primi risultati del piano di ricognizione sull’azienda. Verrà fatto un punto anche sul concordato in bianco che, fino a ora, aveva congelato la richiesta di fallimento avanzata dalla Procura nei confronti di Sidigas.

Sidigas, la decisione del Riesame

Il Tribunale del Riesame, con la sua decisione, ritiene che non ci sia incompatibilità fra la procedura di concordato in bianco e in sequestro preventivo finalizzato alla confisca. Nel sequestro rientrano anche le quote delle società controllate da Sidigas e, quindi, Avellino Calcio e Scandone. Proprio dall’incontro di questa mattina potrebbero arrivare indicazioni fondamentali per l’evoluzione della vicenda.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!
Iscriviti al bot di Messenger e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!