Dipinge senza braccia e ballò per il Papa: magica Simona

Simona Atzori, una donna nata senza braccia che però non si è mai arresa. Da anni dipinge, balla e scrive. Ecco cinque storie per ricordarci la bellezza della vita.

5' di lettura

Vi capita mai di pensare che fino a qualche tempo fa, il momento dei bilanci coincideva con la fine dell’anno? La precaria condizione generale, soprattutto “mentalmente”, ci porta a ridurre gli intervalli e a tirare le somme nel weekend.

Ogni fine settimana è atteso, ambito come una meta raggiunta quando, nei tempi passati, era portatore di progetti, viaggi e serate brave, mentre ora diventa uno stato mentale che ci riporta al famoso “Io speriamo che me la cavo”, accompagnato da un grasso sospiro di sollievo.

Bene, a quanto pare è andata anche questa, la prima settimana del nuovo anno! Ripercorriamola con la più “positive delle classifiche” e se ancora non abbiamo avuto i motivi giusti per dare fiducia a questo 2021, attingeremo dalla “Playlist del sorriso”.

La classifica

Il quinto posto ci porta nella città più multietnica al mondo e anche la migliore in tema di opportunità sociali e imprenditoriali. A Londra l’organizzazione Crisis, che da 50 anni offre pasti e un letto ai senzatetto, non potendo usufruire totalmente dei dormitori per via del COVID, quest’anno nel periodo di Natale, che coincide con quello più rigido e freddo, ha bloccato 517 stanze d’albergo per le persone senza dimora, offrendo loro anche 3 pasti al giorno.

5° Crisis
5° Crisis

Al quarto posto ritroviamo la vicenda di Gianni Lanciano, il rider aggredito e rapinato a Napoli mentre svolgeva onestamente il proprio lavoro. La storia, che ha come vittima questo papà, ha indignato tanta brava gente che, oltre a raccogliere 11.000 euro per la sua famiglia, ha come lieto fine anche una proposta di lavoro per Gianni. Questa è la Napoli che ci piace!

4° Gianni Lanciano
4° Gianni Lanciano

Il terzo posto viene assegnato ad un simpatico nonnino di 81 anni, Stefano Bozzini, l’alpino che tutti abbiamo conosciuto quando piantonò la finestra dell’ospedale di Castel San Giovanni dove era ricoverata sua moglie e per lei suonò la sua fisarmonica, compagna di vita anch’essa.

Purtroppo Stefano è rimasto solo e oggi è lui a essere ricoverato per Covid. Le sue condizioni sono buone e la prima cosa che ha chiesto da casa, è stata la sua fisarmonica, che lo salva ogni giorno da 70 anni.

3° Stefano Bozzini
3° Stefano Bozzini

Al secondo posto c’è “Nonno Paletta”, il 74 enne Paolo Valenti dal carattere gioviale e da sempre un riferimento per i ragazzi e le famiglie. Era sul bus insieme ad un gruppo di ragazzi che oltre ad usare un linguaggio scurrile, non indossavano la mascherina.

È bastato chiedere loro di rispettare le regole per essere strattonato e aggredito riportando costole incrinate e rottura del setto nasale. Deve sottoporsi ad un intervento, ma la sua più grande preoccupazione è non comprendere questo gesto così violento, soprattutto mai accaduto in 18 anni di servizio. Non ce l’ho con quei ragazzi ma voglio dire loro di stare attenti e di cambiare rotta, perché così si va incontro a qualche iceberg e si rischia di affondare. Sono preoccupato per loro”. 

2° Nonno Paletta
2° Nonno Paletta

Il primo posto questa settimana ha il sorriso raggiante della meravigliosa Simona Atzori, scrittrice, ballerina, pittrice che non si è mai fermata nonostante la sua disabilità. Nata senza le braccia ma con tanta fermezza nel perseguire le sue passioni, come la danza iniziata a soli 6 anni.

1°-simona-atzori
1° Simona Atzori

Ha danzato per Papa Wojtyla nel 2000 e con Roberto Bolle e sta per ritornare in scena con “Disegnati così”, spettacolo interrotto per il COVID. Le sue passioni regalano risultati strabilianti e fortemente introspettivi e lo fa con due piedi e un sorriso. Ma sa volare, glielo hanno insegnato i genitori fin da piccola. Usa i piedi per dipingere e i suoi quadri sono impetuosamente emozionanti.

 “Perché ci identifichiamo sempre con quello che non abbiamo, invece di guardare quello che c’è? Spesso i limiti non sono reali, sono negli occhi di chi ci guarda».

La bellezza del diverso

Dopo la prima settimana del 2021 ci ritroviamo a esaminare che la disabilità vera e alienante è guardare con gli occhi e non con il cuore; è piegarsi a una condizione, non perseguire i propri sogni e questo vale proprio per tutti.

“Dovete sapere che esiste una teoria, che non è nostra ma che abbiamo fatto nostra, in base alla quale le persone con disabilità si dividono fra rancorosi e solari. I primi sono quelli arrabbiati col mondo per quello che gli è successo, i secondi sono quelli che hanno deciso di viverla come una nuova opportunità” (BEBE VIO)

Alla prossima settimana, “Think Positive” : ce la caveremo!

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie