Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Diritto / Spese tra locatore e conduttore: chi paga cosa?

Spese tra locatore e conduttore: chi paga cosa?

Spese tra locatore e conduttore: a chi spettano quelle condominiali? Chi copre quelle legate alla manutenzione dell'appartamento? Tabelle e elenco degli interventi.

di Carmine Roca

Febbraio 2022

Spese tra locatore e conduttore: chi paga cosa? Ne parliamo in questo approfondimento (Scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Spese tra locatore e conduttore: spese condominiali

Spese straordinarie e spese di piccola manutenzione condominiali: spettano al locatore (proprietario di casa) o al conduttore (inquilino in affitto)? La legge numero 392/78, sulle locazioni degli immobili urbani, spiega in modo chiaro chi deve intervenire a coprire le due tipologie di spese.

È l’inquilino a dover sostenere economicamente le spese condominiali di ordinaria manutenzione dell’ascensore, per la pulizia e i costi dell’energia elettrica, ma anche le spese per il riscaldamento e del condizionamento dell’aria, del rifornimento dell’acqua, dello spurgo dei pozzi neri e alla fornitura di altri servizi comuni.

Inoltre, se nel condominio è previsto il servizio di portierato, sarà l’inquilino a sostenere al suo pagamento nella misura del 90%.

Spetta, invece, al proprietario di casa intervenire sulle spese straordinarie: ci riferiamo agli interventi eccezionali, come il rifacimento del tetto, la sostituzione di un ascensore o di una caldaia, gli interventi sugli impianti, il rifacimento della facciata condominiale.

Il proprietario di casa è responsabile del condominio: è lui a rischiare legalmente nel caso in cui l’affittuario non dovesse saldare le spese condominiali. È chiaro che, il proprietario, può avvalersi sull’inquilino attraverso la richiesta di sfratto, se entro 60 giorni dalla scadenza della prima mensilità non pagata dovesse continuare a essere moroso.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook.

Spese tra locatore e conduttore: spese appartamento

Per quanto riguarda le spese legate alla manutenzione dell’appartamento abitato dall’inquilino, è prima di tutto obbligo del proprietario consegnare l’abitazione in perfetto stato.

Le spese di piccola manutenzione, come possono essere la tinteggiatura di una parete, la sostituzione dei pavimenti, oppure le riparazioni degli impianti idrici, elettrici, di riscaldamento, condizionamento o del soffitto, sono a carico dell’inquilino.

Tutte le altre spese di manutenzione, per interventi obbligati dall’usura dell’edificio oppure non legati alle opere comuni di manutenzione ordinaria, sono a carico del proprietario di casa.

Non sempre, però, è facile capire a chi tocca intervenire nel coprire le spese, soprattutto se un inquilino abita l’appartamento da anni e, quindi, l’immobile è invecchiato con lui all’interno.

In questo caso il logoramento dell’appartamento è responsabilità del locatore o del conduttore? La normativa prevede che la competenza sulle spese venga stabilita in base all’uso dei locali. Quando non è possibile stabilire la competenza, le spese sono a carico dell’inquilino.

Quando l’inquilino copre le spese che spetterebbero al proprietario di casa, può chiedere a quest’ultimo il rimborso: ciò può avvenire solo attraverso una rapida comunicazione dei costi sostenuti.

Per venire incontro a proprietari di casa e inquilini ed evitare contenziosi legali, sono state registrate alcune tabelle che stabiliscono le spese a carico dell’una o dell’altra persona.

La prima tabella di ripartizione delle spese è stata concordata tra la Confedilizia e la SUNIA-SICET-UNIAT nel 2014. Successivamente, con un decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ne è stata registrata un’altra, praticamente simile, nel 2017.

Spese tra locatore e conduttore
Spese tra locatore e conduttore: a chi spettano?

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp