Smart working per i fragili della pubblica amministrazione

Smart working per i fragili della pubblica amministrazione: dovrebbe arrivare il sì definitivo del governo per rendere più semplice l'accesso al lavoro agile. Per ora c'è una disparità ingiustificata con il settore privato. L'elenco delle patologie che danno diritto a lavorare da remoto. La decisione nei prossimi giorni. Il ministro Brunetta: i lavoratori che hanno determinate condizioni di salute hanno il diritto a lavorare da casa.

5' di lettura

Smart working per i fragili della pubblica amministrazione: sta per arrivare il sì definitivo del governo, vediamo come funzionerà e chi ne avrà diritto. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati sui diritti delle persone invalide e la Legge 104

La misura avrebbe dovuto essere già introdotta a marzo nel decreto Riaperture. Ma non è stato possibile. Ora si corre ai ripari. Anche perché al momento sulla questione non c’è alcun equilibrio tra il settore pubblico e quello privato.

Mentre nella pubblica amministrazione non c’è stata una proroga per il lavoro agile, nelle aziende private lo smart working semplificato resta possibile fino al 30 giugno.

Semplificato, per intenderci, significa che è libero da accordi individuali tra lavoratore e datore di lavoro.

Smart working, nuovi requisiti per i lavoratori fragili

Smart working per i fragili: un diritto

Per risolvere lo squilibrio, ma anche per dare uno status definitivo allo smart working per i lavoratori fragili, sarà inserito un emendamento nel decreto Riaperture. C’è già un accordo con il ministro della Funzione pubblica, Renato Brunetta.

E infatti il ministro, anche nei giorni scorsi, durante l’audizione di fronte alla commissione parlamentare che si occupa della semplificazione, ha ribadito a chiare lettere che «i fragili devono avere la possibilità di lavorare da remoto». Ovvero anche dalla propria abitazione. Ma come vedremo se rientrano in determinati requisiti.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Smart working per i fragili: veri e falsi

Si punta in particolare a riconoscere quelli che sono definiti i “veri lavoratori fragili”. Purtroppo negli anni scorsi molti dipendenti della pubblica amministrazione hanno potuto contare sui privilegi concessi ai lavoratori fragili anche se non ne avrebbero avuto diritto, ovvero non era in condizioni di salute così gravi da poter usufruire del privilegio.

Nuovo bonus 1000 euro lavoratori fragili: come si chiede

Smart working per i fragili: elenco patologie

Per risolvere la questione, e riconoscere solo a chi davvero ne ha diritto la possibilità di svolgere il lavoro da remoto, è stato emesso un decreto interministeriale (Salute, Lavoro e Pubblica amministrazione) che che individuato le patologie croniche che oltre a causare un deciso scompenso clinico possono essere definite con “connotazione di gravità”. In pratica è stato definito con maggiore precisione il recinto entro il quale sarà possibile definire un lavoratore fragile e per il quale è dunque consigliabile lo smart working.

Ricevi subito la guida illustrata con tutte le agevolazioni per l’invalidità civile

Vediamo al momento quali sono le condizioni cliniche e le patologie che consentono il riconoscimento per chi ne soffre del lavoro agile:

  • chi è in dialisi;
  • chi è in attesa di trapianto;
  • chi sotto trattamento per patologie oncologiche.

Tra i fragili rientrano anche i lavoratori che hanno tre o più condizioni patologiche che rientrano in questo elenco:

  • cardiopatia ischemica,
  • fibrillazione atriale,
  • scompenso cardiaco,
  • ictus,
  • diabete mellito,
  • epatite cronica,
  • obesità,
  • bronco-pneumopatia ostruttiva cronica.

Lavoratori fragili, chi sono e quali agevolazioni ricevono

Smart working per i fragili: i costi

Per le casse statali i lavoratori fragili che operano da casa non avrebbe nessuna conseguenza. Zero aggravio delle spese. Questo secondo il ministero della Funzione pubblica.

La Ragioneria dello Stato ha fatto un conto diverso: questa operazione comporterebbe costi aggiuntivi per circa 60 milioni. E anche per questo nel decreto precedente l’emendamento è saltato, non c’erano le risorse economiche.

Si tratta comunque di una spesa non importante (se inserita nel Bilancio complessivo) che mette in sicurezza i lavoratori più fragili, coloro che potrebbero avere delle conseguenze importanti da un eventuale contagio da Covid (il virus continua a circolare e mentre è quasi innocuo per chi ha una buona condizione di salute, miete vittime o causa gravi infezioni a chi soffre già di altre patologie particolarmente serie e debilitanti).

Smart working per i fragili: l’attesa

Il ministero del Tesoro per ora non si pronuncia, ma è difficile che si arrivi a lasciare senza protezione questi lavoratori della pubblica amministrazione. C’è comunque una circolare ancora attiva che consente una programmazione plurimensile da remoto fino al 30 giugno.

Se ne saprà di più nelle prossime settimane.

Chi ha letto questo articolo si è interessato anche:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie