Home / Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie / Sport Bonus 2023: a chi spetta e come funziona

Sport Bonus 2023: a chi spetta e come funziona

Scopri tutto quello che c'è da sapere sullo Sport Bonus 2023, l'agevolazione dedicata allo sport e al benessere fisico.

Immacolata Duni è un'avvocato e copywriter, specializzata in welfare.
Conoscila meglio

6' di lettura

Scopri tutto quello che c’è da sapere sullo Sport Bonus 2023, l’agevolazione dedicata allo sport e al benessere fisico. Continua nella lettura per sapere a chi spetta, come funziona e come richiederlo. (scopri le ultime notizie sul bonus 150 euro e poi leggi su Telegram tutte le news sui pagamenti dell’Inps. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp e nel gruppo Facebook. Seguici anche su su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Sport Bonus 2023: in cosa consiste

La Legge di bilancio del 29 dicembre 2022, rinnova la possibilità di effettuare donazioni per la manutenzione e il restauro di impianti sportivi pubblici, nonché per la costruzione di nuove strutture sportive pubbliche.

È questo lo Sport Bonus 2023, che ha l’obbiettivo di incentivare la creazione di impianti sportivi nel nostro territorio.

Le imprese che effettueranno queste donazioni potranno beneficiare di un credito d’imposta pari al 65% dell’importo donato, utilizzabile in tre quote annuali di uguale importo.

Le aziende possono donare massimo il 10% dei ricavi annuali, fino ad un massimo di 15 milioni di euro per l’anno corrente.

Tra le agevolazioni economiche che la nuova legge di bilancio ha previsto per il settore sportivo, ci sono quelle che ritroviamo nel Titolo VIII della Legge n. 197 del 29 dicembre 2022.

I settori interessati da questi Bonus sono i seguenti:

  • turismo;
  • sport;
  • cultura;
  • informazione.

I benefici economici, nello specifico, sono i seguenti:

  • il Fondo unico a sostegno del potenziamento del movimento sportivo italiano, aumentato di 2 milioni di euro, di cui 1 milione di euro destinato alle atlete non professioniste in maternità;
  • il credito di imposta per gli imprenditori che restaurano impianti sportivi, che non può superare il 20% del reddito imponibile;
  • il credito d’imposta per le sponsorizzazioni sportive (per il primo trimestre del 2023) entro un limite di 10 mila euro;
  • il credito d’imposta prorogato al 2023 per le erogazioni liberali che i privati fanno per sostenere la manutenzione, il restauro o la costruzione di impianti sportivi pubblici, in misura pari al 65% delle erogazioni effettuate, anche nel caso in cui queste ultime siano destinate ai soggetti concessionari o affidatari degli impianti medesimi.

Questi crediti d’imposta sono riconosciuti alle persone fisiche e agli enti non commerciali, nonché ai soggetti titolari di reddito di impresa.

I crediti d’imposta sono fruibili in tre quote annuali di pari importo, o tramite il meccanismo della compensazione e non vengono calcolati ai fini del calcolo delle imposte sul reddito.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Edotto

Sport Bonus 2023: chi può richiederlo e come

Come abbiamo visto, la domanda può essere fatta solo da imprese e aziende che effettuano donazioni per impianti sportivi esistenti o da costruire.

Chi può beneficiarne?

  • lavoratori autonomi;
  • imprese;
  • enti non commerciali.

Questi soggetti devono investire in sponsorizzazioni e campagne pubblicitarie a sostegno dello sport.

beneficiari della pubblicità devono essere:

  • leghe che organizzano campionati nazionali a squadre nell’ambito delle discipline olimpiche;
  • società sportive professionistiche;
  • associazioni/società sportive dilettantistiche iscritte al registro CONI.

La domanda può essere inviata in due finestre temporali: una è iniziata il 30 maggio e la seconda aprirà il 15 ottobre.

Dalla data di apertura, le aziende avranno 30 giorni di tempo per presentare la domanda, tramite la piattaforma online.

La procedura per inviare la domanda verrà attivata a breve su un’apposita piattaforma online:

  • inserire la denominazione dell’ente/impresa/professionista del richiedente;
  • inserire un indirizzo email;
  • creare una password.

La documentazione da allegare all’istanza è la seguente:

  • dati identificativi del richiedente e del suo rappresentante legale;
  • dati del contratto di sponsorizzazione (numero, data e durata espressa in mesi);
  • copia della fattura elettronica per cui si richiede il credito d’imposta;
  • copia della quietanza di pagamento;
  • dati relativi all’ente sponsorizzato e certificato iscrizione CONI;
  • dati relativi all’asseveratore.

documenti devono essere firmati dal richiedente e dall’osservatore.

Se hai bisogno di informazioni specifiche puoi scrivere una e-mail a [email protected].

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

Sport Bonus 2023
Sport Bonus 2023. In foto bambini che giocano a calcio.

Sport Bonus 2023: importi

L’articolo 1, comma 614, della Legge n. 197/2022, proroga il Bonus Sport per i titolari di reddito d’impresa, per tutto il 2023, entro il limite del fondo stanziato di 15 milioni di euro.

Il Bonus sport per le erogazioni liberali per restauro o costruzione di impianti sportivi danno diritto a un credito d’imposta pari al 65% delle erogazioni effettuate.

Il credito d’imposta è fruibile in tre quote annuali o tramite il meccanismo della compensazione e non rileva ai fini delle imposte sui redditi e dell’imposta regionale sulle attività produttive.

Riconfermato per il primo trimestre del 2023 il credito d’imposta per investimenti pubblicitari. È pari al 50% dell’investimento pubblicitario effettuato, per un importo massimo di 10.000 euro.

Il fondo stanziato dal Governo per questo Bonus è di 35 milioni di euro.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

Sport Bonus 2023 diverso dal Bonus per collaboratori sportivi

I bonus citati prima sono diversi dal Bonus 200 euro destinato ai collaboratori sportivi, la cui gestione è stata affidata a Sport e Salute S.p.a.

Si tratta di una società pubblica italiana che si occupa dello sviluppo dello sport in Italia e fornisce servizi di carattere generale alle federazioni, agli organismi sportivi e ai cittadini.

Il bonus 200 euro ai collaboratori sportivi è stato pagato nel 2022.

In particolare, per questa categoria, il voucher fondo perduto è stato previsto per i collaboratori sportivi che hanno ricevuto, per almeno una mensilità, le indennità erogate durante le restrizioni connesse alla crisi pandemica.

Il pagamento è arrivato automaticamente da Sport e Salute.

Abbiamo parlato dello Sport Bonus 2023.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul bonus 150 euro:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie