Sky e Dazn: abbonati in fuga. Perdite milionarie

La crisi economica sta colpendo pure Sky e Dazn in perdita di abbonati e telespettatori negli ultimi mesi, a causa del Covid e delle pay tv illegali. La fuga di share rischia di provocare un terremoto all'interno delle aziende, con licenziamenti e tagli al personale nei prossimi anni.

Sky e Dazn: abbonati in fuga. Perdite milionarie
Perdite milionarie per le PayTV leader nel mercato italiano. Non solo una questione di prezzo, ma anche della qualità e delle modalità del Campionato di Serie A.
2' di lettura

Italiani in fuga dalle pay tv. La crisi economica ha colpito pure Sky e Dazn, che negli ultimi mesi hanno perso 2,5 milioni di spettatori a giornata. A riportare il dato è Il Messaggero, secondo cui agli italiani è passata la voglia di seguire le partite di calcio in televisione, nonostante oltre tre mesi di stop a causa del Coronavirus e l’impossibilità di recarsi allo stadio.

Lo share è crollato del 40% in estate. Se prima della sospensione dell’attività sportiva, circa 6,5 milioni di persone seguivano regolarmente in calcio in pay tv, alla ripresa dei campionati il numero di spettatori è calato fino a 4 milioni.

Sky, crollo di 400mila abbonati

Non solo. Secondo Milano Finanza, gli abbonati di Sky sono calati dai 5 milioni del periodo pre-Covid ai 4.6 milioni attuali. Significa che in pochi mesi il colosso della Comcast Corporation ha perso 400mila abbonati, che potrebbe presto tramutarsi in un corposo taglio del personale dipendente (si parla di 350 futuri licenziamenti) e di una forte scontistica sui pacchetti Calcio e Sport per attirare nuovamente i vecchi abbonati e convincerne di nuovi.

La crisi, quindi, coinvolge anche le grosse aziende come Sky e Dazn, anche a causa del calo degli introiti pubblicitari. Ma il calo degli abbonati era già evidente nel 2019. Come studiato dall’Enders, l’azienda britannica specializzata nelle ricerche di mercato, lo scorso anno Sky e Dazn avevano già perso 1,15 milioni di abbonati rispetto al 2018.

sky-decoder-q
Un decoder Sky Q di ultima generazione.

I motivi della fuga

E ora ci si interroga sui motivi – non economici – che hanno indotto e inducono le persone a disdire l’abbonamento alla pay tv. In primis c’è la scelta di spezzettare il turno di campionato su più giorni, con orari che poco si conciliano con le abitudini degli italiani (come il sabato alle 15, per esempio), ma anche la scarsa competitività del campionato italiano, vinto per nove volte consecutive dalla Juventus. L’equilibrio che si è generato in Serie A, con i bianconeri in calo e Milan e Napoli in ascesa, potrebbe riconquistare l’affetto degli sportivi.

La piaga dell’illegalità

Infine, c’è da considerare la piaga delle pay tv illegali che permettono a poco prezzo – tra i 10 e i 15 euro – la visione di Sky, Dazn e Netflix: si parla di quasi 4.6 milioni di abbonamenti illegali, che ovviamente generano perdite alle aziende per circa un miliardo di euro, con quasi 6mila posti di lavoro a rischio nei prossimi anni.  

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie